martedì 22 aprile 2014

Vkontate: Facebook russo licenzia il suo fondatore e Ceo Pavel Durov


VKontakte, il cosiddetto Facebook russo e il più popolare social network dello spazio ex sovietico, ha detto ieri di aver accettato le dimissioni del suo fondatore, Pavel Durov, dopo che lo stesso aveva annunciato all'inizio di questo le sue dimissioni e poi, a quanto pare, sembrava aver cambiato idea. Il servizio stampa del VKontakte ha riferito che i poteri Durov sono stati chiusi perché non ha realizzato le sue dimissioni che aveva presentato volontariamente un mese fa, secondo rapporti dell'agenzia di stampa Interfax. 

Il 21 marzo, il 29enne imprenditore aveva avvvisato Vkontakte della risoluzione anticipata del suo contratto, inviando all'azienda una lettera di dimissioni da Ceo. Alla scadenza esatta del mese, il 21 aprile, e visto che Durov non ha formalmente ritirato le sue dimissioni, Vkontakte dice di essersi vista costretta a sollevarlo dall'incarico. L'uscita di scena era stata annunciata il 1° aprile scorso dallo stesso Pavel, il quale aveva poi parlato di un pesce d'aprile, dichiarando di voler rimanere a guidare il social network russo. 

"A seguito di eventi successivi alla variazione della quota di VKontakte nel mese di aprile 2013, la libertà di azione del Ceo nella gestione della società si è significativamente ridotta. Sta diventando sempre più difficile difendere quei principi, che una volta erano posati nella fondazione della nostra rete sociale. Seguo mio fratello, che a metà dello scorso anno ha lasciato la carica di direttore tecnico, mi libero da direttore Generale di VKontakte. Grazie a tutti gli utenti che hanno sostenuto e mi hanno ispirato questi 7 anni". 

"Continuerò a partecipare alla vita del fondatore dei diritti VKontakte, ma le posizioni formali delle nuove condizioni non mi interessano. Resto in contatto con voi, Pavel Durov". La società ha detto che le dimissioni sono state concesse in base ad una legge russa che consente a un individuo di dimettersi dai suoi obblighi contrattuali dopo aver consegnato il preavviso di un mese. "Da quando è trascorso il periodo di un mese e le sue dimissioni non sono state revocate, i poteri di Pavel Durov come direttore generale di VKontakte sono stati risolti", ha detto. 

Annunciando il suo tiro sulla sua pagina di VKontakte, Durov ha detto:  "Oggi VKontakte va sotto il completo controllo di Igor Sechin e Alisher Usmanov. Probabilmente, nel contesto russo, qualcosa di simile era inevitabile, ma sono contento che è durato 7 anni e mezzo. Abbiamo fatto molto. E parte di ciò che è stato fatto non può tornare indietro. Alisher Usmanov è un magnate dei metalli che si espande nella tecnologia attraverso la sua società Mail.ru, che ha costantemente aumentato la sua partecipazione nel social network russo.

Igor Sechin è leader della linea dura della fazione Silovik che sostiene Vladimir Putin, è amministratore delegato della compagnia petrolifera statale Rosneft, e si crede essere uno dei più stretti consiglieri del presidente russo. VKontakte auspica comunque che il rapporto col fondatore del Facebook russo continui. Magari come "Chief architect del social network", ruolo appositamente creato per lui, come ha spiegato il direttore esecutivo Dmitry Sergeev, che guiderà l'azienda fino alla nomina di un nuovo Ceo da parte degli azionisti. 

Sulla scia di numerosi conflitti politici sia a livello nazionale e nei paesi vicini come l'Ucraina, VK.com è diventato una piattaforma per le persone per ottenere il sostegno delle posizioni, spesso a dispetto del Cremlino e di Putin. Durov è resistente a coloro che hanno cercato di limitare la libertà di espressione sulla piattaforma, come ha confermato in più dichiarazioni sul social network. La notizia arriva a pochi giorni dalla denuncia da parte di Durov di pressioni ricevute dall'Fsb per ottenere dati personali degli organizzatori del Maidan di Kiev.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...