sabato 22 marzo 2014

IXV di Thales Alenia Space, presentata prima navicella spaziale ESA


Nasce a Torino lo shuttle del futuro, sebbene al momento è solo un dimostratore tecnologico. Si chiama IXV (Intermediate eXsperimental vehicle) il mini Shuttle di costruzione italiana dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) che ha terminato la fase di sviluppo ed è pronto per il suo primo viaggio di prova nello Spazio. Salvo rinvii dell'ultim'ora, il lancio avverrà a ottobre del 2014 dalla base europea di Kourou, in Guyana francese e sarà tutto "made in Italy". A portare in volo l'IXV, infatti, sarà il piccolo razzo europeo Vega costruito in Italia dalle industrie Avio di Colleferro, in Lazio.

Il prototipo del velivolo è stato ufficialmente presentato alla Stampa venerdì 21 marzo nel centro Altec di Torino in in evento congiunto Esa e Thales Alenia Space, che lo ha costruito. Il mini shuttle Esa è un dimostratore tecnologico di rientro, dotato di uno scudo termico per sostenere le elevate temperature dell'attrito con l'atmosfera nella fase di ritorno sulla Terra, oltre che di superfici aerodinamiche e comandi automatici che ne consentono la manovrabilità fino a quando, grazie all'apertura di un paracadute, ammara a velocità controllata nell'oceano, dove viene recuperato da una squadra di tecnici.

"In futuro - ha spiegato a TMNews Giorgio Tumino, capo progetto Esa dell'IXV - una nuova classe di velivoli derivata dall'IXV, con le dovute midifiche potrà essere usata anche come mezzo di rientro sulla Terra per gli astronauti della Stazione spaziale internazionale, ora vincolati all'uso delle Sojuz russe, oppure per missioni, con o senza equipaggio umano, verso asteroidi o altri pianeti". L'investimento complessivo per lo sviluppo del progetto è di 150 milioni di euro e prevede l'impegno di un consorzio - a guida italiana - formato da 40 tra aziende, enti di ricerca e università di tutta Europa.

Il primo volo test di IXV sarà su una traiettoria suborbitale e durerà solo un'ora e 40 min. La separazione da Vega avverrà a 320 km d'altezza. Il veicolo poi continuerà a salire fino a una quota di 412 Km prima di iniziare il rientro a una velocità di 7,7 Km al secondo per poi tuffarsi nell'Oceano Pacifico dove verrà ripescato da un apposito team di recupero. Tutta la missione sarà monitorata dal centro di controllo dell'Altec di Torino, grazie a 2 stazioni radio in Africa.

Il prototipo in scala  reale dell'IXV ha superato con successo la prova del Drop test lo scorso 19 giugno. IXV  consentirà di realizzare un dimostratore tecnologico di un veicolo spaziale non abitato, con una forma non convenzionale di tipo "lifting-body", con capacità di rientro dallo spazio. Il Drop Test è stato eseguito al largo della costa della Sardegna, nel Poligono Interforze di Salto di Quirra, dove il prototipo del veicolo è stato portato ad un'altitudine di circa 3000 m sulla superficie del mare da un elicottero dell'Esercito Italiano ed è stato poi sganciato a circa 10 km dalla costa.

Il veicolo ha quindi compiuto la propria traiettoria in volo libero, fino all'apertura del paracadute subsonico che ne ha ridotto la velocità al di sotto dei 7 m/s,  al momento della caduta in mare. Il test ha consentito di verificare, con successo, una molteplicità di elementi, quali: lo spiegamento ed apertura del paracadute subsonico principale; il design e funzionamento degli attuatori per l'eiezione dei pannelli di chiusura dei galleggianti; l'attivazione dei sistemi di geo-localizzazione del veicolo e la corretta individuazione e notifica, tramite sistema COSPAS/SARSAT, delle coordinate del veicolo per consentire le operazioni di recupero.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...