mercoledì 29 maggio 2019

eFattura, ancora criticità dopo 5 mesi da obbligo: Siav è partita bene


A 5 mesi dall’entrata in vigore della fatturazione elettronica B2B, i clienti SIAV sono soddisfatti. Sono 541 i milioni di fatture elettroniche circolate attraverso il Sistema di Interscambio da gennaio ad aprile 2019, stando ai dati forniti dall’Agenzia delle Entrate. La maggior parte delle imprese italiane infatti, da cinque mesi a questa parte, emette e riceve fatture esclusivamente in formato elettronico. Secondo i dati dell’Osservatorio del Politecnico di Milano*, per ottemperare alla normativa nel modo più appropriato, circa il 75%  di esse si è affidata, in toto o in parte, a servizi in outsourcing offerti da organizzazioni ICT specializzate nella gestione digitale di documenti e processi aziendali.

SIAV, azienda leader in Italia nella fornitura di software e servizi informatici per la fatturazione elettronica, la dematerializzazione, la gestione documentale e per il miglioramento di tutti i processi digitali aziendali, ha analizzato i primi mesi di fatturazione elettronica obbligatoria e ne ha tratto un primo bilancio. “Statisticamente possiamo affermare che la percentuale di fatture passive dei nostri clienti che va in errore è inferiore all’1%. È evidente che la situazione ideale sarebbe riscontrare un margine di errore pari a 0, ma il trend di fatture elettroniche in errore da gennaio è in costante riduzione: segno che stiamo lavorando nel modo corretto e che, giorno dopo giorno, stiamo circoscrivendo e risolvendo anche le criticità più isolate”, afferma Leonardo Bernardi, General Manager di Siav.

Nonostante l’esperienza positiva dei clienti SIAV, il mercato ha comunque evidenziato numerose problematiche legate ai servizi di fatturazione elettrica e conservazione. Tra le criticità più frequentemente segnalate vi sono ad esempio casi di fatture ricevute da un intermediario, ma che non appartengono a suoi clienti e che contengono un codice destinatario che non è il suo oppure fatture che, pur appartenendo ad un cliente dell’intermediario, non sono state recapitate nel cassetto fiscale del contribuente. Numerose anche le mancate ricezioni di fatture passive (e relative notifiche) di esito da parte degli intermediari, per problemi di comunicazione con il SdI. Da gennaio i soggetti passivi Iva non ricevono più le fatture dal proprio Fornitore, ma attendono che queste siano loro recapitate dallo SdI.


“Nel complesso - continua Bernardi – possiamo dichiararci più che soddisfatti di questi primi mesi di fatturazione elettronica B2B e l’opinione positiva dei nostri clienti è la conferma che l’approccio di Siav ha garantito affidabilità, compliance alla normativa e performance di invio e ricezione estremamente superiori alla media degli altri operatori del mercato”. Grazie a soluzioni efficienti, che consentono di conseguire margini di errore limitati, le aziende possono concentrarsi sui reali vantaggi della fatturazione elettronica: dall’integrazione con l’ERP alla riduzione del data entry manuale, dalla gestione di fatture differenti con un unico template all’eliminazione del cartaceo. Un ERP (Enterprise Resource Planning) è un sistema informatico per la gestione integrata dei processi aziendali.

La gestione digitale delle fatture, attive o passive che siano, per essere massimamente efficiente, si dovrebbe inoltre inserire all’interno di un concetto più ampio, ossia la digitalizzazione dell’intero processo di business, dall’invio dell’ordine al Fornitore all’emissione della fattura al cliente. La progressiva digitalizzazione di tutti flussi informativi aziendali, scambiati tra i diversi attori, consente di rendere ancora più efficiente la gestione dei processi di tipo “procure to pay” e “order to cash”. “Dopo aver aiutato i nostri clienti a rispondere alla normativa, abbiamo avviato progetti di digitalizzazione dei cicli di fatturazione attiva e passiva, che stando a recenti stime dell’Osservatorio per l’Innovazione Digitale del Politecnico di Milano garantiscono risparmi fino a 65 euro per fattura trattata”, aggiunge Bernardi.

“Anche in questo caso Siav non si limita ad offrire servizi compliant alla novità legislative ma realizza soluzioni che consentano ai propri clienti di essere sempre più efficienti e competitivi”, conclude Bernardi. SIAV è la prima azienda italiana nel settore dell’ECM (Enterprise Content Management), con prodotti per la Gestione Elettronica dei Documenti, il Workflow Management e la Conservazione Digitale. SIAV vanta oltre 3.000 installazioni nel mercato pubblico e privato, ed importanti referenze quali Banca d’Italia, il Gruppo Unipol, il gruppo farmaceutico Menarini, Granarolo, Artsana, Coop, Conad, Ermenegildo Zegna, Kerakoll, Bolton Group, Consob, INVASS etc..  Per maggiori informazioni, visitare www.siav.it *Osservatorio Digital Innovation Politecnico di Milano – “Le infografiche 2018: i numeri chiave dell’innovazione digitale”.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...