martedì 15 aprile 2014

Google compra produttore di droni Titan Aerospace e sfida Facebook


Google ha annunciato l'acquisizione di Titan Aerospace, azienda produttrice di droni ad energia solare per offrire accesso wireless a Internet nelle parti più remote del mondo. Lo riporta il Wall Street Journal. Il prezzo di acquisto non è stato rivelato, ma Facebook era stato in trattative per acquisire la società per una somma di 60 milioni dollari. Presumibilmente, Google ha pagato di più per tenerla lontano da Facebook, secondo una persona vicina al dossier. Google ha detto che la tecnologia potrebbe essere utilizzata per raccogliere immagini e offrire l'accesso on-line alle aree remote. 

L'anno scorso Google ha lanciato una piccola rete di palloncini progettati per fornire l'accesso a Internet nel Sud del mondo, definito come progetto Loon. "Satelliti atmosferici potrebbero contribuire a portare la connessione internet a milioni di persone, e aiutare a risolvere altri problemi, tra cui catastrofi e danni ambientali come la deforestazione", ha detto Google in un comunicato inviato via email a Reuters che conferma l'acquisizione Titan. L'acquisizione di Titan da parte di Google arriva alcune settimane dopo che la rivale Facebook ha annunciato piani per costruire droni a energia solare.


Titan, che ha sede in New Mexico e conta su circa 20 dipendenti, rimarrà in New Mexico per il prossimo futuro e lavorerà con Google Project loon. Titan potrebbe però collaborare anche con Makani, l'altra startup californiana che ha inventato la tecnologia Airborne Wind Turbine (Awt) ed acquisita da Google X nel maggio dello scorso anno. Makani Power è stata fondata nel 2006 da Saul Griffith, Don Montague, e Corwin Hardham. Google si è focalizzata sulle energie rinnovabili per alimentare i suoi data center. Dal 2010, l'azienda ha investito in 10 progetti di energia rinnovabile.


Il maggiore uso di energie rinnovabili da parte di Google e di altri fornitori di cloud computing contribuirà a ridurre il riscaldamento globale e il consumo di combustibili fossili. Nel febbraio 2013 la società ha acquisito Channel Intelligence per 125 milioni dollari per incrementare la propria attività di e-commerce. All'inizio dello stesso anno, ha anche acquisito una startup di infrastrutture, Talaria Technologies per aumentare la propria offerta cloud. Google all'inizio di quest'anno ha inaugurato l'Ivanpah Solar Electric Generating System, un gigantesco parco eolico nel deserto del Mojave in California. 

Da un bel pò di tempo Google è interessato alla tecnologia pulita piuttosto che utilizzare combustibili fossili. Titan sta sviluppando una serie di "satelliti atmosferici" ad energia solare, secondo il sito web della società, con operazioni commerciali iniziali in programma per il 2015. I droni, che volano ad un'altitudine di 65.000 piedi (20 chilometri) e possono rimanere in volo per un massimo di cinque anni, hanno 165 piedi (50 metri) di apertura alare, leggermente più corta di quella di un Boeing 777. In particolare, il modello di drone "Solara 50" potrebbe essere impiegato per i servizi di Google Maps.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...