venerdì 9 aprile 2010

La Polizia Postale sventa truffa alla nigeriana da 30mila euro


La Polizia Postale e delle Comunicazioni di Pescara ha sventato una truffa on line di 30.000 euro che alcuni ignoti stavano mettendo a segno ai danni di due coniugi sordomuti. Il personale e' stato contattato dal responsabile della Sicurezza di una banca che gli segnalava un prelievo sospetto da parte di una loro cliente sordomuta, che si era recata presso la Tercas chiedendo di prelevare 30.000 euro dal proprio conto.
Il personale della sezione di Teramo a quel punto si e' recato a casa dei coniugi che vivevano con una figlia minorenne, scoprendo che i marito e moglie avevano ricevuto una e-mail nella quale si comunicava la vincita di una fantomatica lotteria tenutasi in Inghilterra e che erano quindi i fortunati destinatari della somma di 650.000 sterline. I truffatori, per poter iniziare la pratica di accredito della somma, avevano gia' richiesto un pagamento di 700 euro, che i poveretti avevano gia' inviato con la Western Union a favore di un cittadino inglese, e che quegli altri 30.000 euro erano stati richiesti per le spese notarili e altri intoppi burocratici.
Nonostante le difficolta' incontrate, gli agenti sono riusciti a far capire ai due che purtroppo erano stati truffati dei 700 euro e che avrebbero sicuramente perso anche gli altri 30.000 se li avessero prelevati. Per questo hanno suggerito ai due di non inviare altro denaro ma di sporgere querela per quello che era successo.
Tale truffa, spiega la Polizia Postale, e' l'esempio di un classico tipo di truffa meglio nota con il nome di ''lotteria nigeriana'' nella quale la vittima, prima di ottenere il denaro vinto deve anticipare delle spese per asserite questioni burocratiche o tecniche. Il malcapitato, fidando nella vincita, in genere anticipa queste spese rimanendo pero' a bocca asciutta.

Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...