sabato 1 settembre 2018

Bloomberg, accordo tra Google e Mastercard: clienti tracciati offline


Nell'ultimo anno, una collaborazione tra Google e Mastercard ha permesso a inserzionisti selezionati di scoprire se i loro annunci online portassero alla vendita in un negozio "fisico" negli Stati Uniti. Il sistema era stato annunciato lo scorso anno da Google, ma la gran parte dei due miliardi di possessori della carta di credito non era a conoscenza di questo monitoraggio dietro le quinte. Questo perché le compagnie non hanno mai reso pubblico l'accordo. La possibilità di tracciare preferenze e acquisti degli utenti anche offline pone numerose questioni soprattutto in termini di privacy, dato che tale sistema di monitoraggio è predisposto in modalità predefinita all'insaputa degli utenti.

Google e Mastercard hanno negoziato una partnership commerciale nel corso di circa quattro anni di trattative, secondo quattro persone a conoscenza dell'accordo, tre delle quali hanno lavorato direttamente su di esso. Secondo Bloomberg, l'alleanza ha dato a Google un vantaggio senza precedenti per misurare la spesa al dettaglio, parte della strategia del gigante della ricerca per rafforzare la sua attività principale contro gli attacchi di Amazon e altri. Google avrebbe pagato milioni di dollari per avere i dati da Mastercard e le due società avrebbero discusso anche la divisione di una parte dei guadagni. Lo strumento consentirebbe a Google di approssimare quante volte il clic su una determinata pubblicità abbia condotto all'acquisto finale in un negozio "fisico". 

Ma l'accordo, che non è stato riportato in precedenza, potrebbe sollevare preoccupazioni più ampie sulla privacy di quanto le società di tecnologia dei dati dei consumatori come Google assimilano silenziosamente. "Le persone non si aspettano che ciò che acquistano fisicamente in un negozio sia collegato a ciò che stanno acquistando online", ha detto Christine Bannan, consulente del gruppo di difesa Electronic Privacy Information Center (EPIC). "C'è troppo peso per le aziende posto sui consumatori e non abbastanza responsabilità da parte delle aziende per informare gli utenti su cosa stanno facendo e quali sono i loro diritti".  Una portavoce di Google ha dichiarato che non esiste un accordo di ripartizione dei ricavi con i suoi partner.

Il sistema messo a punto da Google tramite il circuito Mastercard funziona più o meno così. Un utente vede l'annuncio di un prodotto online, clicca sulla pubblicità e naviga sul Web, ma non acquista nulla. Più tardi il cliente entra in un normale negozio e compra con la sua carta il prodotto che aveva visto pubblicizzato online. L'inserzionista che ha pubblicato l'annuncio riceve un rapporto da Google nel quale è elencata la vendita insieme ad altre transazioni in una colonna che riporta "Entrate offline". Il sistema funziona solo se il navigatore online accede a un account Google e ha effettuato l'acquisto entro 30 giorni dal clic sull'annuncio. Un tracciamento "Offline Revenue" senza che Google o Mastercard abbiano chiesto consenso esplicito ai propri utenti.

Agli inserzionisti viene fornito un rapporto collettivo con la percentuale di acquirenti che hanno fatto clic o hanno visualizzato un annuncio, quindi hanno effettuato un acquisto pertinente. Un portavoce di Mastercard ha detto che la società non visualizza i dati sui singoli articoli acquistati nei negozi. Gli acquirenti di annunci che collaborano con Google insistono sul fatto che l'azienda è attenta a mantenere una barriera tra le informazioni sulle transazioni e il comportamento sul Web, mantenendo anonime le informazioni che giungono ai rivenditori e ai professionisti del marketing. Google non fornisce informazioni precise sugli utenti, né garantisce una corrispondenza diretta tra la visualizzazione della pubblicità online e l'acquisto offline.

Lo scorso anno Google ha annunciato un servizio chiamato "Store Sales Measurement", ovvero il misuratore di acquisti in negozio, spiegando di avere accesso a circa il 70% delle carte di debito e credito negli Stati Uniti attraverso dei partner, senza citare la presenza di un accordo diretto con Mastercard. Un sistema efficace di Google per testare la valenza delle sue piattaforme pubblicitarie come Adsense e Adwords. Prima di lanciare il prodotto, Google ha sviluppato un nuovo metodo di crittografia, secondo Jules Polonetsky, responsabile del Future Privacy Forum, che è stato informato da Google sul prodotto. Ha spiegato che il sistema garantisce che né Google né i suoi partner per i pagamenti abbiano accesso ai dati raccolti dai rispettivi utenti.

Ogni utente con account Google può disattivare il sistema di tracciamento attraverso le impostazioni del servizio. Inizialmente, Google ha ideato la propria soluzione, un servizio di pagamento mobile chiamato Google Wallet. Ma l'adozione non è mai decollata, quindi Google ha iniziato a cercare alleati. Una portavoce ha detto che il suo servizio di pagamento non è mai stato utilizzato per la misurazione degli annunci. In passato Google ha fornito agli inserzionisti i dati relativi alla cronologia delle posizioni raccolte da Google Maps, ma questi dati non hanno mai indicato se un utente abbia acquistato un prodotto. È probabile che Google abbia stretto accordi riservati simili a quello stipulato con Mastercard, coinvolgendo altri gestori di carte di credito.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...