martedì 4 febbraio 2014

Google chiude bilancio d'esercizio 2013 in crescita grazie a pubblicità


Google Inc. (Nasdaq: GOOG) ha annunciato i risultati finanziari per il trimestre e l'anno fiscale conclusosi il 31 dicembre 2013. "Abbiamo concluso il 2013, con un altro ottimo trimestre di slancio e di crescita. I ricavi standalone di Google sono cresciuti del 22 percento su base annua, a 15,7 miliardi dollari", ha detto Larry Page, CEO di Google. 

"Abbiamo fatto grandi progressi nel migliorare una vasta gamma di prodotti e obiettivi di business. Sono anche molto eccitato per i miglioramenti alla vita delle persone dovuti al nostro costante duro lavoro sulle esperienze utente". Google Inc. ha registrato un fatturato consolidato di 16,86 miliardi dollari per il trimestre conclusosi il 31 dicembre 2013, con un incremento del 17% rispetto al quarto trimestre del 2012. 

Google ha registrato ricavi pubblicitari, in linea con i principi contabili, su base lorda senza detrarre i costi di acquisizione del traffico (TAC). Nel quarto trimestre del 2013, TAC pari a 3,31 miliardi dollari, o 24% dei ricavi pubblicitari. L'utile operativo GAAP nel quarto trimestre del 2013 è stato 3,92 miliardi dollari, o 23% dei ricavi. Questo si raffronta ad un utile operativo GAAP di 3,39 miliardi dollari, o 24% dei ricavi, nel quarto trimestre del 2012. 

L'utile operativo non-GAAP nel quarto trimestre del 2013 è stato 4,84 miliardi dollari, o 29% dei ricavi. Questo si raffronta ad un utile operativo non-GAAP di 4,27 miliardi dollari, o 30% dei ricavi, nel quarto trimestre del 2012. L'utile netto GAAP, inclusa la perdita netta da attività cessate, nel quarto trimestre del 2013 è stato 3,38 miliardi dollari, rispetto ai 2,89 miliardi dollari nel quarto trimestre del 2012. 

L'utile netto Non-GAAP nel quarto trimestre del 2013 è stato $ 4,10 miliardi, rispetto ai 3,57 miliardi dollari nel quarto trimestre del 2012. PS GAAP, compreso l'impatto di perdita netta da attività cessate, nel quarto trimestre del 2013 era di 9,90 dollari su 341 milioni di azioni diluite in circolazione, rispetto a 8,62 dollari nel quarto trimestre del 2012 su 335 milioni di azioni diluite in circolazione. 

EPS non-GAAP nel quarto trimestre del 2013 era di 12,01 dollari, rispetto ai 10,65 dollari nel quarto trimestre del 2012. L'utile operativo non-GAAP e il margine operativo non-GAAP escludono compensazione azionaria (SBC) oneri, nonché di ristrutturazione e relativi oneri. L'utile netto non-GAAP e non-GAAP escludono le spese osservato in precedenza, al netto dei relativi benefici fiscali, così come la perdita netta da attività cessate. 

Nel quarto trimestre del 2013, le spese relative alla SBC e dei relativi benefici fiscali sono stati 902 milioni dollari e 191 milioni dollari rispetto ai 700 milioni dollari e 152 milioni dollari nel quarto trimestre del 2012. Nel quarto trimestre del 2013, ristrutturazione e oneri accessori e dei relativi benefici fiscali sono stati di $ 15 milioni e 11 milioni dollari, rispetto ai 178,000,000 di dollari e 65 milioni di dollari nel quarto trimestre del 2012. 

Inoltre, la perdita netta da attività cessate nel Q4 2013 è stata di 5 milioni di dollari, rispetto ai 21 milioni di dollari del Q4 del 2012. Su base consolidata, i ricavi di Google per il trimestre chiuso al 31 dicembre 2013 sono stati 16,86 miliardi dollari, con un incremento del 17% rispetto al Q4 del 2012. I siti di proprietà di Google hanno generato ricavi pari a 10,55 miliardi dollari, o il 67% del totale ricavi del segmento di Google, nel quarto trimestre del 2013.

I siti partner di Google hanno generato ricavi del segmento pari a 3,52 miliardi dollari, o 23% del totale ricavi del segmento di Google, nel quarto trimestre del 2013. Google chiude l'ultimo trimestre del 2013 con utili in rialzo, anche se di poco sotto le attese, con un aumento del 17% a 16,6 miliardi di dollari rispetto ai 14,4 dell'anno precedente.Un balzo in avanti merito soprattutto della pubblicità i cui ricavi complessivi sono aumentati del 17% a 14 miliardi.

In particolare i click degli utenti sul motore di ricerca sono saliti del 31%, soprattutto grazie al settore mobile che sta diventando per tutte le grandi aziende di servizi hitech la vera grande opportunità da sfruttare per il futuro e per guadagnare fette di mercato.In questo quadro ad andare male è stata la divisione Motorola Mobility, i cui ricavi sono scesi del 24% prima di essere ceduta alla cinese Lenovo per 2,9 miliardi di dollari.


Via: TMNews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...