venerdì 24 luglio 2015

Nasa, scovato pianeta cugino più grande della Terra: è Kepler-452b


La missione Kepler della NASA ha confermato la scoperta del primo pianeta di dimensioni simili alla Terra nella "zona abitabile" attorno a una stella simile al Sole. Questa scoperta e l'introduzione di altri undici nuovi piccoli pianeti candidati nella zona abitabile segnano un'altra pietra miliare nel cammino per trovare un'altra "Terra". La recente scoperta di Kepler-452b mette in luce il più piccolo pianeta finora scoperto in orbita nella zona abitabile - la zona intorno ad una stella dove l'acqua liquida si raccoglie sulla superficie di un pianeta orbitante - di una stella di tipo G2, come il nostro Sole. La scoperta di Kepler-452b porta il numero totale dei pianeti confermati a 1.030.

"Nel ventesimo anniversario della scoperta che ha rivelato altri soli intorno ai quali ruotano pianeti, il Kepler esopianeta esploratore ha scoperto un pianeta e la stella che assomigliano molto alla Terra e il nostro Sole", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato del Science Mission Directorate della Nasa presso il quartier generale dell'agenzia a Washington. "Questo risultato emozionante ci porta un passo più vicini a trovare una Terra 2.0". Kepler-452b è del 60 per cento più grande del diametro della Terra ed è considerato un pianeta super-Terra-size. Mentre la sua massa e la composizione non sono ancora determinati, ricerche precedenti suggeriscono che i pianeti delle dimensioni di Kepler-452b hanno una buona probabilità di essere rocciosi.

Credits: NASA/JPL-CalTech/R. Hurt

Mentre Kepler-452b è più grande della Terra, la sua orbita di 385 giorni è solo il 5 per cento più lunga. Il pianeta è il 5 per cento più lontano dalla sua stella Kepler-452, di quanto lo sia la Terra dal Sole. Kepler-452 ha 6 miliardi di anni, 1,5 miliardi anni più vecchio del nostro Sole, ha la stessa temperatura, ed è il 20 percento più luminoso e ha un diametro di 10 per cento più grande. "Possiamo pensare a Kepler-452b come un vecchio, grande cugino della Terra, offrendo l'opportunità di comprendere e riflettere su ambiente terrestre in continua evoluzione", ha detto Jon Jenkins, responsabile dell'analisi dei dati raccolti da Kepler all'Ames Research Center della Nasa a Moffett Field, in California, che ha ha guidato il team che ha scoperto Kepler-452b.

"E' stupefacente considerare che questo pianeta abbia speso 6 miliardi di anni nella zona abitabile della sua stella, più della Terra. Questa è una notevole opportunità per la vita di sorgere, dovrebbero esistere tutti gli ingredienti e le condizioni necessarie per la vita su questo pianeta". Per aiutare a confermare la scoperta e meglio determinare le proprietà del sistema Kepler-452, il team ha condotto osservazioni terrestri presso l'Austin's McDonald Observatory della University of Texas, il Fred Lawrence Whipple Observatory sul Monte Hopkins, in Arizona, e il W. M. Keck Observatory in cima al Mauna Kea, alle Hawaii. Queste misurazioni sono state fondamentali per confermare ai ricercatori la natura planetaria di Kepler-452b, per affinare le informazioni sulle dimensioni e la luminosità della sua stella e determinare al meglio l'orbita del pianeta.

Il sistema Kepler-452 si trova a 1.400 anni luce di distanza nella costellazione del Cigno. Il documento di ricerca che ha segnalato il ritrovamento è stato accettato per la pubblicazione su Astronomical Journal. Oltre a confermare Kepler-452b, il team di Kepler ha aumentato il numero di nuovi candidati esopianeti da 521 dall'analisi delle loro osservazioni condotte da maggio 2009 a maggio 2013, a 4.696 l'aumento del numero di candidati pianeti rilevati dalla missione Kepler. I candidati richiedono osservazioni e analisi di follow-up per verificare che siano pianeti reali. Dodici dei nuovi pianeti candidati hanno diametro compreso tra 1-2 volte quello della Terra e orbitano nella zona abitabile della loro stella. Di questi, nove orbitano intorno a stelle che sono simili al nostro Sole, in termini di dimensioni e di temperatura.

Credits: NASA/W. Stenzel

"Siamo stati in grado di automatizzare completamente il nostro processo di identificazione dei pianeti candidati, il che significa che possiamo finalmente valutare ogni segnale di transito in tutta la serie di dati Kepler in modo rapido e uniforme”, ha dichiarato Jeff Coughlin, scienziato Kepler presso l'Istituto SETI a Mountain View, California, che ha condotto l'analisi di un nuovo catalogo candidato. "Questo dà agli astronomi una popolazione statisticamente valida dei pianeti candidati per determinare con precisione il numero di piccoli pianeti, forse rocciosi come la Terra, nella nostra galassia Via Lattea". Questi risultati, presentati nel settimo Kepler Candidate Catalog, saranno presentati per la pubblicazione sulla rivista Astrophysical Journal

Questi risultati derivano da dati disponibili al pubblico sul Nasa Exoplanet Archive. Gli scienziati ora stanno producendo l'ultimo catalogo basato sul set di dati di quattro anni dell'originale missione Kepler. L'analisi finale sarà condotta utilizzando il sofisticato software che è sempre più sensibile alle minuscoli firme rivelatrici di pianeti simili alla misura della Terra. Ames gestisce le missioni Kepler e K2 per Science Mission Directorate della Nasa. Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena, in California, è riuscito nello sviluppo della missione Kepler. Ball Aerospace & Technologies Corporation gestisce il sistema di volo con il supporto del Laboratory for Atmospheric and Space Physics presso l'Università del Colorado a Boulder. Per ulteriori informazioni sulla missione Kepler, visitare il sito: http://www.nasa.gov/kepler.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...