mercoledì 29 giugno 2011

Google presenta Google+, il suo social network che sfida Facebook


Dopo mesi di indiscrezioni Google annuncia il suo nuovo social network Google+. Il servizio è al momento riservato ad un numero limitato di utenti, che presto saranno abilitati ad invitare altre persone per condividere informazioni, fotografie e link. Ma il nuovo Google plus fa capire che il colosso di Mountain View è pronto a lanciare la sfida a Facebook ed entrare nel mercato dei social network. L'idea è molto simile ad altri servizi di social network, ma Google tenta di differenziare Google+ consentendo una maggiore trasparenza con chi condividi e come interagisci.  Inoltre, integra tutti i servizi Google e visualizza una nuova barra dei menu di Google+ su altri servizi.

Una delle differenze tra Google+ e Facebook è la dimensione dei gruppi. "Vogliamo portare nel software le sfumature e la ricchezza delle interazioni che sono proprie della vita reale. Vogliamo fare di Google un posto migliore includendo voi, le vostre relazioni e i vostri interessi. È da questa necessità che nasce il Progetto Google+", scrive Vic Gundotra, Senior Vice President, Engineering, sul blog ufficiale. Tra le funzioni di Google+ c’è anche +Circles che permette agli utenti di raggruppare persone a loro vicine in diverse categorie e decidere quali informazioni condividere con quale gruppi. Le cerchie sono solo un modo per creare circoli sociali personalizzati, indipendentemente dal fatto che siano centrati sul lavoro o sulle attività personali.

Questo ha senso quando si pensa alla vita reale "circoli privati". "Con +Circles condividiamo quello che conta, con le persone che contano di più, perchè non tutti i rapporti sono uguali. Così nella vita abbiamo in comune una cosa con compagni di scuola, un altro con i genitori, e quasi nulla con il nostro capo", commenta Gundrota. Piuttosto che condividere tutti gli aggiornamenti con un pubblico di centinaia o migliaia, il servizio mira a personalizzare la condivisione con gruppi più piccoli. Funzionalità simili sono ora disponibili per Facebook, anche se a volte Facebook è meno trasparente nelle impostazioni di condivisione. Ad esempio, commentare i post di qualcun altro in Facebook consente spesso agli amici degli amici di vedere un post e anche di offrire commenti.

Nessuno utente all'interno di un Circles può vedere chi altro è nel cerchio. Inoltre, non può sapere che nome ha il cerchio o quante altre persone ci sono dentro. In Google+, un post non diventa visibile per impostazione predefinita per le persone che non erano originariamente incluse nella cerchia in cui è stata condivisa. +Google comprende anche la funzione Instant Upload, un’opzione che carica automaticamente tutti i contenuti video e le foto dal telefonino o da qualsiasi altro dispositivo all’account personale dell’utente. "Mentre scattate delle foto, e con il vostro permesso, Google + aggiunge la vostra foto in un album privato nella nuvola. In questo modo sono sempre disponibili attraverso i dispositivi pronti a condividerle come meglio credete", prosegue Gundrota.


Poi c'è Sparks, simile al "Like" di Facebook, che consente all’utente di segnalare contenuti, notizie, video o foto interessanti. "Grazie alla competenza web di Google, Sparks offre un feed di contenuti altamente contagiosi provenienti da Internet. Su qualsiasi argomento che si desidera, in oltre 40 lingue. Basta aggiungere i vostri interessi, e avrete sempre qualcosa da guardare, leggere e condividere, con solo il cerchio di amici", afferma Gundrota. Sparks è una funzionalità che fondamentalmente crea una ricerca salvata per trovare "scintille" di interesse all'interno di feed pubblici. Cliccando su Sparks si vedranno un certo numero di Sparks preimpostate fornite da Google. Basta digitare qualsiasi area di interesse nel campo Sparks e Google inizierà a recuperare notizie per te.

Oltre a ciò, Google+ ha una funzione chiamata Hangouts che consente agli utenti di scoprire su quali siti i propri amici stanno navigando. E, se l'utente decide di prendere parte a un ritrovo abituale, da loro la possibilità di chattare con gli altri membri presenti. L'intenzione di Google è di far utilizzare alle persone Google+ come strumento di condivisione sul web delle esperienze della vita reale, nonostante che ormai che si tende a fare la cosa opposta. Gli Hangouts sono solo videochat e instant messaging. Puoi avviare un Hangout dal tuo telefono o desktop. Gli Hangout consentono inoltre chat di gruppo con testo o video per un massimo di dieci utenti. Anche questa non è una funzione esclusiva di Google+, ma l'implementazione è più semplice da utilizzare rispetto a molti prodotti comparabili.

Google Hangouts può anche essere trasmesso pubblicamente su YouTube utilizzando Google Hangouts in diretta. Una delle funzioni più popolari di Google+ è stata l'upload istantaneo da cellulari con fotocamera e opzioni di modifica delle foto. Google cannibalizzato diverse società di fotoritocco on-line al fine di migliorare questa funzione, ma, alla fine, Google Foto è stata separata da Google ed è diventato il proprio prodotto. Puoi ancora utilizzare e pubblicare le foto di Google caricate su Google+ e condividerle in base alle cerchie che hai impostato. Tuttavia, puoi anche utilizzare Google Foto per condividere foto con altri social network, come Facebook e Instagram. Google+ consente il check-in della posizione dal tuo telefono. Questo è simile a Facebook o ad altri check-in di posizione delle app social.

Tuttavia, la condivisione della posizione di Google+ può anche essere impostata in modo predefinito. Il servizio di Mountain View mira alla condivisione di informazioni tra piccole entità, offrendo messaggi e videochat, ma senza coinvolgere tutto il Web. A partire da oggi Google + è disponibile su Android Market per il web mobile. Al momento Google sta testando il progetto Google+ con un ristretto numero di persone, ma presto sarà aperto a tutti. Potete lasciare il vostro indirizzo email e sarete i primi a sapere quando Google sarà pronto a invitare più persone. Secondo alcuni analisti la mossa di Google potrebbe essere troppo tardiva, visti anche i precedenti non andati molto bene, come Buzz e Orkut, avendo capito l'importanza dei social network solo quando Facebook e Twitter erano diventati dei giganti.








Via: Lifewire

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...