martedì 5 giugno 2018

Facebook ha condiviso dati degli utenti con creatori di device mobili


Raccogliendo nuove preoccupazioni sulle politiche di protezione della privacy di Facebook, sotto la lente d'ingrandimento questa volta è finita la pratica dell'azienda di condividere informazioni sui propri utenti con decine di produttori di smartphone e tablet. Anche prima che le app di Facebook fossero ampiamente disponibili sugli smartphone, la società aveva stretto delle partnership per la condivisione dei dati con i produttori di dispositivi. Sebbene l'azienda è d'accordo con molte delle preoccupazioni riguardo ai controlli sulle informazioni di Facebook condivise con gli sviluppatori di applicazioni di terze parti, non è d'accordo con i problemi che sono stati sollevati riguardo alle API.

Secondo quanto scrive il New York Times,  nell'ultimo decennio Facebook avrebbe stipulato accordi con almeno 60 produttori di smartphone, tablet e altri dispositivi mobili - tra cui Apple, Amazon, BlackBerry, Microsoft e Samsung - permettendo loro di accedere ai dati personali di migliaia di utenti e dei loro "amici" senza esplicito consenso. Le partnership hanno consentito a Facebook di espandere enormemente il proprio raggio d'azione e consentire ai creatori di dispositivi mobili di offrire ai clienti funzionalità popolari del social network, quali messaggi, pulsante "like" e rubriche. Ma i partenariati, la cui portata non è stata precedentemente segnalata, sollevano preoccupazioni riguardo la tutela della privacy della società e la conformità con un decreto di consenso del 2011 con la Federal Trade Commission.  

Facebook avrebbe consentito al dispositivo di accedere ai dati degli amici degli utenti senza la loro espressa approvazione, anche dopo aver dichiarato che non avrebbe più condiviso tali informazioni con gli estranei. Inoltre, alcuni produttori di dispositivi avrebbero potuto recuperare informazioni personali anche da amici degli utenti che ritenevano di aver vietato qualsiasi condivisione. La maggior parte di questi accordi è ancora in vigore, anche se Facebook ha iniziato a ridurle ad aprile di quest'anno. La società, che è già sotto controllo per l'uso improprio di milioni di dati dei suoi utenti dopo che lo scandalo delle perdite di dati di Cambridge Analytica è diventato pubblico, ha consentito alle aziende di dispositivi di accedere ai dati degli amici degli utenti senza il loro esplicito consenso.

Nel furore che ne è seguito, i funzionari di Facebook hanno affermato che il tipo di accesso sfruttato da Cambridge nel 2014 è stato interrotto l'anno successivo, quando Facebook ha proibito agli sviluppatori di raccogliere informazioni dagli amici degli utenti. Ma i leader della compagnia non hanno rivelato che Facebook aveva esentato i produttori di cellulari, tablet e altri hardware da tali restrizioni. Tuttavia, i leader hanno negato che le partnership violassero le sue politiche sulla privacy, l'accordo FTC e le promesse fatte agli utenti. Hanno affermato che gli accordi sono regolati da contratti che limitano strettamente l'uso dei dati, compresi quelli archiviati sui server dei partner, aggiungendo che non erano a conoscenza di casi in cui le informazioni erano state utilizzate in modo improprio. 

I dettagli delle partnership sono emersi in una resa dei conti nella Silicon Valley rispetto al volume di informazioni personali raccolte su Internet e monetizzate dall'industria tecnologica. La società vede i suoi partner di dispositivi come estensioni di Facebook, servendo i suoi oltre due miliardi di utenti, hanno detto i funzionari. Facebook ha riconosciuto che alcuni partner hanno archiviato i dati degli utenti, inclusi i dati degli amici, sui propri server, ma ha evidenziato di non essere a conoscenza di eventuali abusi. Nel 2008 Microsoft ha avviato una partnership con Facebook che ha permesso ai dispositivi di Redmond di aggiungere contatti e amici e ricevere notifiche, secondo un portavoce. Ha aggiunto che i dati sono stati archiviati localmente sul telefono e non sono stati sincronizzati con i server di Microsoft.

Un portavoce di Apple ha affermato che la società si è basata sull'accesso privato ai dati di Facebook per funzionalità che consentivano agli utenti di pubblicare foto sul social network senza aprire l'app di Facebook. Apple ha detto che i suoi telefoni non hanno più avuto accesso a Facebook lo scorso settembre. Samsung a Amazon hanno rifiutato di rispondere alle domande in merito. Usher Lieberman, portavoce di BlackBerry, ha dichiarato che la società ha utilizzato i dati di Facebook solo per fornire ai propri clienti l'accesso alle reti e ai messaggi su Facebook. Lieberman ha affermato che la società "non ha raccolto o minato i dati di Facebook dei nostri clienti", aggiungendo che "BlackBerry è sempre stata nel settore della protezione, non della monetizzazione, dei dati dei clienti".

Facebook ha dichiarato che i partner hanno firmato accordi che impedivano l'utilizzo delle informazioni personali per scopi diversi da quelli di ricreare esperienze simili a Facebook direttamente nel sistema operativo. "I partner non potevano integrare le funzionalità di Facebook dell'utente con i propri dispositivi senza il permesso dell'utente", ha dichiarato Ime Archibong, Vice Presidente delle partnership di prodotto. Circa un decennio fa, Facebook ha lanciato le API integrate nei dispositivi e ha affermato che tutte queste partnership sono state costruite per utilizzare Facebook indipendentemente dal dispositivo o dal sistema operativo. Le informazioni degli amici, come le foto, erano accessibili sui device solo quando le persone decidevano di condividere le proprie informazioni con quegli amici.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...