lunedì 15 febbraio 2016

Nono pianeta del Sistema solare non è stato osservato direttamente


L'esistenza di "Planet Nine", il nono pianeta ai confini del Sistema Solare annunciato nelle scorse settimane, è al momento convalidata solo da modelli matematici ma ancora non è stato direttamente osservato. I ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) hanno trovato la prova nel Sistema solare esterno di un oggetto che potrebbe essere un vero e proprio nono pianeta. I ricercatori Konstantin Batygin e Mike Brown non hanno effettivamente visto il pianeta, ma altre ricerche li hanno portati a concludere che ce ne sia uno. Gli scienziati hanno pubblicato uno studio sul misterioso corpo celeste con una massa pari a circa 10 volte quella della Terra.

I ricercatori del Caltech hanno trovato prove di un pianeta gigante che traccia una bizzarra, orbita molto allungata all'esterno del Sistema solare. L'oggetto, che i ricercatori hanno soprannominato Planet Nine, ha una massa circa 10 volte quella della Terra e orbita circa 20 volte più lontano dal Sole, in media, di quanto non faccia Nettuno (che orbita intorno al Sole ad una distanza media di 2,8 miliardi di miglia). In realtà, ci vorrebbero per questo nuovo pianeta tra i 10.000 e i 20.000 anni per effettuare una sola orbita completa intorno al Sole. I ricercatori, Konstantin Batygin e Mike Brown, hanno scoperto l'esistenza del pianeta attraverso simulazioni modellistiche matematiche e computer, ma non hanno ancora osservato direttamente l'oggetto.


La scoperta del pianeta è stata comunicata mercoledì 20 gennaio. "Questo sarebbe un vero e proprio nono pianeta", dicono Brown, Richard e Barbara Rosenberg professori di astronomia planetaria. "Ci sono stati solo due veri e propri pianeti scoperti fin dai tempi antichi, e questo sarebbe un terzo. E' un pezzo abbastanza sostanziale del nostro sistema solare che è ancora là fuori da trovare, che è piuttosto eccitante". Brown osserva che il nono pianeta - 5.000 volte la massa di Plutone - è sufficientemente grande che non ci dovrebbe essere alcun dibattito se si tratta di un vero pianeta. A differenza della classe di oggetti più piccoli oggi conosciuti come pianeti nani, Planet Nine domina gravitazionalmente il suo quartiere del sistema solare".


Infatti, domina una regione più grande di qualsiasi degli altri noti pianeti, un fatto che dice Brown rende "pianeta-y il maggiore dei pianeti nell'intero Sistema solare". Batygin e Brown descrivono il loro lavoro, nel penultimo numero della rivista Astronomical Journal e mostrano come Pianeta Nove aiuta a spiegare una serie di caratteristiche misteriose del campo di oggetti ghiacciati e detriti oltre Nettuno conosciuta come la fascia di Kuiper. "Anche se siamo rimasti inizialmente piuttosto scettici che questo pianeta potrebbe esistere, appena abbiamo continuato a indagare la sua orbita e che cosa significherebbe per il sistema solare esterno, diventiamo sempre più convinti che è là fuori", dice Batygin, un assistente professore di scienza planetaria. 

"Per la prima volta in oltre 150 anni, ci sono prove solide che il censimento planetario del sistema solare è incompleto". La strada per la scoperta teorica non è stata semplice. Nel 2014, un ex postdoc di Brown, Chad Trujillo, e il suo collega Scott Sheppard hanno pubblicato un documento notando che 13 degli oggetti più lontani della fascia di Kuiper sono simili rispetto ad una caratteristica orbitale oscura. Per spiegare tale somiglianza, hanno suggerito la possibile presenza di un piccolo pianeta. Brown ha pensato che tale soluzione era improbabile, ma ha suscitato il suo interesse. Brown ha giocato un ruolo nella retrocessione di Plutone a pianeta nano e l'esistenza di Planet Nine porterebbe alla riconfigurazione dei modelli del Sistema solare.





Via: Caltech

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...