lunedì 24 febbraio 2014

Dropbox cambia termini di servizio e aggiorna le regole sulla privacy


Dropbox, il servizio cloud di proprietà di Google, sta informando i clienti che sta cambiando le sue norme sulla privacy  i suoi termini di servizio per la gestione dei reclami legali promossi contro il suo cloud storage e il servizio di file-sharing. I nuovi termini sembrano progettati per impedire agli utenti di depositare azioni legali collettive e invece richiedere un arbitrato vincolante attraverso l'American Arbitration Association (AAA). Dropbox ha detto che l'arbitrato è "un modo più veloce e più efficiente" per risolvere le controversie legali.

"Abbiamo fatto un sacco di modifiche a Dropbox dall'ultima volta che abbiamo aggiornato i nostri Termini di servizio, Privacy Policy, e Dropbox on-line per gli accordi aziendali. Così oggi, stiamo iniziando a far conoscere agli utenti di posta elettronica alcuni aggiornamenti a queste politiche. Gli aggiornamenti saranno efficaci dal 24 marzo 2014. Sappiamo che questi tipi di aggiornamenti sono davvero importanti per voi, e vogliamo aiutarvi a capire", scrive Ramsey Homsany General Counsel di Dropbox, in un post sul blog ufficiale. 

"Abbiamo aggiunto - scrive ancora Homsany - una sezione sull'arbitrato ai nostri Termini di servizio aggiornati. L'arbitrato è un modo rapido ed efficace per risolvere le controversie e offre un'alternativa a opzioni come i tribunali statali o federali in cui il processo può richiedere mesi o addirittura anni. Se non desideri accettare il ricorso all'arbitrato, puoi rifiutare la clausola in questione compilando un modulo online nei 30 giorni successivi all'entrata in vigore dei Termini. Il modulo e altri dettagli sono disponibili sul nostro blog". 

"Ci preoccupiamo - aggiunge Homsany - di avere condizioni generali di servizio che siano leggibili, dare la giusta quantità di contesto, e di evitare inutile legalese, quindi abbiamo aggiornato la nostra lingua per adattarsi meglio alle autorizzazioni che ci date con le caratteristiche che si usano", si legge ancora. Ad esempio, con la fornitura delle anteprime dei documenti, i nostri sistemi automatici devono avere il permesso di accedere ed eseguire la scansione delle anteprime di quel materiale, così spieghiamo questo nei nuovi termini".

Per quanto riguarda le norme sulla privacy, invece, Dropbox ha aggiunto una sezione alle sue norme sulla privacy che tratta i sui Principi relativi alle richieste ufficiali di dati recentemente pubblicati. Ha anche chiarito meglio le modalità in cui i suoi servizi utilizzano le informazioni degli utenti. Ad esempio, spiega che quando viene fornito l'accesso ai propri contatti, vengono archiviati in modo che solo l'utente possa svolgere più agevolmente attività come la condivisione di file, indipendentemente dal dispositivo che si sta utilizzando. 

Dropbox ha aggiunto una sezione che spiega i suoi Principi di richiesta dati del governo recentemente lanciati, che descrivono il suo "impegno a proteggere la privacy quando si maneggiano le richieste del governo". La società ha anche aggiornato i suoi termini di servizio e le norme sulla privacy per "renderli più chiari e riflettere l'ampliamento dell'elenco di funzionalità" per i suoi clienti Dropbox for Business. Infine, Dropbox sta completando la transizione agli stessi termini di servizio e privacy policy applicata a Mailbox, l'applicazione comprata un anno fa da Google. 


Via: Dropbox

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...