mercoledì 23 giugno 2010

Twitter: Mondiali di Calcio 2010 esca per gli attacchi dei cybercriminali


I Mondiali di Calcio 2010 sono il primo grande evento sportivo dell'era dei social media, non sorprende dunque che i cybercriminali sfruttino la popolarità di questa manifestazione per provare a sottrarre ai tifosi informazioni personali e dati confidenziali. E anche i social network vengono utilizzati a questo scopo. Uno degli ultimi attacchi prende di mira, infatti, gli utenti di Twitter. I ricercatori Trend Micro hanno identificato alcuni programmi pericolosi che vengono distribuiti attraverso il noto sito di microblogging. 

Questo tipo di campagna di diffusione malware sfrutta eventi di grande richiamo per ingannare gli utenti e fare in modo che facciano click su link pericolosi presenti all'interno dei vari Tweet. In pratica viene inviato un Tweet che invita a cliccare su un link relativo ai Mondiali. Uno degli ultimi attacchi prende di mira, infatti, gli utenti di Twitter. I ricercatori di Trend Micro hanno identificato alcuni programmi pericolosi che vengono distribuiti attraverso il noto sito di microblogging. 

Questo tipo di campagna di diffusione sfrutta eventi di grande richiamo per ingannare gli utenti e fare in modo che facciano click su link pericolosi presenti all'interno dei vari Tweet. Cliccando su questi collegamenti gli utenti scaricano inconsapevolmente la copia di una backdoor (BKDR_BIFROSE.SMK) che collega a indirizzi IP dai quali un utente remoto può eseguire attività illecite sui Pc colpiti: l'invio e la ricezione di file o la sottrazione di username e password. 

Cliccando sul link gli utenti scaricano inconsapevolmente la copia di una backdoor che collega a indirizzi IP dai quali un utente remoto può eseguire attività illecite sui PC colpiti: ad esempio l'invio e la ricezione di file, la registrazione dei tasti digitati (keylogging), la sottrazione di username e password. La backdoor ha anche funzioni di rootkit grazie alle quali riesce a nascondere i propri processi e file alle ignare vittime.

Via: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...