sabato 7 febbraio 2015

Astronomia: sonda New Horizons restituisce le prime foto di Plutone


La sonda New Horizons prosegue lo storico viaggio verso Plutone e la Nasa rende omaggio  a Clyde Tombaugh. La sonda New Horizons della Nasa ha restituito mercoledì le prime nuove immagini di Plutone. Anche se la distanza permette ancora solo la visione di un punto luminoso con la sua più grande luna, Caronte, le immagini sono arrivate in occasione del 109° compleanno di Clyde Tombaugh, che ha scoperto il lontano mondo ghiacciato nel 1930. "Mio padre sarebbe entusiasta della missione New Horizons“, ha detto la figlia di Clyde Tombaugh, Annette Tombaugh, di Las Cruces, Nuovo Messico.

"Per vedere effettivamente il pianeta che aveva scoperto, e saperne di più su di esso, e per arrivare a vedere le lune di Plutone - sarebbe rimasto stupito. Sono sicura che avrebbe molto significato per lui, se fosse ancora vivo oggi". La sonda New Horizons si trovava a oltre 126 milioni di miglia (circa 203 milioni chilometri) di distanza da Plutone, quando ha cominciato a prendere le immagini. Le nuove foto, scattate con il Long-Range Reconnaissance Imager (LORRI) della New Horizons il 25 gennaio e il 27 gennaio, sono le prime acquisite nel corso del 2015 dal veicolo spaziale in viaggio verso il sistema di Plutone, che culminerà con un primo flyby il prossimo 14 luglio.

Immagine credit: NASA/APL/SwRI

"Questo è il nostro regalo di compleanno al professor Tombaugh e alla sua famiglia, in onore della sua scoperta e realizzazioni - che veramente sono diventate un presagio dell'astronomia planetaria del 21° secolo", ha detto Alan Stern, ricercatore principale presso il Southwest Research Institute (SwRI) a Boulder, Colorado. "Queste immagini di Plutone, chiaramente più luminose e più vicine rispetto a quelle scattate lo scroso luglio da due volte più lontano, rappresentano i primi passi della trasformazione del puntino di luce, così come lo vide Clyde nel telescopio del Lowell Observatory 85 anni fa, in un pianeta vero e proprio prima della vista al mondo questa estate".

Nei prossimi mesi, Lorri avrà centinaia di immagini di Plutone, in un contesto stellato, per affinare le stime a distanza del team del New Horizons. Come in queste prime immagini, il sistema Plutone assomiglia poco più a puntini luminosi, nella vista della telecamera fino a tarda primavera. Tuttavia, i navigatori della missione possono ancora utilizzare tali immagini per progettare manovre con un motore in corso di correzione per dirigere il veicolo spaziale per un approccio più preciso. La prima manovra in base a queste immagini di navigazione ottiche o OpNavs, è prevista per il 10 marzo.

"Plutone sta finalmente diventando più di un puntino di luce", ha detto Hal Weaver, New Horizons project scientist presso la presso la Johns Hopkins University al Physics Laboratory (APL) di Laurel, Maryland. "Lorri ora ha risolto Plutone, e il pianeta nano continuerà a crescere sempre più grandi nelle immagini appena la navicella New Horizons precipiterà verso i suoi obiettivi. Le nuove immagini Lorri dimostrano anche che le prestazioni della fotocamera è immutata da quando è stata lanciata più di nove anni fa". La chiusura su Plutone avverrà a circa 31 mila miglia all'ora (49.890 km/h).

Immagine credit: NASA/APL/SwRI

La New Horizons ha già percorso più di 3.000 milioni di miglia da quando è stata lanciata il 19 gennaio 2006. Il suo viaggio ha intersecato le orbite di ogni pianeta, da Marte a Nettuno, a tempo di record, ed è ora nella prima fase di un incontro con Plutone che include immagini a lunga distanza di polvere, particelle energetiche e le misure del vento solare a caratterizzare l'ambiente spaziale vicino Plutone. "Gli Stati Uniti hanno guidato l'esplorazione dei pianeti e continuano a farlo con New Horizons", ha detto Curt Niebur, Program Scientist New Horizons della Nasa a Washington.

"Questa missione servirà ad ottenere immagini per mappare Plutone e le sue lune meglio di quanto sia stato mai raggiunto da qualsiasi missione planetaria precedente". APL gestisce la missione New Horizons per Science Mission Directorate della Nasa a Washington. Alan Stern, del SwRI, è il ricercatore principale e conduce la missione. SwRI guida il team scientifico di pianificazione, le operazioni di carico utile e gli incontri della missione. La New Horizons fa parte del programma New Frontiers, gestito dal Marshall Space Flight Center della Nasa a Huntsville, Alabama. APL ha progettato, costruito e gestisce il veicolo spaziale.



Fonte: NASA

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...