giovedì 7 agosto 2014

Apple e Samsung: stop a guerra sui brevetti ma solo fuori dagli Usa


Apple e Samsung non hanno ancora raggiunto un accordo di licenza mondiale, ma almeno hanno raggiunto un concordato per dirimere i contenziosi legali per i brevetti in tutti i Paesi al di fuori dagli Usa.   Lo ha annunciato il gigante sudcoreano dell'elettronica in un comunicato. Le due società hanno contenzioso sui brevetti in nove paesi al di fuori degli Stati Uniti, tra cui la Corea del Sud, Giappone, Australia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito.

Cause brevettuali tra i concorrenti continueranno negli Stati Uniti, di cui due in US District Court per il Distretto settentrionale della California, divisione di San Jose. "Samsung Electronics e Apple hanno deciso di terminare le controversie riguardanti i brevetti in tutti i paesi, fatta eccezione per gli Stati Uniti. Questo accordo non comporta alcun accordi di licenza, e le società stanno continuando a perseguire i casi esistenti in tribunali degli Stati Uniti", ha detto Samsung. 

Apple ha confermato l'affare. Samsung ha spedito 74,5 milioni di smartphone nel secondo trimestre del 2014, in calo del 4 per cento rispetto all'anno precedente, anche se il mercato complessivo degli smartphone è cresciuto del 25 per cento, secondo la società di ricerca Strategy Analytics. Al secondo posto Apple che ha venduto 35,2 milioni di smartphone nel trimestre, con un incremento del 12,7% rispetto all'anno precedente, ha dichiarato la settimana scorsa

L'azienda sudcoreana resta ancora il più grande fornitore di smartphone. Le due società hanno citato in giudizio l'un l'altro in una varietà di giurisdizioni in tutto il mondo come parte di un ampio contenzioso sui brevetti. Nel maggio scorso una corte californiana ha aggiudicato alla Apple un risarcimento di 120 milioni. La stessa corte, però, ha ordinato alla casa di Cupertino di pagare al colosso coreano 158 milioni di dollari per aver violato un brevetto di proprietà di Samsung.

Apple e Google hanno deciso a maggio di far cadere tutte le cause di violazione di brevetto in corso tra di loro, ma l'accordo non ha incluso una licenza d'uso vicendevole. Nel 2012, invece, a Samsung fu ordinato di pagare più di 900 milioni di dollari. Un verdetto al quale la casa sud coreana ha fatto appello. Tutto cominciò nel 2011 quando Apple accusò Samsung di aver ispirato il Galaxy ai propri prodotti. Da quel momento, la "guerra dei brevetti" si è propagata in molti Paesi.


Fonte: PC World
Via: RaiNews24

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...