lunedì 14 luglio 2014

Salute: farmaco valido nel trattamento di fobie e stress post trauma


Un farmaco usato per trattare il morbo di Parkinson potrebbe anche aiutare le persone con fobie o disturbi da stress post-traumatico (PTSD). Gli scienziati del Translational Neuroscienze (FTN) Research Center presso l'Università Johannes Gutenberg di Magonza (JGU) stanno attualmente esplorando gli effetti della psicoterapia per spegnere le paure in combinazione con L-Dopa. Questo farmaco non solo per alleviare i disturbi del movimento, ma potrebbe anche essere utilizzato per sostituire ricordi negativi.

Il professor Raffael Kalisch, capo del Neuroimaging Center (NIC) della JGU Translational Neurosciences Research Center, e i suoi collaboratori presso l'Università di Innsbruck stanno conducendo ricerche nei topi e negli esseri umani sui meccanismi psicologici e neurobiologici di ansia e paura. "Le paure sono reazioni essenziali per la salute e la sopravvivenza, ma i ricordi di situazioni indotte di angoscia possono provocare a lungo termine ansia o fobie", ha spiegato Kalisch. In psicoterapia, il metodo "estinzione della paura" è usato esponendo le persone ad una minaccia, ma senza conseguenze negative. 

Le ultime ricerche hanno dimostrato che l'estinzione della paura predice anche la salute mentale dopo il trauma, suggerendo che l'estinzione può essere un importante meccanismo di resistenza. L'estinzione della paura prevede che una persona sia sottoposta a uno stimolo neutrale, come un cerchio su uno schermo, insieme ad una sensazione dolorosa. Presto la persona predice il dolore in risposta al cerchio sullo schermo e la paura diventa condizionata. Poi alla persona viene mostrato di nuovo il cerchio, ma questa volta senza lo stimolo doloroso, in modo che la persona possa dissociare i due fattori. Una persona che ha paura dei ragni, per esempio, in psicoterapia si confronta con i ragni in un modo che li rassicuri che il ragno è innocuo. 

In un altro programma di ricerca, scienziati belgi hanno testato la capacità di estinguere la paura nei soldati distribuiti in una zona di guerra e hanno trovato differenze di resistenza dei soldati ai ricordi traumatici. Alcuni mostravano sintomi di stress post-traumatico dopo la loro distribuzione, mentre coloro che sono riusciti a estinguere la paura in laboratorio hanno mantenuto un buono stato di salute mentale. "Se siete mentalmente abbastanza flessibili da cambiare le associazioni che la vostra mente ha creato, si potrebbe essere meglio in grado di evitare danni durevoli", ha spiegato Kalisch. 

In collaborazione con altri scienziati, Kalisch ha trovato la prima prova che questo processo di cambiamento delle associazioni negative potrebbe coinvolgere i sistemi del cervello per la ricompensa e piacere e dipendono dal rilascio del neurotrasmettitore dopamina che li aiuta a controllare. Tuttavia, anche dopo il successo dell'estinzione, vecchie associazioni di paura possono tornare in altre circostanze stressanti. Ciò potrebbe comportare lo sviluppo di PTSD o una ricaduta dopo la psicoterapia di successo. 

Kalisch ha scoperto che la L-Dopa, un farmaco per il trattamento del morbo di Parkinson, può prevenire questo effetto e potrebbe quindi essere eventualmente utilizzato per prevenire le ricadute in trattamenti PTSD o pazienti fobici. L-Dopa è presa dal cervello e trasformata in dopamina, che controlla non solo ricompensa e piacere dei centri del cervello e aiuta a regolare il movimento, ma anche influisce sulla formazione della memoria. La persona che riceve L-Dopa dopo l'estinzione creerà quindi un forte ricordo positivo secondario dell'esperienza estinzione e sarà quindi in grado di sostituire facilmente la memoria negativa. 

Ciò solleva nuove questioni circa il ruolo delle memorie paura primaria e prevenzione secondaria da L-Dopa. "Vorremmo riuscire a migliorare gli effetti a lungo termine della psicoterapia attraverso la combinazione con L-dopa", ha detto il professor Raffael Kalisch. A tal fine, egli sta per iniziare uno studio clinico su persone con la fobia dei ragni per determinare gli effetti di L-dopa sull'esito della terapia. "Manipolare il sistema della dopamina nel cervello è una strada promettente per promuovere strategie di prevenzione primaria e secondaria in base alla procedura di estinzione", ha continuato.


Fonte: Uni-Mainz

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...