lunedì 15 settembre 2014

IRCCS Medea: localizzata area del cervello implicata nel bilinguismo


Si trova nella corteccia temporale superiore e se stimolata provoca un cambio di lingua involontario. Lo studio dell’IRCCS Medea in collaborazione con l’ospedale S. Maria della Misericordia di Udine pubblicato su Neuropsychologia. Come da routine presso la Neurochirurgia di Udine, i pazienti neurochirurgici si sottopongono a chirurgia da svegli quando l’area interessata dalla patologia è vicina alle aree eloquenti. Infatti, per preservare le aree funzionali, in sala operatoria i neuropsicologi somministrano una serie di test al paziente che è sveglio e collaborante.

Così facendo, si può creare una mappa delle zone funzionali e preservarle durante la resezione chirurgica. In quest’ambito, il gruppo multidisciplinare composto da Barbara Tomasino dell’IRCCS Medea, due neuropsicologi, un neurochirurgo, una fisica, un neurofisiologo e un neurolinguista, ha individuato in una porzione della corteccia temporale superiore, che già presiede all’elaborazione fonologica, una delle aree implicate nel bilinguismo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Neuropsychologia

Il fenomeno si chiama involuntary language switching e comporta il passaggio involontario da una lingua all’altra. In particolare nello studio in questione, durante un intervento che si è tenuto presso la neurochirurgia dell'ospedale di Udine, una paziente bilingue (L1 serbo, L2 italiano) eseguiva dei compiti linguistici mentre il neurochirurgo eseguiva la mappatura cerebrale mediante stimolazione diretta della corteccia. 

Gli operatori hanno osservato che quando il chirurgo stimolava una porzione della corteccia temporale superiore la paziente, mentre contava in italiano, cambiava involontariamente lingua e proseguiva contando nella sua lingua nativa, il serbo. Le stimolazioni di altre porzioni della corteccia cerebrale non causavano tale fenomeno, ma l’arresto del linguaggio per alcuni secondi (speech arrest). 

Sono state identificate le coordinate spaziali del punto che, se stimolato, produceva il cambio di lingua: l’analisi ha mostrato che quel punto era corticale (in quanto non si sovrapponeva alle fibre della sostanza bianca) e si situava in un’area che nell’esame di risonanza magnetica funzionale pre-chirurgico veniva attivata per entrambe le lingue L1 e L2. Questa area viene chiamata Stp (Sylvian parietal temporal area).

Ha un ruolo nell’elaborazione fonologica, è implicata nel meccanismo che controlla la produzione del linguaggio. In particolare, il fenomeno del language switching osservato si può spiegare come un’interferenza generata dalla stimolazione corticale sul meccanismo che controlla la produzione dei suoni del linguaggio. Un effetto simile a quello prodotto quando si ascolta una traduzione simultanea e si cambia il canale dell'apparecchio collegato alle cuffie. 

"La stimolazione dell’area Stp ha causato interferenza con il sistema di controllo per la seconda lingua, lasciando intatto il sistema di controllo per la prima lingua – spiega la Tomasino – Per tale motivo la paziente sotto stimolazione tornava alla sua lingua nativa". Mentre i movimenti articolatori necessari alla produzione dei suoni nel linguaggio nativo sono automatici, quelli coinvolti nella produzione della lingua acquisita non lo sono e necessitano di maggiore controllo e maggiore attività cerebrale nelle aree uditive e fonologiche. 


Fonte: IRCCS Medea

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...