venerdì 18 aprile 2014

Nasa scopre il pianeta Kepler-186f simile alla Terra in zona abitabile


Utilizzando il Kepler Space Telescope della NASA, gli astronomi hanno scoperto il primo pianeta simile alla Terra che orbita intorno a una stella nella "zona abitabile", la gamma di distanza da una stella dove l'acqua liquida potrebbe scorrere sulla superficie di un pianeta orbitante. La scoperta di Kepler-186F - spiega la Nasa - conferma che i pianeti delle dimensioni della Terra esistono nella zona abitabile relativi ad altre stelle che non siano il Sole. Mentre i pianeti che sono già stati trovati nella zona abitabile, sono almeno il 40 per cento più grandi in termini di dimensioni della Terra e capire il loro trucco è impegnativo, Kepler-186F ricorda più di tutti la Terra.

"La scoperta di Kepler-186F è un passo significativo verso la ricerca di mondi come il nostro pianeta Terra," ha detto Paul Hertz, direttore della Astrophysics Division della NASA presso la sede dell'agenzia a Washington. "Le future missioni della NASA, come il satellite Transit Exoplanet Survey  e il James Webb Space Telescope, scopriranno più vicini pianeti extrasolari rocciosi e determineranno la composizione e le condizioni atmosferiche, continuando la ricerca per trovare mondi veramente simili alla Terra". Anche se le dimensioni di Kepler-186F sono noti, la sua massa e la sua composizione no. Precedenti ricerche, tuttavia, suggeriscono che un pianeta delle dimensioni di Kepler-186F è probabilmente roccioso.


"Sappiamo di un solo pianeta dove esiste la vita ed è la Terra. Quando si cerca la vita fuori del nostro sistema solare ci concentriamo sulla ricerca di pianeti con caratteristiche simili alla Terra", ha detto Elisa Quintana, ricercatore presso il SETI Institute a Ames della NASA Research Center di Moffett Field, in California, e autore principale del documento pubblicato oggi sulla rivista Science. "Trovare un pianeta nella zona abitabile simile alla Terra per dimensioni è un importante passo in avanti." Kepler-186F risiede nel sistema Kepler-186, a circa 500 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cigno. Il sistema è anche sede di altri quattro pianeti, che orbitano attorno a una stella della metà delle dimensioni e della massa del nostro sole. 

La stella è classificata come una nana M, o nana rossa, una classe di stelle che costituisce il 70 per cento delle stelle della Via Lattea. "Le Nane M sono le stelle più numerose", ha detto Quintana. "I primi segni di altre forme di vita nella galassia potrebbero provenire da pianeti in orbita attorno a un nana M".  Kepler-186F orbita attorno alla sua stella una volta ogni 130 giorni e riceve un terzo dell'energia dalla sua stella di quello che la Terra riceve dal sole, ponendolo più vicino al bordo esterno della zona abitabile. Sulla superficie di Kepler-186F, la luminosità della sua stella a mezzogiorno è brillante come il nostro sole ci appare circa un'ora prima del tramonto.


"Essere nella zona abitabile non significa che sappiamo che questo pianeta è abitabile. La temperatura del pianeta è fortemente dipendente dal tipo di atmosfera che il pianeta", ha detto Thomas Barclay, ricercatore presso la Bay Area Environmental Research Institute presso Ames, e co-autore del documento. "Kepler-186F può essere pensato come un cugino della Terra piuttosto che un gemello. Ha molte proprietà che assomigliano Terra". I quattro pianeti compagni, Kepler-186b, Kepler-186C, Kepler-186d, e Kepler-186e, orbitano intorno al loro sole ogni quattro, sette, 13, e 22 giorni, rispettivamente, il che li rende troppo caldi per la vita come noi la conosciamo. 

Questi quattro pianeti interni tutti misurano meno di 1,5 volte le dimensioni della Terra. I prossimi passi nella ricerca di vita lontana includono altri pianeti in orbita intorno alle loro stelle all'interno della zona abitabile, di cui saranno misurate le composizioni chimiche. Il Kepler Space Telescope, che simultaneamente e continuamente misura la luminosità di oltre 150.000 stelle, è la prima missione NASA in grado di individuare pianeti simili alla Terra formati attorno a stelle simili al nostro sole. Ames è responsabile dello sviluppo dell'impianto a terra di Keplero, delle operazioni di missione e dell'analisi dei dati. 


Al Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena, in California, è affidato lo sviluppo della missione Kepler. Ball Aerospace & Technologies Corp. di Boulder, Colorado, ha sviluppato il sistema di volo di Keplero e supporta le operazioni di missione con il Laboratory for Atmospheric and Space Physics presso l'Università del Colorado a Boulder. La Space Telescope Science Institute di Baltimoradistribuisce i dati scientifici Keplero. Kepler è missione Discovery 10 della Nasa ed è stato finanziato da Science Mission Directorate dell'agenzia. Il SETI Institute è un'organizzazione privata, senza scopo di lucro dedicata alla ricerca scientifica, l'istruzione e la sensibilizzazione del pubblico. 

La missione del SETI Institute è quella di esplorare, comprendere e spiegare l'origine, la natura e la prevalenza della vita nell'universo. Dopo Kepler, è in arrivo un altro cacciatore di pianeti, questa volta europeo. Si chiama Plato e il suo lancio è previsto entro il 2014.  A bordo ci saranno ben 34 piccoli telescopi che per sei anni osserveranno l'universo, circa un milione di stelle ed i relativi pianeti che ruotano intorno ad esse. Alla missione l'Italia partecipa con l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e l'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). Per ulteriori informazioni sulla missione Keplero, visitare il sito: http://www.nasa.gov/kepler 


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...