sabato 23 agosto 2014

IBM espande l'High Performance Computing nel Cloud con SoftLayer


IBM ha annunciato che renderà disponibili le funzionalità di High Performance Computing (HPC) attraverso il cloud, favorendo le aziende che si avvalgono di elaborazioni intensive e di big data. SoftLayer, an IBM Company, metterà a disposizione  nuove funzionalità tramite la tecnologia di networking Infiniband per connettere tra loro server fisici (“bare metal”). Questo permetterà il trasferimento di dati fra sistemi a velocità molto elevata, consentendo alle aziende di spostare nel cloud workload tradizionalmente associati con HPC, come quelli relativi alle esplorazioni petrolifere o agli analytics.

“Man mano che le aziende migrano verso il cloud i carichi di lavoro più pesanti, esse richiedono ai vendor di fornire performance di rete ad alta velocità per sostenerli” afferma Lance Crosby, CEO di SoftLayer. “Il nostro supporto InfiniBand aiuta non solo nella realizzazione tecnologica ma anche nella ridefinizione di come il cloud possa essere usato per risolvere problematiche aziendali complesse”. InfiniBand è un’architettura di rete ”industry standard” in grado di offrire un’elevata velocità di trasferimento – fino a 56Gbps – tra i nodi di calcolo. Equivale a trasferire dati da più di 30.000 dischi Blu-ray in un solo giorno. 

L’architettura offre funzioni aggiuntive, che permettono di ottenere superiori livelli di affidabilità, disponibilità e funzionalità rispetto ai bus PCI legacy e altri switch  e soluzioni I/O proprietarie. Questa nuova funzionalità HPC offre una latenza molto bassa tra i server ‘bar metal’ e  i cluster privati di server con oltre centinaia di nodi di calcolo, rendendola ideale per applicazioni relative alle biotecnologie, alla genomica, all’ingegneria informatica, ai servizi finanziari, alla progettazione elettronica e alle simulazioni d’estrazione (reservoir simulation). 

Riducendo la latenza tra i server ‘bare metal’  che compongono questi cluster privati, le aziende  possono gestire grandi quantità di dati in modo più rapido, efficiente ed efficace. “La scelta di portare le funzioni InfiniBand sul cloud è guidata dalla crescente esigenza di livelli di velocità e prestazioni estremamente elevati per scenari quali l’HPC e i big data”  ha affermato Philbert Shih, managing director di Structure Research. “Questo tipo di offerta aiuterà ingegneri e scienziati a creare, calcolare e analizzare simulazioni in tempo reale sfruttando centinaia di nodi di calcolo”. 

“Poter condividere e analizzare  dati a questa velocità non farà che accelerare l’adozione del cloud negli scenari descritti, rendendo al contempo ’l’HPC più accessibile a una vasta gamma di settori”. Dall’introduzione di InfiniBand su SoftLayer trarranno particolari vantaggi i clienti che sfruttano cluster interamente supportati e ready to run, costituiti da IBM Elastic Storage, IBM Platform LSF o Platform Symphony workload management. Si prevede che InfiniBand sarà disponibile su SoftLayer, attraverso il team IBM Platform Computing, entro il 2014. Per ulteriori informazioni sulle offerte cloud di IBM, visitare il sito http://www.ibm.com/cloud





Fonte: IBM

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...