giovedì 29 settembre 2011

Amazon presenta Silk, il nuovo browser per tablet basato sul cloud


Amazon ha creato in Silk, un browser basato su WebKit con SPDY per mantenere una singola connessione con i servizi ospitati su AWS in cui le pagine web sono precaricate e pronte ad essere spinte nel dispositivo. L'effetto: una navigazione più veloce, meno consumo di energia del dispositivo e una maggiore sicurezza. Silk ha un diverso approccio alla navigazione, l'esecuzione dei sottosistemi browser - Networking, HTML, CSS, Rendering, è ripartito tra la tavoletta e il cloud, il browser decide dinamicamente cosa eseguire su AWS e ciò che resta da eseguire a livello locale.

AWS è vista come una cache illimitata per memorizzare le immagini, i file JavaScript e CSS delle pagine che gli utenti vanno a caricare con Silk, così "non ci vuole un singolo byte di archiviazione sul dispositivo reale", secondo Jon Jenkins, direttore di sviluppo software, Amazon Seta. Che ha un impatto positivo sugli 8GB di memoria interna del piccolo Kindle Fire. I servizi AWS che alimentano le pagine di Silk preparano il contenuto prima di essere consegnate.

Per esempio, le immagini vengono automaticamente tagliate fino ad una risoluzione corrispondente sullo schermo dove vengono visualizzate, rendendole di dimensioni più ridotte per una più rapida consegna e caricamento. Il browser mantiene una singola connessione aperta ai server di Amazon, pronti a chiedere più contenuti in caso di necessità. Inoltre, Silk non ha bisogno di attendere per ottenere l'intera pagina HTML in modo da conoscere quali altri contenuti, perché i server hanno le pagine di richiesta indicizzate, sapendo quali contenuti devono essere consegnato insieme al codice HTML.

Silk può anche eseguire il codice JavaScript su AWS e compilarlo per ARM, secondo ArsTechnica. E decide quando caricare le pagine web standard o cellulare in base alle preferenze dell'utente. Amazon non ha dettagliato altri aspetti tecnici del browser, ma le sue opportunità di lavoro suggeriscono che Silk è basato sul motore di rendering WebKit e fa grande uso di SPDY , il protocollo di Google che gira su SSL e ha lo scopo di ridurre la latenza introdotta da HTTP.



Fonte: Infoq

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...