mercoledì 3 settembre 2014

Google Enterprise diventa Google for Work e sfida Microsoft Outlook


Google Enterprise non si chiamerà più così, ma diventa, da oggi, Google for Work. "Passiamo molto del nostro tempo al lavoro. Per questo, in Google siamo da sempre convinti che il posto di lavoro dovrebbe essere un luogo ricco di significati - e non un monotono susseguirsi di mansioni compiute in solitudine fissando un vecchio schermo, persi in una distesa di cubicoli". Così si apre l'intervento di Eric Schmidt e pubblicato oggi sul blog ufficiale del gruppo di Mountain View.

"Inoltre - prosegue Schmidt -, crediamo che la tecnologia dovrebbe rendere il lavoro migliore. Dovrebbe non solo facilitarlo ma anche permetterci di svolgerlo assieme a persone in grado di ispirarci, con i tempi e i luoghi che ci rendono più produttivi, e in modo tale da permetterci di dare un reale contributo, non importa quale sia il lavoro o il settore nel quale si opera. Dieci anni fa, abbiamo iniziato a portare la tecnologia consumer di Google - con tutte le funzioni, i controlli e i servizi di cui hanno bisogno le aziende - nel mondo del lavoro". 

"Siamo partiti con le funzionalità di ricerca e in seguito è stata la volta di Gmail. Oggi, con Google Maps e Google Cloud Platform, offriamo la ricchezza e l'affidabilità dell'infrastruttura Google agli sviluppatori e abbiamo anche allargato il nostro raggio d'azione all'hardware con Android e i Chromebook. Lungo il percorso abbiamo investito in ciò che è importante per i nostri clienti e partner - sicurezza, trasparenza, affidabilità e supporto. E così il nostro team, come pure l'ampiezza dell'offerta e il nostro impegno verso i clienti business sono cresciuti in modo sostanziale". 

"Il lavoro oggi è molto diverso da come era 10 anni fa. Il cloud computing, allora un'idea nuova, è oggi ampiamente disponibile, ed è possibile collaborare tra uffici, città, paesi e continenti diversi. Le idee possono passare dalla prima fase di prototipo, allo sviluppo, fino al lancio nel giro di pochi giorni. Lavorare da un computer, un tablet e/o uno smartphone non è più solo un trend - è realtà. E milioni di aziende, dalle più grandi alle più piccole, hanno scelto i prodotti Google perché supportassero il lancio, lo sviluppo e la trasformazione del loro business, e per aiutare ciascun membro del team a lavorare con gli stessi strumenti e servizi usati nella vita di tutti i giorni. 

"In altre parole - afferma ancora il presidente di Google -, il lavoro è già meglio di come era in passato. uttavia, la tecnologia sul luogo di lavoro non è solo un modo migliore per fare business. Significa anche permettere a chiunque, che si tratti di uno sviluppatore che lavora a un'idea in uno scantinato, di un fornaio che realizza un cupcake migliore o di una società con migliaia di dipendenti, di dare un reale contributo. Non abbiamo mai voluto creare 'aziende' nel senso tradizionale - volevamo creare un nuovo modo di lavorare". 

"Perciò è arrivato il momento che anche il nostro nome rispecchi questo nostro obiettivo. Da oggi, ciò che prima chiamavamo Google Enterprise diventa, più semplicemente, Google for Work. Quando usiamo strumenti che ci rendono la vita più semplice - come Google Apps, le Mappe, la Ricerca, Chrome, Android, Cloud Platform e molto altro - il lavoro migliora. Ed è proprio quello a cui stiamo lavorando - il meglio di Google, ora "for Work", conclude Schmidt. Con Google for Work, la società punta a strappare quote di mercato a Microsoft Outlook.





Via: ANSA

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...