sabato 22 settembre 2018

Google porta completo restyling e maggiore sicurezza in Chrome 69


Per celebrare il 10° anno dal lancio iniziale, Google ha rilasciato Chrome 69 per le piattaforme desktop e mobile supportate, l'ultimo aggiornamento al suo browser web con il quale porta un grande restyling, adottando il Material Design 2.0 dell'azienda. Il Material Design è stato rilasciato per la prima volta nel 2014 in alcune applicazioni Google come test di progettazione. Nel corso degli anni, il design è stato integrato nella maggior parte dei servizi offerti da Google. La riprogettazione aggiunge anche l'integrazione del centro notifiche di Windows 10, gesture del touchpad e gli aggiornamenti di riempimento automatico. Due di questi hanno fatto apparizioni in versioni beta precedenti.

Oltre al supporto all'esecuzione delle app Linux sui Chromebook, questa build offre alcune nuove funzionalità come le informazioni sui risultati della ricerca istantanea nella "Omnibox" per meteo, sport e altri elementi della scheda di ricerca. Gli utenti di Windows 10 ottengono i vantaggi più interessanti con il supporto del touchpad al fianco dell'integrazione del centro notifiche. Ci sono anche una serie di misure di sicurezza utili introdotte da Chrome 69.0.3497.95 per Windows, Mac e Linux, Chrome OS, Android e iOS. L'estensione Password Alert è ora completamente integrata, il che aiuta a limitare il danno di digitare la password di Google nel sito sbagliato, invocando il reset della password quando viene inserita in una pagina Web dall'aspetto sospetto.

Affinché Password Alert possa funzionare è necessario che una volta installata l'estensione, per attivarla, si effettui l'accesso al proprio account Google agendo dalla notifica Chrome in basso a destra dello schermo (che apparirà subito dopo l'installazione). Il browser è ora più efficace nel riempire le password insieme ai numeri e agli indirizzi delle carte di credito. Adobe Flash, che è stato a lungo una fessura facilmente utilizzabile nell'armatura per computer, ora è disabilitato per impostazione predefinita. Se un sito Web richiede il permesso di utilizzare Flash, bisognerà permetterlo ogni volta che si riavvierà il browser. Ci si aspetta di vedere altri che seguiranno l'esempio di Chrome prima della data di ritiro definitivo di Flash previsto per il 2020.


Chrome 69 presenta un nuovo tema con angoli arrotondati ovunque, una barra degli indirizzi ridisegnata e animazioni e transizioni più fluide. Invece di angoli acuti e angolari, le linguette ora sono arrotondate in alto a sinistra e a destra, così come nel fondo dove si inclinano col resto della barra. Per enfatizzare meglio la pagina corrente che si sta visualizzando, le altre schede perdono il loro contorno e sono visivamente separate solo con una linea breve. Allo stesso modo, la nuova icona "+" per l'apertura di un nuovo tab perde il pulsante ben definito. La barra degli indirizzi ora è a forma di pillola con angoli arrotondati. Il menu a discesa dei suggerimenti di ricerca e degli URL copre solo la lunghezza della omnibox anziché l'intera larghezza della pagina.

Oltre alla riprogettazione e al supporto per Linux, questa versione di Chrome OS ha Night Light, che è la versione di Google di f.lux e Apple Night Shift. Come gli altri strumenti software, Night Light aumenta il calore del colore e consente di gestire l'aspetto del display sugli occhi durante il giorno, potendo essere programmato all'alba e al tramonto. Questa versione contiene anche una serie di correzioni di bug. Nel tentativo di ridurre apparentemente i caratteri "banali", Chrome 69 beta aveva smesso di visualizzare www. e m. negli indirizzi dei siti Web nella omnibox. Secondo gli sviluppatori del browser, questo non era un aspetto pertinente e non era necessario preoccuparsene nel 2018. Ma questo non è stato soddisfacente per molti netizen ed esperti.

Molte persone  hanno segnalato un bug su Chromium sulle lettere mancanti, l'assenza di www. può indurre in errore le persone a pensare di trovarsi nel sito sbagliato. Ad esempio, www.pool.ntp.org e pool.ntp.org sono due servizi molto diversi: il primo è un sito Web e il secondo è un server NTP casuale. Google ha risposto alle preoccupazioni e alla confusione del nuovo tweak ripristinando il "www" su Chrome 69 stabile. Per aggiornare Google Chrome seguire questi semplici passaggi: aprire il browser Chrome; andare sui tre punti all'estrema destra della barra degli strumenti e fare clic; passare il puntatore su "Guida"; si apre una finestra, fare clic su "Informazioni su Google Chrome". Appena l'update è disponibile, ci sarà un'opzione per il download e l'installazione.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...