mercoledì 26 marzo 2014

Web: lancio nuovi gTLD segna importante cambiamento per i marchi


Non c'è dubbio che il 2013 sia stato un anno storico per Internet, segnato dall'introduzione dei nuovi Global Top-Level Domain (gTLD) che hanno avuto il via libera per la delegazione dello scorso novembre. Tutti conoscono gli attuali domini di primo livello (i TLD), cioè la parte del nome di dominio che si trova a destra del punto, come .com o .net. La nuova era dei gTLD vedrà crescere Internet dagli attuali 22 gTLD a circa 1300 nuove possibilità.

Dopo molti anni di discussioni, l'ICANN, Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, e i suoi partner hanno aperto il nuovo processo dei gTLD nel gennaio 2012. Il programma gTLD è stato sviluppato per aumentare la concorrenza e la scelta nello spazio dei nomi di dominio e si propone di contribuire a rendere internet più globale, indipendentemente dalla lingua o dal Paese di origine. L’espansione dei gTLD ha aperto le porte a molti marchi, gruppi di comunità e imprenditori per operare sui propri Top Level Domain.

Quando l'ICANN ha pubblicato il suo elenco di nuove applicazioni di primo livello nel giugno 2012, sono nati circa 1400 nuovi domini di primo livello, con circa 650 marchi che applicano TLD ai loro nomi. C’erano anche 66 applicazioni per i termini geografici, come ad esempio: .nyc, .london, .osaka e .capetown... I nomi di dominio internazionalizzati (IDN) erano disponibili solo come domini di secondo livello e domini di primo livello "regionali", ma per la prima volta grazie a questo nuovo programma, è possibile utilizzare caratteri non latini in un TLD generico.

Basandosi sull'aggiunta di TLD nazionali internazionalizzati nel 2010, il movimento è stato parte della strategia per creare un Internet più aperto. I primi quattro domini che sono stati autorizzati a procedere alla delega lo scorso ottobre dal nuovo programma gTLD erano tutti stringhe a caratteri non latini e comprendevano la parola araba per "web" (o "rete"), le parole russe per "on-line" e "sito web" e la parola cinese per "gioco". Vi sono approssimativamente circa 1100 domini generici come .film, .sport, .libri e perfino .sucks. 

Chi ha registrato questi domini spera di offrire al pubblico o ai brand la possibilità di registrare un nome di dominio alla sinistra del punto come brand.fashion, brand.sport - o, perché no, brand.sucks. Donuts ha richiesto il maggior numero di nuovi TLD, ha lanciato il suo primo dominio alla fine di novembre lo scorso anno, innescando l’inizio di un periodo Sunrise di 60 giorni. Le organizzazioni a cui è assegnato il .brand, saranno responsabili per l’esecuzione di un registro dei nomi di dominio in altre entità che possono essere in grado di applicare un nome di dominio, secondo i criteri del mese di settembre da parte del Registro di Sistema.

Le linee guida del programma degli operatori del registro di sistema gTLD permetteranno anche di agire in un registro chiuso del loro sistema, limitando le applicazioni solo a gruppi interni, vale a dire shop.brand o newproduct.brand o possono essere aperti a partner autorizzati in modo che i concessionari, i distributori e gli agenti possono avere la propria fetta di Internet strettamente allineata al proprietario del marchio. Il tempo ci dirà come l’espansione dello spazio dei nomi di Internet si traduca in opportunità di business positive, ma l’espansione ha notevolmente aumentato la necessità per i marchi di tutelare la propria presenza digitale.

L’aumento esponenziale dei gTLD ha un profondo effetto sui portafogli di dominio di molte aziende e le strategie di protezione di brand correnti. Nel bel mezzo di questi cambiamenti sostanziali, i marchi devono essere pronti e preparati. Mentre i brand non possono opporsi formalmente alle applicazioni gTLD, come commentato dall'ICANN e siccome il termine per presentare un'opposizione formale è scaduto, è ancora importante che i marchi rivedano le applicazioni TLD e la preparazione per ciò che gli si prospetta.

L’ICANN ha imposto una serie di nuovi diritti dei meccanismi di protezione a tutela dei proprietari di marchi, incluse le rivendicazioni del Trademark Clearinghouse, Trademark Claims, Sunrise Registration and Dispute Policies,dell’URS (Uniform Rapid Suspension), del PDDRP (Post-Delegation Dispute Resolution Procedure) dell’RRDRP (Registry Restriction Dispute Resolution Procedure) e del PICDRP (Public Interest Commitment Dispute Resolution Procedure).

Dato che i domini di primo livello iniziano a comparire, potrebbe essere economicamente impegnativo registrare un marchio difensivo in ciascuno di essi. Ad esempio, se 50 dei nuovi gTLD hanno richiesto una registrazione difensiva e un’azienda ha molteplici sub-brand, prodotti, promozioni e altri termini che vengono utilizzati nei nomi di dominio, la registrazione di ciascuno di tali termini con i 50 nuovi gTLD potrebbe imporre ulteriori costi significativi.

Sarebbe più prudente per le organizzazioni osservare accuratamente le proprie partecipazioni difensive, poi decidere quali dei nomi a dominio esistenti non sono più necessari e eliminarli dai propri portafogli. I criteri per la “purificazione” dei portafogli possono variare da domini che sono stati registrati ma mai utilizzati o quelli sui prodotti che non sono mai stati lanciati, attraverso i domini in TLD molto ristretti dove i costi elevati potrebbero controbilanciare un rischio minimo di cybersquatting.

E' importante rivedere le linee guida di gestione del dominio e identificare gli individui che sono autorizzati a richiedere,approvare e modificare le registrazioni. Sarebbe anche consigliabile avere un punto centrale di contatto con il compito di esaminare e approvare tutte le modifiche. Ogni strategia dovrebbe anche fornire indicazioni sulle variazioni importanti, errori di ortografia comuni, o anche combinazioni di termini, come “Brandshop” e “shopbrand” per i nomi a dominio.

Inoltre, il blocco dei nomi di dominio dovrebbe garantire che i trasferimenti non autorizzati o modifiche al DNS non possano essere fatte. Non è più sufficiente garantire un sito web, il nome di dominio stesso ha bisogno di essere al sicuro dagli hacker. Questo è il momento ideale per le aziende per aggiornare le strategie che utilizzano nella protezione proprio marchio. Al livello più elementare è fondamentale per monitorare potenziali problemi in tutte le nuove registrazioni gTLD per l' uso improprio di marchi e slogan.

Nel nuovo ambiente gTLD, vi è una moltitudine di spazi dei nomi di dominio, che potrebbero incoraggiare cybersquatter e phisher a reindirizzare il traffico Internet verso siti web fraudolenti registrando domini che sono facilmente confondibili con i siti legittimi. Le imprese senza linee guida devono lavorare con i propri uffici legali, con i team di risk e brand management per mettere in atto le politiche e le strategie di difesa per individuare e indagare su tutti quei siti Internet fraudolenti o domini abusivi e illegali che violano i loro marchi.

Questo non è l'inizio della fine, ma l'inizio dell'inizio del nuovo mondo dei gTLD, e ci sono tutti i presupposti per un enorme aumento dell'attività nello spazio dei domini. L'arrivo dei nuovi gTLD proseguirà nel corso dei prossimi due anni, finché ne saranno delegati 1300. Sarebbe opportuno per le aziende sfruttare il primo Sunrise Period, per prepararsi ad affrontare con una corretta strategia le future possibilità aperte dai nuovi gTLD.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...