sabato 29 marzo 2014

Connectivity Lab: droni Facebook porteranno Internet in tutto il mondo


Facebook ha annunciato di lavorare ad un progetto che sfruttando vari sistemi, tra cui droni autoalimentati a energia solare, porterà Internet in quei paesi dove oggi non arriva. Questo sistema si chiama Connectivity Lab e punta a portare le connessioni internet nelle ampie aree del pianeta ancora non connesse alla Rete informatica globale. Nel nuovo laboratorio del social network lavoreranno 50 esperti di aeronautica e scienziati spaziali. "L'anno scorso Facebook e altre aziende tecnologiche hanno lanciato Internet.org, una partnership globale per rendere Internet disponibile ai due terzi della popolazione del mondo che non lo possiedono", si legge in un comunicato sul sito Internet.org. 

"Crediamo che collegare il mondo è una delle più grandi sfide della nostra generazione, e che ognuno merita accesso alle conoscenze, gli strumenti e le opportunità che provengono da essere connessi", si legge in un comunicato sul sito Internet.org. Oggi, Mark Zuckerberg ha annunciato che un team di Facebook ha lavorato su nuove tecnologie per migliorare ed estendere l'accesso a internet. Iniziato con lo stesso talento di ingegneria alle spalle del team dell'infrastruttura di Facebook e il progetto Open Compute, la squadra di Connectivity Lab ha lavorato sullo sviluppo di nuove piattaforme per la connettività a terra, in aria e in orbita". Facebook ha anche acquisito per 12,5 milioni di dollari la britannica Ascenta. 


"Per fare di queste piattaforme una realtà - prosegue il comunicato - recentemente abbiamo aggiunto alcuni dei massimi esperti mondiali di tecnologia aerospaziale tra cui il team di Ascenta, una società con sede nel Regno Unito, con una grande esperienza nella progettazione e costruzione di aeromobili di lunga durata (HALE) ad alta quota. Il team Ascenta composto da cinque membri ha combinato più di 100 anni di esperienza nel settore aerospaziale tra cui posizioni di leadership con QinetiQ , Boeing , Honeywell e la Harris Corporation. Hanno lavorato su progetti degni di nota, come il Breitling Orbiter e prime versioni di Zephyr, che è diventato l'aereo a energia solare che vola più tempo al mondo senza pilota".



A confermare questo piano è stato lo stesso fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che sul social network ha parlato anche di una task force composta da una cinquantina di tecnici aeronautici e di esperti di tecnologie spaziali. "Altre aggiunte recenti al team - si legge ancora - sono venuti da organizzazioni tra le quali Jet Propulsion Laboratory della NASA Ames Research Center della NASA , e del National Optical Astronomy Observatory. L'approccio del team si basa sul principio che le comunità di diverse dimensioni hanno bisogno di diverse soluzioni e stanno già lavorando su nuove piattaforme, tra cui fornitura aerei e satelliti per fornire la connettività per le comunità con differenti densità di popolazione".

"Per le zone suburbane nelle regioni geografiche limitate, abbiamo lavorato in quota con aerei alimentati ad energia solare, che possono rimanere in volo per mesi, essere rapidamente implementati e fornire connessioni Internet affidabili. Per le zone a bassa densità, a bassa orbita terrestre e satelliti geostazionari è possibile trasmettere connessione internet a terra. Per tutti questi sistemi , il team sta lavorando su Comunicazioni ottiche  in spazio libero, o FSO, un modo di usare la luce per trasmettere dati attraverso lo spazio usando invisibili, raggi laser infrarossi. FSO è una tecnologia promettente che potenzialmente ci permette di aumentare drasticamente la velocità delle connessioni internet fornite dai satelliti e droni". 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...