sabato 6 giugno 2015

Usa: hacker rubano 4 milioni di dati da ente federale, ma Cina nega


Gli hacker hanno fatto irruzione nei computer del governo statunitense, compromettendo i dati personali di 4 milioni di attuali ed ex dipendenti federali. Gli investigatori ritengono che l'attacco sia partito dalla Cina e lo hanno inoltre collegato ai precedenti furti di dati ai danni di Anthem Inc., il secondo più grande assicuratore sanitario degli Stati Uniti e Premera Blue Cross, un fornitore di servizi di assistenza sanitaria. Nell'ultimo di una serie di intrusioni nei sistemi ad alta tecnologia delle agenzie statunitensi, l'Office of Personnel Management (OPM) ha subito quello che sembra essere una delle più grandi violazioni delle informazioni di sempre sui lavoratori pubblici.

L'ufficio si occupa dei record dei dipendenti e delle autorizzazioni di sicurezza. Una fonte della U.S. law enforcement ha detto a Reuters che una "entità o governo straniero" si crede essere dietro l'attacco informatico. Le autorità hanno cercato un possibile legame con la Cina, ha aggiunto una fonte vicina alla materia. Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto che tali accuse sono frequenti negli ultimi tempi e sono considerati irresponsabili. Attacchi hacker sono spesso transfrontalieri e difficile da rintracciare, ha sottolineato. In una dichiarazione l'FBI ha detto che sta indagando sull'intrusione informatica e mira a portare alla giustizia i responsabili. 

Diversi stati americani stavano già indagando su un attacco informatico ad Anthem a febbraio che una persona vicina al dossier ha detto è in fase di esame per possibili legami con la Cina. L'OPM ha rilevato una nuova attività dannosa che ha colpito i propri sistemi informativi nel mese di aprile e il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale ha detto di aver concluso all'inizio di maggio che i dati dell'agenzia erano stati compromessi e circa 4 milioni di lavoratori sarebbero stati colpiti. Le agenzie coinvolte non hanno specificato esattamente quali tipo di informazioni sarebbero state rubate. La notizia è venuta proprio dopo la firma del presidente Obama sul Freedom Act.


La violazione ha colpito i sistemi informatici di OPM e dei suoi dati memorizzati presso i data center del Dipartimento degli interni, un centro servizi condiviso per le agenzie federali, ha detto un funzionario DHS in condizione di anonimato. Il funzionario non ha voluto commentare se i dati di altre agenzie sono stati colpiti. OPM era già stato vittima di un altro attacco informatico, come diversi sistemi informatici del governo federale al Dipartimento di Stato, il Servizio Postale degli Stati Uniti e la Casa Bianca. Il governo americano ha da tempo sollevato preoccupazioni circa il cyber spionaggio e furto provenienti da Cina e ha esortato Pechino a fare di più per arginare il problema.

Il portavoce dell'ambasciata cinese Zhu Haiquan ha detto in risposta a una domanda di Reuters che la Cina aveva fatto grandi sforzi per combattere gli attacchi informatici. Dal momento dell'intrusione, OPM ha detto di aver attuato misure di sicurezza supplementari e offrirà servizi di monitoraggio del credito alle persone colpite. Nel mese di aprile, il presidente Barack Obama ha risposto a una valanga crescente di attacchi volti alle reti di computer degli Stati Uniti con il lancio di un programma di sanzioni per colpire individui e gruppi al di fuori degli Stati Uniti che utilizzano gli cyberattacchi per minacciare la politica estera, la sicurezza nazionale o la stabilità economica. 

La mossa segue rinvii a giudizio di cinque ufficiali militari cinesi che sono stati accusati di spionaggio economico. Funzionari degli Stati Uniti hanno anche puntato il dito direttamente alla Corea del Nord per un attacco di alto profilo contro la Sony su una pellicola parodia che descrive l'assassinio del leader della Corea del Nord. La Cina ha sistematicamente negato le accuse dei ricercatori statunitensi che gli hacker sostenuti dal governo cinese, la presunta Unità 61398, sono dietro gli attacchi contro le aziende statunitensi e le agenzie federali. La Cina ha ammonito gli Stati Uniti sulle conclusioni che accusano la Cina di pirateria informatica contro le reti statunitensi.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...