giovedì 13 marzo 2014

Alzheimer, test sangue scopre rischio di sviluppare malattia in 3 anni


Grazie a una analisi del sangue è possibile diagnosticare se una persona svilupperà la malattia di Alzheimer ben tre anni prima che compaiano i primi sintomi. Un esame del sangue può predire con una precisione del 90 per cento se in una persona sana si svilupperà il deterioramento cognitivo lieve (MCI) o morbo di Alzheimer entro tre anni, è stato scoperto e validato dai ricercatori della Georgetown University e altre sei istituzioni. Il gruppo di studio spiega nel numero di aprile di Nature Medicine (l'abstract del documento è stato pubblicato online) come ha scoperto e poi convalidato un insieme di 10 biomarcatori lipidi nel sangue che prevedono entrambe le condizioni. 

La scoperta preannuncia il possibile sviluppo di opzioni di trattamento precedenti per il morbo di Alzheimer, quando la terapia potrebbe essere più efficace nel rallentare o addirittura impedire l'insorgenza della malattia. "La nostra analisi del sangue offre la possibilità di identificare le persone a rischio di declino cognitivo progressivo e può cambiare la maniera in cui i pazienti, le loro famiglie e i medici curanti possono pianificare e gestire il disordine", dice l'autore dello studio, il dottor Howard J. Federoff, vice presidente esecutivo per le Scienze della Salute presso la Georgetown University Medical Center. 

Attualmente non esiste una cura o un trattamento efficace per la malattia di Alzheimer, che, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, dovrebbe raddoppiare ogni 20 anni in tutto il mondo, da 35,6 milioni di individui nel 2.010 a 115,4 milioni entro il 2050. Federoff, professore anche di neurologia, spiega che ci sono stati molti sforzi per sviluppare farmaci per rallentare o invertire la progressione della malattia di Alzheimer, ma tutti hanno fallito. Dice che uno dei motivi potrebbe essere i farmaci siano stati valutati troppo tardi nel processo della malattia.

"Lo stato preclinico della malattia offre una finestra di opportunità per un intervento  in grado di modificare modificante la malattia tempestivamente, e i biomarcatori che definiscono questo periodo asintomatico sono fondamentali per il successo nello sviluppo e applicazione di queste terapie", spiega Federoff. Oltre a numerosi ricercatori della Georgetown, altri membri del team sono i ricercatori della University of Rochester, University of California-Irvine, Rochester General Hospital, Unity Health System a Rochester, Temple University School of Medicine e Regis University School of Pharmacy a Denver.

Lo studio ha coinvolto 525 partecipanti sani di età compresa tra 70 anni e oltre a cui sono stati prelevati dei campioni di sangue sia all'inizio dello studio. Nel corso dei cinque anni di studio, 74 partecipanti hanno mostrato i requisiti sia per malattia lieve di Alzheimer (AD) o una condizione nota come decadimento cognitivo amnesico lieve (aMCI), in cui la perdita di memoria è prominente. Di questi, 46 sono stati diagnosticati al momento dell'iscrizione e 28 hanno sviluppato aMCI o lieve AD, durante lo studio (quest'ultimo gruppo chiamato convertitori).

Nel terzo anno dello studio, i ricercatori hanno selezionato 53 partecipanti che hanno sviluppato aMCI/AD (di cui 18 convertitori) e 53 cognitivamente normali, che sono stati abbinati per la fase di individuazione dei biomarcatori lipidici dello studio. I lipidi non sono stati mirati prima dell'inizio dello studio, ma piuttosto, sono un risultato dello studio. E' stato scoperto un gruppo di 10 lipidi, che i ricercatori ritengono possano rivelare la composizione delle membrane cellulari neuronali nei partecipanti che sviluppano sintomi di deficit cognitivo o AD. Il pannello è stato successivamente convalidato utilizzando i restanti 21 partecipanti aMCI/AD (di cui 10 convertitori), e 20 controlli. 

Acquisiti i dati, sono stati analizzati per determinare se i soggetti potevano essere inclusi nelle corrette categorie diagnostiche, basate esclusivamente sui 10 lipidi identificati nella fase di scoperta. "Il quadro lipidico è stato in grado di distinguere con precisione il 90 per cento di questi due gruppi distinti - partecipanti cognitivamente normali che sarebbero progredito all'MCI o all'AD entro due o tre anni, e quelli che sarebbero rimasti normale in un prossimo futuro", dice Federoff, che serve anche come decano esecutivo della Scuola di Medicina. 

I ricercatori dicono che il quadro rivela cambiamenti nella composizione delle membrane cellulari neuronali con conseguente 10 lipidi identificabili, o metaboliti, che circolano nel sangue. In particolare, due dei 10 metaboliti hanno forti legami con la neuropatologia di Alzheimer. "Consideriamo i nostri risultati un passo importante verso la commercializzazione di un test per il biomarcatore della malattia in fase preclinica, che potrebbe essere utile per lo screening a larga scala della popolazione ed identificare i soggetti a rischio", conclude Federoff. 

"Abbiamo l'intenzione di progettare uno studio clinico in cui useremo questo quadro per identificare le persone ad alto rischio di Alzheimer per testare un agente terapeutico che potrebbe ritardare o prevenire l'insorgere della malattia". Federoff e i ricercatori della Georgetown Amrita K. Cheema e Massimo S. Fiandaca insieme a Mark Mapstone della University of Rochester sono nominati come co-inventori su una domanda di brevetto depositata dalla Georgetown e l'Università di Rochester relativi alla tecnologia descritta. Questo lavoro è stato finanziato da sovvenzioni dal National Institutes of Health (R01AG030753) e il Dipartimento della Difesa (W81XWH-09-1-0107).

)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...