giovedì 26 aprile 2018

Azure Sphere, nuovo OS di Microsoft basato su Linux per device IoT


Nel prossimo decennio, quasi tutti i gadget di consumo, ogni elettrodomestico e ogni dispositivo industriale sarà connesso a Internet. Questi dispositivi collegati diventeranno anche più intelligenti con la capacità di prevedere, parlare, ascoltare e altro ancora. Le aziende che producono questi dispositivi avranno l'opportunità di reimmaginare tutto e di trasformare radicalmente le loro attività con nuove offerte di prodotti, nuove esperienze con i clienti e differenziare la concorrenza con nuovi modelli di business. Tutti questi dispositivi di uso quotidiano hanno in comune un piccolo chip, spesso più piccolo della dimensione di una miniatura, chiamato microcontrollore (MCU).

I microcontrollori sono piccoli chip che sono presenti quasi ovunque: dai telecomandi TV alle macchine da caffè, agli ascensori. L'MCU funziona come il cervello del dispositivo, ospitando il calcolo, l'archiviazione, la memoria e un sistema operativo direttamente sul dispositivo. Oltre 9 miliardi di questi dispositivi alimentati da MCU sono costruiti e distribuiti ogni anno. Come prospettiva, sono più i dispositivi che vengono spediti ogni anno rispetto all'intera popolazione umana del mondo. Mentre pochi di questi dispositivi sono oggi connessi a Internet, nel giro di pochi anni, questo intero settore, tutti i 9 miliardi o più dispositivi all'anno, è sulla strada per includere MCU connessi. Tuttavia, la maggior parte dei microcontroller legacy e attuali non sono progettati per sfruttare gli scenari IoT (Internet of things) emergenti.


I microcontrollori hanno guadagnato importanza nell'era dei dispositivi connessi. Nel prossimo futuro, quasi tutti i dispositivi elettronici di consumo e industriali potranno essere controllati a distanza tramite software. Con questi dispositivi diventare un gateway per le nostre case, luoghi di lavoro e dati sensibili, diventano anche obiettivi di attacchi. Basta guardarsi intorno a una normale famiglia e pensare a cosa potrebbe accadere quando anche i dispositivi più banali sono compromessi: una stufa armata, un piccolo monitor che spia, il contenuto del proprio frigorifero tenuto in ostaggio. Bisogna anche considerare che quando un dispositivo viene compromesso, non è solo un problema per il proprietario, ma può diventare un problema anche per l'intera società. Un dispositivo può interrompere e fare danni su larga scala. 

Questo è quello che è successo con l'attacco Mirai del 2016, in cui circa 100.000 dispositivi IoT compromessi sono stati riproposti dagli hacker in una botnet che ha letteralmente isolato da Internet la costa orientale degli Stati Uniti per un giorno. Nel 2015 un piccolo team all'interno di Microsoft Research ha iniziato a esplorare come proteggere questo vasto numero di dispositivi alimentati da Internet-connected microcontroller. Facendo leva sugli anni di esperienza nella sicurezza e sugli apprendimenti di tutto il settore tecnologico, Microsoft ha identificato le Sette proprietà dei dispositivi ad alta sicurezza, sia per quanto riguarda l'hardware che il software. Nel corso del tempo le 7 proprietà hanno guadagnato trazione e sono diventate la base per un movimento all'interno di Microsoft che ha portato alla nuova soluzione.

Alla RSA Conference 2018, Microsoft ha annunciato l'anteprima di Azure Sphere, una nuova piattaforma per la creazione di dispositivi MCU ad alta sicurezza. Azure Sphere è la prima soluzione olistica del settore per la protezione dei dispositivi basati su MCU dal silicio al cloud. Questa soluzione include tre componenti che lavorano insieme per proteggere e alimentare i dispositivi "intelligent edge". • Microcontrollori certificati MCU (Azure Sphere): una nuova classe crossover di MCU che combina processori in tempo reale e applicazioni con tecnologia di sicurezza e connettività Microsoft incorporate. Ogni chip include la tecnologia di sicurezza del silicio personalizzata di Microsoft, ispirata da 15 anni di esperienza e conoscenza da Xbox, per garantire questa nuova classe di MCU e i dispositivi che alimentano.


• Sistema operativo Azure Sphere: questo sistema operativo è appositamente progettato per offrire sicurezza e agilità senza pari. A differenza dell'RTOS comunemente in uso negli MCU, il sistema IoT difensivo di Microsoft offre molteplici livelli di sicurezza. Combina le innovazioni di sicurezza introdotte per la prima volta in Windows, un monitor di sicurezza e un kernel Linux personalizzato per creare un ambiente software altamente protetto e una piattaforma affidabile per le nuove esperienze IoT. • Servizio di sicurezza di Azure Sphere: un servizio cloud "chiavi in ​​mano" che protegge ogni dispositivo Azure Sphere; rilevamento di minacce alla sicurezza emergenti nell'intero ecosistema di Azure Sphere tramite segnalazione di guasti online e rinnovo della sicurezza tramite aggiornamenti software per un periodo di 10 anni.  

Microsoft collabora con i principali fornitori di chip di silicio, tra cui MediaTek, Qualcomm e ARM. Secondo MediaTek, il primo chip Azure Sphere sarà MediaTek MT3620, che rappresenta anni di stretta collaborazione e test con Microsoft. Questa nuova classe di MCU crossover include la tecnologia di sicurezza Microsoft, la connettività integrata e combina la versatilità e la potenza di un processore Cortex-A con un processore di classe Cortex-M. Gli OEM che producono lampadine intelligenti per le smart camera possono scegliere di costruire i loro dispositivi basati su Azure Sphere, che fornisce loro una connessione sicura al cloud. Azure Sphere OS è basato su un SO Linux open source creato appositamente per creare una soluzione agile e affidabile per le nuove esperienze IoT. Ulteriori informazioni: http://bit.ly/Azure-Sphere

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...