giovedì 22 marzo 2018

Datagate, Facebook e CA si difendono: no furto di dati o uso illecito


Cambridge Analytica (CA), filiale della SCL Group, è la società britannica di analisi e consulenza che avrebbe ottenuto in violazione delle regole stabilite da Facebook i dati di 50 milioni di utenti. Aleksandr Kogan, ricercatore nell'università inglese è l'uomo che ha creato nel 2014 l'app chiamata "mydigitallife", che avrebbe collezionato i dati sull'identità degli utenti e dei loro contatti, con lo scopo di cercare di manipolare l'opinione pubblica in vista delle elezioni Usa e della Brexit. L'app ideata da Kogan per Cambridge Analytica, un test sulla personalità da eseguire sul social, sarebbe stata usata per raccogliere i dati di circa 270mila utenti che l'hanno usata e dei loro amici.

E' bene chiarire che le informazioni finite nelle mani di Cambridge Analytica e utilizzati per dare una spinta alla campagna presidenziale di Donald Trump e quella a favore della Brexit nel Regno Unito non sono stati trafugati, ma ottenuti lecitamente nel rispetto delle policy di Facebook vigenti al momento della vicenda. «L'affermazione che si tratta di una violazione dei dati è completamente falsa. Aleksandr Kogan ha richiesto e ottenuto l'accesso alle informazioni dagli utenti che hanno scelto di iscriversi alla sua app, e tutti i soggetti coinvolti hanno dato il loro consenso. Le persone hanno fornito consapevolmente le loro informazioni, nessun sistema è stato infiltrato e nessuna password o informazione sensibile è stata rubata o hackerata», precisa in un comunicato sulla newsroom di Facebook il Vice Presidente e Vice Consigliere generale, Paul Grewald.

«Sospendiamo Strategic Communication Laboratories (SCL), inclusa la loro società di analisi dei dati politici, Cambridge Analytica, da Facebook. Data l'importanza pubblica di questa organizzazione, vogliamo prendere un momento per spiegare come siamo arrivati ​​a questa decisione e perché. Proteggere le informazioni delle persone è al centro di tutto ciò che facciamo, e abbiamo bisogno delle stesse persone che gestiscono app su Facebook. Nel 2015, abbiamo appreso che un professore di psicologia presso l'Università di Cambridge di nome Dr. Aleksandr Kogan ci ha mentito e ha violato le nostre politiche della piattaforma passando i dati da un'app che utilizzava il Login di Facebook a SCL / Cambridge Analytica, un'azienda che fa politica, governo e lavoro militare in tutto il mondo. Ha anche trasmesso tali dati a Christopher Wylie di Eunoia Technologies, Inc».

Christopher Wylie è l'ex dipendente di Cambridge Analytica, costola del gruppo Strategic Communication Laboratories (SCL), che ha rivelato come la società abbia usato illecitamente le informazioni raccolte in modo legittimo. «Come tutti gli sviluppatori di app, Kogan ha richiesto e ottenuto l'accesso alle informazioni dalle persone dopo aver scelto di scaricare la sua app. La sua app, "thisideourdigitallife", ha offerto una previsione della personalità e si è fatturata su Facebook come "un'app di ricerca utilizzata dagli psicologi". Approssimativamente 270.000 persone hanno scaricato l'app. Così facendo, hanno dato il loro consenso a Kogan per accedere a informazioni come la città che avevano impostato sul loro profilo, o il contenuto che gli era piaciuto, così come le informazioni più limitate sugli amici che avevano le loro impostazioni sulla privacy impostate per consentirle». 

Il social network ha rimosso l'app dal suo sito. «Sebbene Kogan abbia ottenuto l'accesso a queste informazioni in un modo legittimo e attraverso i canali appropriati che hanno governato tutti gli sviluppatori su Facebook in quel momento, in seguito non ha rispettato le nostre regole. Trasmettendo informazioni a terzi, tra cui SCL / Cambridge Analytica e Christopher Wylie di Eunoia Technologies, ha violato le nostre norme sulla piattaforma. Quando abbiamo appreso di questa violazione nel 2015, abbiamo rimosso la sua app da Facebook e richiesto le certificazioni di Kogan e di tutte le parti che aveva fornito ai dati che le informazioni erano state distrutte. Cambridge Analytica, Kogan e Wylie ci hanno certificato che hanno distrutto i dati. Diversi giorni fa, abbiamo ricevuto segnalazioni che, contrariamente alle certificazioni che ci venivano fornite, non tutti i dati sono stati cancellati». 

«Ci stiamo muovendo in modo aggressivo per determinare l'accuratezza di queste affermazioni», aggiunge Grewald. Cambridge Analytica si difende dall'accusa di aver usato in modo errato i dati "ottenuti illecitamente" dagli utenti di Facebook, sostenendo che "rispetta pienamente" i termini di servizio del social network. «Cambridge Analytica rispetta pienamente i termini di servizio di Facebook ed è attualmente in contatto con Facebook in seguito alla sua recente dichiarazione di aver sospeso l'azienda dalla sua piattaforma, al fine di risolvere la questione con la stessa rapidità con possibile» ha affermato la società britannica. «Le divisioni commerciali e politiche di Cambridge Analytica utilizzano piattaforme di social media per il marketing esterno, offrendo contenuti guidati dai dati e creativi a un pubblico mirato. Non utilizzano o conservano dati dai profili di Facebook». 

«Nel 2014, abbiamo stipulato un contratto con una società guidata da un accademico apparentemente rispettabile in un'istituzione di fama internazionale per intraprendere un progetto di ricerca su larga scala negli Stati Uniti. Questa società, Global Science Research (GSR), è stata contrattualmente impegnata da noi a ottenere solo i dati in conformità con la Data Protection Act del Regno Unito e per chiedere il consenso informato di ogni intervistato». «GSR ha ottenuto i dati di Facebook tramite un'Api fornita da Facebook. Quando successivamente è diventato chiaro che i dati non erano stati ottenuti da GSR in linea con i termini di servizio di Facebook, Cambridge Analytica ha cancellato tutti i dati ricevuti da GSR». La società afferma poi che «nessun dato da GSR è stato utilizzato da Cambridge Analytica come parte dei servizi forniti alla campagna presidenziale Donald Trump 2016».


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...