domenica 11 gennaio 2015

Scoperti otto nuovi pianeti nella zona Goldilocks, due simili alla Terra


Gli astronomi hanno annunciato di aver trovato otto nuovi pianeti nella zona "Goldilocks" delle loro stelle, in orbita ad una distanza dove l'acqua liquida può esistere sulla superficie del pianeta. Ciò raddoppia il numero di piccoli pianeti (meno di due volte il diametro della Terra) ritenuti nella zona abitabile della loro stella madre. Tra questi otto, il team ha identificato due che sono i più simili alla Terra di qualunque esopianeta conosciuto fino ad oggi. "La maggior parte di questi pianeti hanno una buona probabilità di essere rocciosi, come la Terra", dice l'autore Guillermo Torres del Centro Harvard-Smithsonian per l'Astrofisica (CFA).

Questi risultati sono stati annunciati martedì 6 gennaio in conferenza stampa nel corso di una riunione dell'American Astronomical Society (AAS). I due più pianeti simili alla Terra del gruppo sono Kepler-438b e Kepler-442b. Entrambi orbitano intorno a nane rosse che sono più piccole e più fredde del nostro Sole. Kepler-438b ruota intorno la sua stella ogni 35 giorni, mentre Kepler-442b completa un'orbita ogni 112 giorni. Con un diametro di appena il 12% più grande della Terra, Kepler-438b ha una probabilità del 70% di essere roccioso, secondo i calcoli del team. Kepler-442b è circa un terzo più grande della Terra, ma ha ancora un 60% di essere roccioso. 

Per essere nella zona abitabile, un pianeta extrasolare deve ricevere dalla sua stella la giusta luce solare, come avviene per la Terra. Troppa, farebbe bollire ed evaporare l’acqua, mentre troppo bassa la farebbe congelare alo stato solido. "Per i nostri calcoli abbiamo scelto di adottare i più ampi limiti possibili che possono plausibilmente portare a condizioni adatte per la vita", dice Torres. Kepler-438b riceve circa il 40 per cento più luce della Terra. A confronto, Venere ottiene il doppio della radiazione solare che la Terra. Come risultato, il team di ricercatori calcola che abbia un 70 percento di probabilità di essere nella zona abitabile della sua stella.

Foto credit: NASA's Kepler mission

Kepler-442b ottiene circa due terzi più luce della Terra. Gli scienziati attribuiscono una probabilità del 97% di essere nella zona abitabile. "Non sappiamo con certezza se tutti i pianeti del nostro campione sono veramente abitabili", spiega David Kipping secondo autore del TUF. "Tutto quello che possiamo dire è che sono candidati promettenti". Prima di questi, i due pianeti conosciuti più simili alla Terra erano Kepler-186F, che è 1,1 volte più grande della Terra e riceve il 32% della quantità di luce, e Kepler-62f, che è 1,4 volte le dimensioni della Terra e ottiene il 41% più luce. Il team ha studiato i candidati planetari prima identificati dalla missione Kepler della NASA.

Foto credit: David A. Aguilar / Harvard-CFA

Tutti i pianeti candidati erano troppo piccoli per confermarne le loro dimensioni misurando le masse. Invece, il team li ha convalidati utilizzando un programma per computer chiamato BLENDER (miscelatore) per determinare probabilmente che sono statisticamente pianeti. Blender è stato sviluppato da Torres e dal collega Francois Fressin, e gira su supercomputer Pleiadi al NASA Ames. Questo è lo stesso metodo che è stato usato precedentemente per convalidare alcuni dei reperti più iconici di Keplero, tra cui i primi due pianeti di dimensioni paragonabili alla Terra intorno ad una stella simile al Sole e il primo esopianeta più piccolo di Mercurio. 

Dopo l'analisi di Blender, il team ha trascorso un altro anno di raccolta per le osservazioni di follow-up sotto forma di spettroscopia ad alta risoluzione, ottica adattativa di imaging, e interferometria speckle per caratterizzare a fondo i sistemi. Queste osservazioni di follow-up hanno anche rivelato che quattro dei pianeti appena convalidati sono in sistemi con più stelle. Tuttavia, le stelle compagne sono distanti e non influenzano in modo significativo i pianeti. Come con molte scoperte di Keplero, i pianeti appena trovati sono abbastanza lontani per fare osservazioni supplementari impegnative. Kepler-438b si trova a 470 anni luce dalla Terra, mentre il più lontano Kepler-442b è a 1.100 anni luce di distanza. 

L'articolo che descrive questi risultati è stato accettato per la pubblicazione su The Astrophysical Journal ed è disponibile on-line. "Ogni risultato dal tesoro della missione Kepler missione a caccia dei dati dei pianeti ci porta un passo più vicini a rispondere alla domanda se siamo soli nell'Universo", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato della Science Mission Directorate della NASA presso la sede dell'agenzia a Washington. "Il team di Kepler e la sua comunità scientifica continuano a produrre risultati impressionanti con i dati da questo venerabile explorer". Gli scienziati stanno anche lavorando sul catalogo della prossima release di 4 anni di set di dati di Keplero.






Via: NASA

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...