giovedì 31 ottobre 2019

Internet, 50 anni fa prima comunicazione su Arpanet: come avvenne


Cinquant'anni fa, due lettere venivano trasmesse online, alterando per sempre il modo in cui la conoscenza, l'informazione e la comunicazione sarebbero state scambiate. Il 29 ottobre 1969, Leonard Kleinrock, professore di informatica all'Università della California (UCLA), e il suo studente laureato Charley Kline volevano inviare una trasmissione dal computer dell'UCLA a un altro computer presso lo Stanford Research Institute (SRI) attraverso l'ARPANET, il precursore di ciò che ora conosciamo come la Rete. ARPANET collegava le università che lavorano per il Dipartimento della Difesa nell'ambito del suo programma ARPA (adesso DARPA) per le nuove tecnologie militari.

Nel 1977 l'ARPANET (Advanced Research Projects Agency Network - agenzia per i progetti di ricerca avanzata per il Dipartimento della Difesa) era cresciuto ulteriormente con collegamenti dalla terraferma degli Stati Uniti alle Hawaii e collegamenti con la Norvegia e il Regno Unito. Concentrandosi su quel giorno del 1969, Steve Crocker (che all'epoca era uno studente laureato all'UCLA) ha guidato lo sviluppo del software NCP. Il Network Control Program fornì l'host-to-host (AHHP) e l'Initial Connection Protocol (ICP) per ospitare lo stack del software di controllo della trasmissione. Le prime versioni di Telnet e FTP funzionavano in cima all'NCP che ha standardizzato l'interfaccia di ARPANET, semplificando la creazione e consentendo a un numero sempre maggiore di siti DARPA (ovvero Defense Advanced Research Projects Agency) di aderire alla Rete.

Nel 1969, solo quattro università avevano un computer - che, secondo Kline al magazine OZY erano "di dimensioni stanziali... con aria condizionata sotto il pavimento" - collegati alla rete: UCLA, Stanford, Università della California, Santa Barbara (UCSB) e l'Università dello Utah. Il messaggio inviato da Kleinrock e Kline doveva essere la parola "LOGIN". Il loro sistema andò in tilt e si bloccò, tuttavia, non appena digitarono la seconda lettera. Come scrive Usa Today, ci volle un'ora per inviare l'intera parola, ma ormai "LO" consolidava il suo posto nella storia di Internet. Per Kleinrock, il messaggio comunque assunse un significato completamente diverso. "'L" e "O" furono "HELLO" e un messaggio più succinto, più potente, più profetico che non avremmo potuto desiderare", disse a OZY. Col passare del tempo, Arpanet diventò sempre più diffusa.

La velocità di connessione che consentì lo scambio di dati fu di 50 kbps (che è circa 2700 volte più lento rispetto alle connessioni a banda larga che abbiamo oggi). Due anni dopo, nel 1971, fu inviata la prima e-mail dal ricercatore del MIT (Massachusetts Institute of Technology) Ray Tomlinson, che era anche la prima volta che il segno "@" veniva utilizzato per designare il destinatario specifico di un messaggio. "Il primo messaggio fu abbastanza insignificante e in realtà l'ho dimenticato - spiegò qualche anno dopo aver creato il nuovo simbolo - Probabilmente si trattò di QWERTYUIOP o qualcosa del genere". Nel 1973 a Vint Cerf fu chiesto di lavorare su un protocollo per sostituire il protocollo NCP originale. Il nuovo protocollo è ora noto come TCP/IP. Ovviamente, tutti dovevano passare da NCP a TCP e questo fu delineato in RFC801.

All'epoca (1982 e 1983) c'erano da 200 a 250 host su ARPANET, ma quella transizione era ancora una grande impresa. Alla fine, il 1° gennaio 1983, quattordici anni dopo il flusso del primo pacchetto, il protocollo NCP fu ritirato e il TCP/IP fu abilitato, si legge su ClouFlare. ARPANET ottenne quello che sarebbe diventato il primo schema di indirizzamento su larga scala di Internet (IPv4). Questo era migliore per molti aspetti; ma in realtà questa transizione fu solo un altro trampolino di lancio verso la nostra Internet moderna. Il World Wide Web (noto con la sigla WWW), come lo conosciamo ora, non fu inventato fino al 1989, quando lo scienziato informatico britannico del CERN Tim Berners-Lee inventò la Rete e le tecnologie per accedere, creare e condividere le pagine Web. Pubblicò la prima pagina web nel 1991, che è tutt'ora online (QUI).

Lo schema di indirizzamento TCP/IP richiedeva che ogni computer o dispositivo connesso a Internet avesse un proprio indirizzo univoco, che, per ragioni computazionali, era una stringa di numeri come "192.168.2.201". Ma era difficile da ricordare per le persone - era molto più facile ricordare qualcosa come "indiana.edu". Ci doveva essere un registro centralizzato di quali nomi andavano con quali indirizzi, in modo che le persone non si confondessero o finissero per visitare un sito che non avevano intenzione di vedere. Inizialmente, a partire dalla fine degli anni '60, quei file erano contenuti su un dischetto da Jon Postel, custode anche dei primi documenti (Request For Comment o RFC). Nel 1998, però, lui e altri stavano sottolineando che una tale quantità significativa di potere non doveva essere detenuta da una sola persona.

Quell'anno, riporta The Conversation, vide il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti elaborare un piano per il controllo della transizione verso una nuova organizzazione privata senza scopo di lucro, la Internet Corporation for Assigned Names and Numbers - meglio conosciuta come ICANN - che avrebbe gestito indirizzi Internet in tutto il mondo. Per quasi 20 anni, l'ICANN ha svolto questo lavoro con un contratto del Dipartimento del Commercio, sebbene le obiezioni sul controllo del governo degli Stati Uniti siano cresciute costantemente. Nel 2016, il contratto del Dipartimento del Commercio è scaduto e la governance dell'ICANN è passata a un consiglio di rappresentanza di oltre 100 paesi. L'organizzazione gestisce il sistema di nomi di dominio online, ad esempio, come la parte finale degli indirizzi dei siti web ".com" o ".it".


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...