martedì 28 ottobre 2014

Scienziato divulga presunti dettagli di esperimenti alieni nell'Area 51


Uno scienziato ha realizzato un video bizzarro in punto di morte sostenendo che sa cosa sta realmente accadendo nella misteriosa Area 51 del Nevada e dice di aver decodificato la tecnologia di propulsione dei dischi volanti per l'azienda di difesa Lockheed Martin. Sull'Area 51 vi sono state a lungo speculazioni per essere considerata una struttura in cui vengono effettuati esperimenti su UFO e fenomeni alieni. Boyd Bushman ha fatto le rivelazioni in un video registrato poco prima di morire lo scorso agosto, insieme a fotografie di alieni che sono state scattate con le fotocamere usa e getta all'interno delle strutture militari americane.

Metro riferisce che Bushman era uno scienziato di ricerca presso Lockheed Martin, con un numero di brevetti a suo nome, anche se i dettagli della sua biografia sono contestati. Bushman ha detto nel video, registrato il 7 agosto di quest'anno: "Per quanto riguarda il velivolo alieno, abbiamo cittadini americani che stanno lavorando sugli UFO 24 ore al giorno. Stiamo cercando di imparare che cosa fare". Non è la prima volta che qualcuno presso lo studio della difesa ha sostenuto che i segreti di navi spaziali aliene sono allo studio alla Lockheed Martin. 

Ben Rich, un dipendente della Lockheed Martin, che ha aperto la strada al Caccia Stealth, ha detto: "Abbiamo già i mezzi per viaggiare tra le stelle, ma queste tecnologie sono rinchiusi in progetti neri e ci vorrebbe un atto di Dio per farli uscire per sempre a beneficio l'umanità... tutto ciò che si può immaginare che già sappiamo come fare". La confessione di Bushman è costellata di immagini di corpi alieni. Egli sostiene che ci sono due gruppi di alieni in fase di studio presso l'Area 51 e altri siti. Gli alieni hanno lunghe dita, piedi palmati, e provengono da un pianeta noto come Quintumnia, dice Bushman. 

"Ci sono due gruppi di alieni", dice Bushman. "Li Si dividono in due gruppi. E' come un ranch. Un gruppo sono mandriani, e gli altri sono ladri di bestiame, quelli che rubano il vostro bestiame". "Quelli che sono mandriani sono molto più amichevoli, e hanno un rapporto migliore con noi". Questa non è la prima volta che uno scienziato rivela i dettagli della visita aliena negli Stati Uniti. "Confessioni sul letto di morte sull'esistenza degli UFO e alieni sembrano essere molto convincenti; perché mai queste persone dovrebbero mentire?", dice Nigel Watson, autore dell'Haynes "UFO Investigations Manual". 

"Tuttavia, dobbiamo stare attenti al fatto che per lunghi periodi i ricordi sbiadiscono, e le persone possono utilizzare ricordi vaghi per ricostruire eventi in una storia a cui preferiscono credere o piace al loro pubblico. "La linea di fondo è che abbiamo ancora bisogno di prove fisiche difficili da eseguire per avvalorare queste affermazioni e senza che gli scettici possono ancora scuotere la testa per continuare la controversia UFO". Sebenne gli scettici bollano la notizia come bufala, questa non è la prima volta che uno scienziato rivela i dettagli di una visita aliena negli Stati Uniti. 

Dei rapporti sostengono che nel 1957, un alieno da Venere chiamato Valiant Thorr si è incontrato con ingegneri dell'Area 51. Ad agosto dello scorso anno, il National Security Archive ha pubblicato un documento della CIA dove il governo americano fa numerosi riferimenti all'Area 51. Il documento completo scritto da due storici dell'intelligence Usa nel 1992 è intitolato "The CIA and Overhead Reconnaissance: The U-2 and OXCART Programs". Il documento  è stato ottenuto grazie al Freedom of Information Act (FOIA). Come si legge sul sito, una versione molto censurata dello stesso documento era già stata pubblicata nel 1998. 

L'ultima versione si distingue per la notevole quantità di materiale di recente declassificato rispetto al programma U-2, per quanto riguarda i nomi dei piloti, nomi in codice, luoghi, modalità di finanziamento e di copertura, apparecchiature di contromisure elettroniche, organizzazione, cooperazione con i governi stranieri, ed operazioni, in particolare in Asia. Vengono fornite numerose informazioni sui programmi di ricognizione aerea, in particolare l'U-2 e la OXCART.  Utilizzando il Kepler Space Telescope della NASA, nel corso di quest'anno è stato scoperto Kepler-186f, il primo esopianeta simile alla Terra nella cosiddetta zona abitabile.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...