venerdì 2 ottobre 2015

Nasa: confermato che acqua salata allo stato liquido scorre su Marte


Nuovi risultati del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA forniscono ancora la prova più forte che l'acqua liquida scorre intermittente sull'odierna superficie di Marte. Usando uno spettrometro ad immagine su MRO, i ricercatori hanno rilevato le firme di minerali idrati sui pendii dove strisce misteriose si vedono sul Pianeta Rosso. Queste striature scure sembrano fluire e rifluire nel corso del tempo. Si scuriscono e sembrano fluire lungo i ripidi pendii durante le stagioni calde, e poi svanire nelle stagioni più fredde. Essi appaiono e scompaiono in diverse località su Marte quando le temperature sono superiori a -10° Fahrenheit (-23° Celsius).

"La nostra ricerca su Marte è stata quella di 'seguire l'acqua,' nella nostra ricerca di vita nell'universo, e ora abbiamo la scienza convincente che convalida quello che abbiamo a lungo sospettato" ha detto John Grunsfeld, astronauta e socio amministratore della NASA Science Mission Directorate a Washington. "Questo è uno sviluppo significativo, in quanto sembra confermare che l'acqua - seppur salata - fluisce oggi sulla superficie di Marte". Questi flussi in discesa, noti come recurring slope lineae (RSL), spesso sono stati descritti come possibilmente correlati ad acqua allo stato liquido. I nuovi risultati di sali idrati suggerisce quale possa essere il rapporto con le caratteristiche di queste piste oscure.

I sali idrati dovrebbero abbassare il punto di congelamento di una salamoia liquida, come il sale qui sulla Terra provoca lo scioglimento più rapido di neve e ghiaccio sulle strade. Gli scienziati dicono che è probabile un flusso dal sottosuolo profondo, con acqua sufficiente alla traspirazione in superficie per spiegare l'oscuramento. "Abbiamo trovato i sali idrati solo quando le caratteristiche stagionali erano più ampie, il che suggerisce che la fonte della idratazione siano le striature stesse o il processo che le origina", ha detto Lujendra Ojha del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) di Atlanta, autore principale di una relazione su questi risultati pubblicati il 28 settembre da Nature Geoscience.


"In entrambi i casi le strisce scure, la rilevazione di sali idrati su questi pendii significa che l'acqua svolge un ruolo fondamentale nella formazione di queste strisce", ha aggiunto. Ojha ha prima notato queste caratteristiche sconcertanti come studente dell'Università dell'Arizona nel 2010, utilizzando le immagini dell'High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE). Le osservazioni HiRISE ora hanno documentato le striature RSL in decine di siti su Marte. Il nuovo studio abbina le osservazioni HiRISE con la mappatura mineralogica dello Spectrometer Reconnaissance Imaging di MRO per Marte (CRISM). CRISM cerca il residuo di minerali che si formano in presenza di acqua o antiche sorgenti termali. 

Le osservazioni dello spettrometro mostrano le firme dei sali idrati in più posizioni RSL, ma solo quando le caratteristiche scure erano relativamente ampio. Quando i ricercatori hanno esaminato le stesse posizioni e le RSL non erano così estese, non hanno rilevato sale idratato. Ojha e i suoi co-autori interpretano le firme spettrali come causate da minerali idrati chiamati perclorati. I sali idrati più coerenti con le firme chimiche sono probabilmente una miscela di perclorato di magnesio, magnesio e clorato di sodio perclorato. Alcuni perclorati hanno dimostrato di mantenere i liquidi dal congelamento anche quando le condizioni sono fredde come -94 gradi Fahrenheit (-70 gradi Celsius). 

Sulla Terra, naturalmente i prodotti perclorati sono concentrate in deserti, e alcuni tipi di perclorati possono essere utilizzati come propellente per razzi. I perclorati sono stati precedentemente visti su Marte. Il lander Phoenix della NASA ed il rover Curiosity li hanno trovati entrambi nel suolo del pianeta, e alcuni scienziati ritengono che le missioni Viking nel 1970 misurarono firme di questi sali. Tuttavia, questo studio di RSL ha rilevato perclorati, ora in forma idrata, in aree diverse da quelle esplorate dai lander. Questa è anche la prima volta che perclorati sono stati identificati dall'orbita. MRO è all'esame di Marte dal 2006, con i suoi sei strumenti scientifici. Per ulteriori informazioni su MRO, visitare il sito: http://www.nasa.gov/mro.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...