sabato 17 ottobre 2015

Fedora 23 Beta porta aggiornamenti di sicurezza e migliore usabilità


Il Fedora Project Team ha annunciato la disponibilità in beta di Fedora 23, versione più recente del sistema operativo Fedora. Sistema gratuito, basato su Linux, sviluppato e curato dalla comunità globale del Fedora Project, la beta di Fedora 23 conferma la mission di Fedora come sistema operativo open source di riferimento per tutti i casi di utilizzo, con il rilascio di tre diverse edizioni: Fedora 23 Cloud Beta, Fedora 23 Server Beta e Fedora 23 Workstation Beta. A partire dal mese di novembre, gli sviluppatori di Fedora concentreranno i loro sforzi sulla prossima major release della distribuzione, Fedora 24, che dovrebbe vedere la luce giorno 17 maggio 2016.

Come per le altre release di Fedora nell’ambito dell’iniziativa Fedora.next, tutte le edizioni di Fedora 23 Beta sono costruite su un set di pacchetti base, che comprende il kernel Linux, RPM, systemd e Anaconda, oltre al package manager aggiornato “DNF”. Se questi pacchetti base sono stati arricchiti da numerose migliorie ed aggiornamenti, uno dei più significativi è l’uso di flag di compilazione per contribuire a migliorare la sicurezza, rendendo i codici binari di Fedora 23 Beta più “solidi” rispetto a vulnerabilità di corruzione della memoria, buffer overflow ed altre problematiche simili. Anche se non si tratta di una rivoluzione totale, queste e molte altre migliorie contribuiscono ad elevare la sicurezza complessiva del sistema.


I cambiamenti apportati a Fedora 23 Server beta partono con un nuovo ruolo nel servizio di rolekit, sotto forma di un cache server per applicazioni web con la funzionalità sottostante erogata via memcached. Questo si aggiunge ai due ruoli supportati in precedenza, domain controller (basato su FreeIPA) e database server (su PostgreSQL), introdotti nelle passate release di Fedora Server, Inoltre, il rolekit può ora essere utilizzato dalla kickstat di Anaconda per determinare quale funzione il server utilizzarà nel prossimo boot del sistema. Sono stati portati anche numerosi aggiornamenti in ambito di system management e administration, in particolare con Cockpit. 

Tra le principali modifiche a Cockpit vi sono: Un cluster dashboard di base per Kubernetes; Supporto all’autenticazione di chiavi SSH e supporto alla configurazione degli user accounti con le loro chiavi autorizzate; Compatibilità con dischi multipath. Gli utenti desktop di Fedora 23 Workstation Beta apprezzeranno le numerose innovazioni apportate al sistema, la principale delle quali è una preview di GNOME 3. Sono anche stati effettuati cambiamenti all’applicazione software, permettendole l’aggiornamento del firmware di sistema, mentre gli utenti desktop avranno anche accesso a LibreOffice 5, più recente edizione della completa suite software office open source.


Inoltre, sono stati apportati miglioramenti a Wayland, con l’obiettivo di renderlo il server grafico di riferimento nelle future release. Fedora 23 Cloud Beta registrato importanti aggiornamenti di pacchetto, oltre a una serie di innovazioni portate all’infrastruttura di base Fedora sottostante, ma nessuna funzionalità del tutto nuova. Il suggerimento però è quello di restare in ascolto, perché in tempi brevi arriveranno notizie su Fedora 23 Atomic Host. E’ possibile provare liberamente Fedora 23 Beta al sito https://getfedora.org. Come sempre, il Fedora Project Team è interessato a ricevere commenti relativi alla nuova versione e a eventuali bug del sistema. I feedback contribuiranno a migliorare le versioni del sistema operativo. 

Temi comuni possono già essere trovati sulla pagina dei common bug di Fedora 22. Questo non è l’unico modo per poter contribuire al progetto Fedora. Il team non ha bisogno solo che vengano riportati eventuali bug di sistema, ma è alla costante ricerca di traduttori, tester, creatori di contenuto, esperti di marketing, designer e molto ancora. Tutte le indicazioni per contribuire al progetto sono disponibili su whatcanidoforfedora.org. Fedora è un progetto di comunità sponsorizzato da Red Hat. Ulteriori informazioni su Fedora sono disponibili sulla home page del progetto. Red Hat è il principale fornitore al mondo di soluzioni open source ed è presente nell’indice S&P 500. Ulteriori informazioni sono disponibili su www.redhat.com/it.





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...