giovedì 10 maggio 2018

Axon annuncia primo comitato etico per AI applicata a Public Safety


Axon ha formato un comitato etico per guidare il suo lavoro sull’AI. Axon, leader globale nelle tecnologie connesse per le forze dell’ordine, annuncia la creazione di AI Ethics Board, il primo comitato di etica per l’intelligenza artificiale applicata alla sicurezza pubblica, che guiderà lo sviluppo dei dispositivi e dei servizi dell’azienda basati sull’AI. La missione del comitato è di fornire ad Axon una serie di pareri esperti e linee guida, con particolare attenzione all’impatto della tecnologia AI sulle comunità. L’AI Ethics Board è composto da esperti in vari settori tra cui, l’intelligenza artificiale, l’informatica, la privacy, le forze dell’ordine, i diritti e le libertà civili e le politiche pubbliche.

Axon, precedentemente noto come Taser International, ha riunito un gruppo eterogeneo di esperti con l’intenzione di avere una varietà di prospettive e opinioni durante le riunioni del comitato. Il consiglio discuterà sulle implicazioni etiche dei futuri prodotti Axon. La lista completa dei membri comprende: • Ali Farhadi, PhD, Professore associato di Informatica e Ingegneria presso la University of Washington, Senior Research Manager presso AI2 e CEO di Xnor.ai; • Barry Friedman, professore e direttore del Policing Project presso la New York University School of Law; • Jeremy Gillula, PhD, Privacy and Civil Liberties Technologist; • Jim Bueermann, presidente della Police Foundation; • Miles Brundage, Research Fellow presso il Future of Humanity Institute dell’Università di Oxford; 

Tracy Kosa, PhD, Fellow presso la Stanford University e Adjunct Professor presso la Seattle University School of Law; • Vera Bumpers, capo del dipartimento di polizia metropolitana di Houston, Presidente entrante della National Organization of Black Law Enforcement Executives (NOBLE); • Walter McNeil, sceriffo presso l’ufficio dello sceriffo della contea di Leon, in Florida, ex presidente dell’International Association of Chiefs of Police (IACP). Il comitato si riunirà due volte l’anno per discutere le implicazioni etiche delle tecnologie basate sull’intelligenza artificiale sviluppate da Axon. Come il portavoce Steve Tuttle ha spiegato a The Verge, questo idealmente stabilirà una serie di “principi etici dell’AI” all'interno del lavoro di polizia in cui determinati usi sono off-limits.

La discussione della prima riunione verterà su una serie di funzionalità future su cui il team di ricerca AI di Axon sta lavorando per aumentare l’efficienza e l’efficacia delle forze dell’ordine. L’obiettivo ultimo di Axon nello sviluppo della tecnologia di intelligenza artificiale è infatti quello di rimuovere la necessità che gli agenti di polizia svolgano interamente le pratiche burocratiche connesse al proprio lavoro. In futuro, la società potrebbe sviluppare sistemi di riconoscimento facciale in tempo reale. “Riteniamo che il progresso della tecnologia AI consentirà agli agenti delle forze dell’ordine di passare più tempo con le proprie comunità anziché rimanere bloccati davanti allo schermo di un computer a immettere dati”, afferma il CEO e fondatore di Axon, Rick Smith

“Riteniamo inoltre che la ricerca e la tecnologia dell’intelligenza artificiale da utilizzare nelle forze dell’ordine debbano essere realizzate in modo etico e avendo il pubblico in mente. Questo è il motivo per cui abbiamo creato l’AI Ethics Board: per garantire che qualsiasi tecnologia AI impiegata nella sicurezza pubblica sia sviluppata in modo responsabile”, conclude. In qualità di azienda leader nel settore della tecnologia dedicata alle forze dell’ordine, Axon ritiene di avere l’obbligo morale nei confronti del pubblico di sviluppare le proprie tecnologie AI con trasparenza e responsabilità. Con oltre 18.000 clienti delle forze dell’ordine in più di 100 Paesi, Axon si impegna a garantire che i dati dei clienti siano protetti nel rispetto dei diritti individuali e della privacy. 

“Prendiamo molto sul serio la privacy e rispondiamo alle preoccupazioni relative alla privacy che ci vengono dagli agenti delle forze dell’ordine e dai cittadini, prima di rilasciare un nuovo prodotto”, afferma il Director of AI and Machine Learning di Axon, Moji Solgi. “Intendiamo essere trasparenti con i nostri clienti e il pubblico in generale su questi principi e sui nostri sforzi per aderire a loro”. Per dimostrare ulteriormente il proprio impegno nei confronti della trasparenza verso il pubblico, Axon pubblicherà uno o due rapporti all’anno che descrivono il lavoro del comitato di etica. Il primo rapporto includerà le linee guida sullo sviluppo dei dispositivi e dei servizi dell’azienda basati sull’AI. Per ulteriori informazioni sull’AI Ethics Board di Axon, visitare www.axon.com/Ethics




Fonte: Team Lewis

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...