domenica 31 marzo 2013

Windows Blue trapela online, Microsoft annuncia Build conference '13


Una delle prime build di Windows Blue, la prossima versione di Windows, è trapelata online lo stesso giorno in cui il CEO di Microsoft Steve Ballmer ha festeggiato il suo 57° compleanno. La Build 9364, una versione di partner che è stata originariamente redatta il 15 marzo, è stata resa disponibile sui siti di condivisione di file e include alcuni dei nuovi cambiamenti che Microsoft sta costruendo nel suo significativo aggiornamento di Windows 8. 

Gli screenshot trapelati inviati a Winforum mostrano che l'azienda sta portando modalità di piastrelle più piccole e anche un un desktop più grande per la sua schermata iniziale, oltre ad un maggiore controllo sulle opzioni di personalizzazione del colore, e molto altro ancora. Secondo The Verge, Microsoft sta costruendo Snap Views aggiuntivi in Windows Blue, che consentono agli utenti di effettuare applicazioni side-by-side in Windows 8 view.


Il nuovo 50/50 view è simile alla modalità desktop snapping, ma Microsoft supporta inoltre fino a 4 applicazioni snapped una accanto all'altra. Nuovo allarme, sound recorder, movie moment, e calcolatrice di Windows 8 in stile applicazioni usufruiranno inoltre di questi nuovi views. I miglioramenti snapping si applicano anche al supporto multi monitor, dove è ora possibile eseguire singoli Windows 8 in stile applicazioni su più monitor.

Altri miglioramenti includono una serie di nuove opzioni nelle impostazioni della schermata in stile Windows 8. Microsoft sembra aver aggiunto le impostazioni necessarie per garantire agli utenti tablet di non scendere al pannello di controllo per cambiare le cose. Sono presenti opzioni SkyDrive, che mostrano una maggiore integrazione con auto camera uploads e controllo sul back-up dei dispositivi e file. C'è anche una sezione per modificare le impostazioni app.





Con una base notevole di prodotti e una visione chiara di come si evolverà l'azienda, leader di prodotto all'interno di Microsoft stanno lavorando insieme su piani per far avanzare i suoi dispositivi e servizi, una serie di piani come "Blue". "I nostri clienti hanno già sperimentato il ritmo in corso di aggiornamenti e innovazioni negli ultimi sei mesi, inclusi i nuovi dispositivi, applicazioni e nuovi servizi, migliori prestazioni e nuove funzionalità", scrive TechNet.

Per assicurarsi che tutti sappiano cosa sta progettando e possano partecipare a questo ecosistema in rapida crescita, Microsoft ha annunciato la conferenza degli sviluppatori, Build 2013, che si svolgerà il 26-28 Giugno, 2013 al Moscone Center di San Francisco. Il calendario per l'apertura della registrazione si aprirà alle ore 9 di Martedì, 2 aprile su www.buildwindows.com. Si parlerà delle prospettive di Windows, Windows Server, Windows Azure, Visual Studio e altro ancora.


Fonte: The Verge
Via: Microsoft TechNet

sabato 30 marzo 2013

Monica Rancati Senior Director della Divisione HR di Western Europe


Ancora una volta Microsoft dimostra la propria attenzione per l'universo femminile. Monica Rancati è stata nominata Senior Director della Divisione HR di Western Europe di Microsoft a riporto di Stijn Nauwelaerts, General Manager HR Microsoft International. Monica Rancati porta una grande esperienza internazionale nell’ambito della gestione strategica delle Risorse Umane. Nella nuova posizione, Monica Rancati gestisce il team HR Western Europe presente in 14 paesi dell’area con l’obiettivo di definire i piani di recruitment e di formazione dei talenti attraverso progetti internazionali.

Inoltre, Monica Rancati ha il compito di favorire la diffusione del “New World of Work”: un sistema di obiettivi chiaro a cui viene associato uno strutturato sistema premiante, percorsi di crescita e sviluppo in azienda, una cura delle persone che si traduce in un sistema di welfare volto a massimizzare il potenziale di ognuno e un contesto lavorativo informale e dinamico, dove la migliore tecnologia consente alle persone di conciliare vita privata e professionale con la massima flessibilità.


“Il mio obiettivo è dimostrare come le politiche di HR possono davvero fare la differenza ed essere un fattore chiave nelle sfide future che le organizzazioni devono affrontare per poter continuare a crescere e svilupparsi. Sono entusiasta di entrare a far parte di una realtà come Microsoft, dove la gestione delle Risorse Umane assume un ruolo chiave in tutte l’attività dell’azienda e l’attenzione verso i dipendenti si orienta verso nuovi modelli orientati alla flessibilità, alla meritocrazia e alla definizione di obiettivi chiari, il tutto favorito dall’utilizzo della tecnologia, elemento chiave per un nuovo mondo del lavoro al passo con i tempi”, ha dichiarato Monica Rancati.

Monica Rancati ha una solida esperienza e una conoscenza approfondita di diversi mercati, avendo lavorato in Europa, Medioriente e Africa. Prima di entrare in Microsoft, è stata Senior Director Risorse Umane per Emc Sud Emea, società in cui la lavorato per oltre 10 anni e ha ricoperto ruoli diversi come HR Advisory, HR Manager, HR Director per l’Italia ed Emea Director Talent Acquisition & Development, sviluppando così una visione di livello internazionale. Precedentemente ha lavorato nel settore HR in Data Generale. Rancati si è laureata in Economia e Commercio a Pavia.



Informazioni su Microsoft
Fondata nel 1975, Microsoft è leader mondiale nel software, nei servizi e nelle tecnologie Internet per la gestione delle informazioni di persone e aziende. Offre una gamma completa di prodotti e servizi per consentire a tutti di migliorare, grazie al software, i risultati delle proprie attività - in ogni momento, in ogni luogo e con qualsiasi dispositivo. Ogni informazione relativa a Microsoft è disponibile al sito http://www.microsoft.com/italy/ o all’indirizzo msstampa@microsoft.com

Fonte: Microsoft

Segreti Fbi: tutti pazzi per dossier su Ufo, documento prova più visto


C'è una stanza, nella sede dell'Fbi, dove chiunque può consultare lo schedario virtuale con i più famosi casi del Bureau. E, un pò a sorpresa, si è scoperto che i più gettonati non sono quelli dedicati ai grandi gangster come John Dillinger o Al Capone, bensì i file che parlano di ufo. "Da quando abbiamo aperto - spiega John Fox, storico dell'Fbi - il documento più letto è questo memorandum sui dischi volanti che tratta di una serie di ufo che sarebbero stati trovati dall'Air Force nel New Mexico".

I numeri parlano chiaro: il documento sugli alieni è stato visto oltre un milione di volte, quello su Al Capone non è neppure nei primi 50. E il contenuto è decisamente interessante: i dischi volanti erano circolari, con un diametro di una quindicina di metri e all'interno c'erano tre extraterresti dall'aspetto umano, ma alti solo 90 cm e con tute metallizzate. Insomma fantascienza pura. Su cui però non si sono fatte ulteriori ricerche.



"Il documento spiega che non sono state fatte altre indagini - aggiunge Fox - perché era un'informazione non di prima mano. Il che non significa che fosse necessariamente una bufala, cosa peraltro possibile, ma che era stata riportata da qualcun altro". Gli ufo, comunque, appassionano molto i frequentatori di questa ex stanza dei segreti, e dai memo dell'Fbi emergono molti elementi a favore dell'esistenza degli alieni. 

Ma gli agenti federali, che negli anni hanno rischiato la vita inseguendo i più famosi criminali d'America, non nascondono una velata frustrazione per queste attenzioni speciali riservate ai fenomeni paranormali. Ma, si sa, le suggestioni misteriose sono sempre più accattivanti, con buona pace di Al Capone e degli Intoccabili. La nota del 22 marzo 1950, era indirizzata al direttore dell'Fbi J. Edgar Hoover da Guy Hottel, allora capo del Fbi di Washington, DC, filed office.


"Un investigatore per l'Air Force ha dichiarato che tre cosiddetti dischi volanti sono stati recuperati nel New Mexico", scrive Hottel. "Sono stati descritti come di forma circolare con rilievo al centro, circa 50 metri di diametro. Ognuno era occupato da tre corpi di forma umana, ma solo 3 metri di altezza, vestiti di tela metallica di una texture molto fine. Ogni corpo era fasciato in un modo simile a tute oscuranti utilizzati da speed filiers e test pilots".

La nota, pubblicata on-line dall'FBI già nel 2011, dimostrerebbe che gli "alieni sono sbracati a Roswell", in particolare che degli extraterrestri a bordo di dischi volanti sono atterati nel New Mexico prima del 1950. L'ufficio della presidenza ha realizzato migliaia di file disponibili in una nuova risorsa online chiamata "The Vault". Tra queste c'è proprio la nota scritta dall'allora capo dell'Fbi Guy Hottel, agente speciale incaricato del filed office di Washington nel 1950.


Secondo il documento, tre uomini tra cui un agente di polizia, un poliziotto della stradale e una guardia armata avevano tutti riferito di aver visto un "oggetto di colore argento in alto che si avvicinava alle montagne a Sardina Canyon" e che poi "sembrava esplodere in un'eruzione di fuoco". Ha inoltre spiegato che molti residenti avevano riferito due esplosioni, seguite da un oggetto in caduta.

Il file, pubblicato da aprile 2011 in base al Freedom of Information Act (FOIA), è stato visto quasi un milione di volte, ha detto l'Fbi, in parte perché i media hanno "erroneamente riportato che l'Fbi aveva inviato la prova di un incidente UFO di Roswell, New Mexico [nel 1947] e il recupero di macerie e cadaveri alieni". Il file è stato effettivamente reso pubblico nel 1970 ed è stato pubblicato per diversi anni sul sito dell'Fbi, prima del lancio del "Vault".


Il memo di Hottel è datato quasi tre anni dopo gli eventi di Roswell nel mese di luglio 1947. Non vi è alcun motivo di credere che le due cose sono collegate, spiega l'Fbi in un post sul sito. L'agenzia investigativa ha solo occasionalmente partecipato all'analisi delle notizie di ufo ed extraterrestri. Per alcuni anni dopo l'incidente di Roswell, il direttore Hoover ha chiesto ai suoi agenti, su richiesta dell'Air Force di verificare eventuali avvistamenti di ufo.

Il presunto incindente "alieno" è stato oggetto di polemiche per decenni. La pubblicazione del documento ha portato a numerose notizie di stampa che lo etichetta come "prova" dell'esistenza aliena. Ma dal momento che appunto l'Fbi  ha pubblicato la nota tre anni dopo l'incidente di Roswell, l'agenzia vuole far sapaere ai mezzi di comunicazione che si tratta di un incidente separato e che non è mai stato risolto il mistero. "Non c'è ragione di credere che le due cose sono collegate", conclude l'Fbi.




Fonte: TMNews
Via: RT

Autorità Energia: dal 1° aprile scendono bollette gas -4,2%, luce -1%


Dal prossimo mese di aprile le bollette dell’energia elettrica diminuiranno dell’1% (che si aggiunge al -1,4% di gennaio) e quelle del gas del 4,2%, con un risparmio complessivo di circa 60 euro su base annua, di cui 5 euro per l’energia elettrica e circa 55 euro per il gas. Lo ha deciso l’Autorità per l’energia nell’aggiornamento trimestrale per le famiglie e le piccole imprese servite in tutela. In diminuzione da aprile anche il prezzo del gpl che registra un calo dello 0,5% dopo il -1,6% di marzo e il -3,8% di febbraio.

La decisa riduzione della bolletta del gas - la prima dopo tre anni - riporta il prezzo della materia prima a valori inferiori a quelli di un anno fa (35 c € a metro cubo di oggi contro i circa 36 c € del 1° aprile 2012) grazie all’attuazione della prima fase della riforma del gas, introdotta dopo un’ampia consultazione pubblica. Con questo primo passo e il percorso previsto dalle successive fasi della riforma, si arriverà entro fine anno ad un calo di almeno il 7% della bolletta gas, con un risparmio complessivo di circa 90 euro a famiglia.

“Siamo di fronte a un passaggio netto, un momento di cesura che ha richiesto determinazione e rigore tecnico per progettare e avviare una riforma che consentisse di trasferire ai consumatori i benefici del mutamento di paradigma nei mercati del gas. Una riforma - ha sottolineato il Presidente dell’Autorità Guido Bortoni - che prende il via da un’idea semplice: partire dal prezzo del gas quale motore per l’efficientamento complessivo del settore energia in Italia”.

“Tutto ciò - ha proseguito - attraverso un percorso innovatore, strutturato in più fasi, con l’ascolto delle parti coinvolte e nel rispetto della gradualità prevista dal decreto “Cresci Italia”; un decreto legge varato dal Governo nel gennaio 2012, convertito dal Parlamento nella legge n.27 del 2012, incipit alla riforma stessa”. “Il calo delle bollette di oggi è il primo effetto concreto di questa riforma complessiva per trasferire ai consumatori i benefici derivanti dallo sviluppo di un mercato all’ingrosso del gas più concorrenziale in Italia, iniziato con l’avvio del mercato di bilanciamento di merito economico” ha concluso Bortoni.

In uno scenario di forte contrazione della domanda di energia, il nuovo sistema di bilanciamento introdotto dall’Autorità nel dicembre 2011 ha contribuito - insieme ad altri - interventi di regolazione e alle recenti regole europee sull’allocazione della capacità di trasporto e la gestione delle congestioni - alla riduzione dello spread con il resto d’Europa.

Tutto ciò ha portato alla discesa dei prezzi all’ingrosso rispettivamente del 20% per il gas e del 15% per l’energia elettrica prodotta da questa fonte, consentendo di arrivare da un lato all’attuale allineamento dei prezzi all’ingrosso del gas italiani con quelli europei e, dall’altro, alla forte riduzione del differenziale di prezzo nazionale-estero per l’energia elettrica. In prospettiva, la riforma traguarda anche verso altri risultati che riguardano, in particolare la progressiva diminuzione del peso dei contratti di lungo termine nel prezzo della materia prima gas per le famiglie e il suo ‘disaccoppiamento’ da quello del petrolio. Le delibere con gli aggiornamenti trimestrali per energia elettrica e gas sono pubblicate sul sito www.autorita.energia.it.

Fonte: Autorità Energia

venerdì 29 marzo 2013

Tecnologie di sicurezza di Kaspersky Lab recensite da 451 Research


Kaspersky Lab ha annunciato che 451 Research, che analizza l’innovazione IT business, ha pubblicato un report sulle tecnologie e i prodotti di Kaspersky Lab. Gli analisti di 451 Research hanno sottolineato l'impegno di Kaspersky Lab nello sviluppo delle tecnologie e il suo sistema unico per la gestione delle interfacce. Le nuove soluzioni vengono lanciate periodicamente sul mercato della sicurezza IT aziendale. 

Oltre ai normali software anti-malware, le moderne soluzioni di sicurezza aziendali includono la crittografia dei dati, la protezione contro la perdita di dati, il controllo delle applicazioni, l'amministrazione centralizzata della rete aziendale e altre tecnologie simili. Questa ondata di nuove tecnologie richiede l'integrazione in un unico prodotto. La maggior parte dei fornitori di sicurezza di grandi dimensioni espande il proprio portafoglio tecnologico con l'acquisizione di aziende più piccole, mentre Kaspersky Lab investe nello sviluppo piuttosto che nell'acquisto di tecnologie di terze parti. 

In questo modo le soluzioni di Kaspersky Lab possono essere integrate perfettamente. “Eugene Kaspersky e il suo team hanno sviluppato tecnologie innovative all’interno dell’azienda, realizzando un prodotto in grado di gestire tutti gli endpoit”, ha dichiarato Chris Morales, Senior Analyst Enterprise Security di 451 Research. 


Dynamic Whitelisting e Automatic Exploit Prevention 
Un altro punto di forza del portafoglio business di Kaspersky Lab è la soluzione che implementa importanti tecnologie di sicurezza aziendali, come Dynamic Whitelisting e Automatic Exploit Prevention. 451 Research ha osservato che l’approccio alla sicurezza è cambiato e sottolinea che la protezione tradizionale offerta da un database di firme malware non è più sufficiente, perché la quantità di malware sta aumentando in modo esponenziale. 

Il numero di programmi nocivi attivi ha da tempo superato la quantità dei programmi sicuri ed è quindi molto più efficiente realizzare un database di applicazioni legittime, seguendo il metodo di Kaspersky Lab. Le soluzioni di Kaspersky Lab determinano il livello di sicurezza delle applicazioni, incrociando un elenco di applicazioni attendibili con le tecnologie di sicurezza supplementari, che analizzano il codice dell'applicazione e il suo comportamento.

Questo approccio dinamico garantisce che ci sia meno dipendenza tra affidabilità del database e applicazioni attendibili, le quali potrebbero essere compromesse consentendo alle applicazioni nocive di eludere il rilevamento. Gli analisti di 451 Research citano anche la tecnologia Automatic Exploit Prevention di Kaspersky Lab, che combatte le applicazioni nocive senza patch e le vulnerabilità nel software usate per infettare i computer che non sono ancora state scoperte. 



Molto più di una suite di sicurezza
I prodotti Kaspersky Lab per le aziende includono anche funzionalità per la gestione dell’infrastruttura IT aziendale e offrono una protezione aggiuntiva per i dati riservati. “Oltre al rilevamento standard del malware e agli aspetti della sicurezza, Kaspersky sta cercando di completare la propria offerta offrendo gestione del sistema, gestione dei dispositivi mobile (MDM) e funzionalità di crittografia”, continua Morales. 

“Questi includono un inventario hardware, controllo dell'accesso alla rete, software di gestione, gestione delle patch, gestione delle licenze e controllo da remoto. Le caratteristiche di crittografia includono file-level e crittografia full-disk. In futuro contiamo di introdurre caratteristiche di content-aware e prevenzione contro la perdita dei dati". 

Gli analisti di 451 Research sottolineano l’importanza delle soluzioni per la prevenzione dei server virtuali di Kaspersky Lab e il sistema di controllo e gestione dei dispositivi mobile all'interno della rete aziendale (Kaspersky Mobile Device Management). “Kaspersky si distingue dagli altri concorrenti per la sua attenzione alle PMI e per la sua capacità di fornire un'unica console per gestire e per proteggere i dispositivi mobile, virtuali e desktop”, ha dichiarato Chris Hazelton, Research Director of Mobile & Wireless di 451 Research. “Kaspersky è orgogliosa di aver sviluppato tutte le due tecnologie internamente, anziché attraverso l’acquisizione di società o tecnologie di terze parti”. 

La capacità di sviluppo della tecnologia all’interno dell’azienda, la possibilità di integrazione con le altre tecnologie presenti e la possibilità di gestire tutti i componenti della soluzione di protezione da una singola interfaccia, sono tutti elementi che fanno di Kaspersky Lab uno dei più forti concorrenti sul mercato della sicurezza aziendale. Contemporaneamente, l’azienda risulta competitiva sia per quanto riguarda le tecnologia sia i prezzi applicati. Vladimir Zapolyansky, Head of Technology Positioning di Kaspersky Lab ha dichiarato: 

“E’ un grande onore ricevere una valutazione così positiva. Questo è il riconoscimento del nostro costante lavoro nel cercare di creare prodotti per la protezione IT che siano efficaci e facili da utilizzare". Questo non è il primo riconoscimento che si aggiudicano i prodotti aziendali di Kaspersky Lab. Alla fine del 2012, nella valutazione svolta dal laboratorio di test indipendenti AV-Test, Kaspersky Endpoint Security for Windows è stato nominato leader nella categoria Best Protection and Best Repair.



Fonte: Kasperksy Lab

Arriva MimioPad, ultima generazione del nuovo tablet targato Mimio


Mimio, produttore della famiglia di tecnologie interattive per l’insegnamento MimioClassroom, presenta la nuova versione del tablet MimioPad, progettato per creare ambienti di apprendimento sempre più flessibili e collaborativi. La nuovissima versione offre funzionalità potenziate e facilità d’uso racchiuse in un design elegante e robusto. E’ caratterizzata da comandi rapidi che permettono agli insegnanti di accedere con un solo tocco alle più comuni funzionalità del software MimioStudio 10 ed è in grado di leggere qualsiasi contenuto interattivo. 

Il nuovo tablet MimioPad deve essere abbinato al software MimioStudio 10, fornito separatamente, o a un MimioHub disponibile su altri prodotti della famiglia MimioClassroom. Come la versione originale, permette agli studenti e agli insegnanti di interagire durante le lezioni con la lavagna interattiva da qualsiasi punto della classe, fino a una distanza di 9 metri da un computer. 

Ma l’importante novità di questo ultimo modello è che, unito al software MimioStudio 10, può essere utilizzato sia con lavagne interattive Mimio che con LIM o videoproiettori di terze parti. Inoltre, grazie alla funzione collaborate attivabile da MimioStudio 10, tutti gli studenti dotati di MimioPad, iPad o iPad mini possono interagire contemporaneamente sulla LIM per un coinvolgimento ancora maggiore. 


L’insegnante può in qualunque momento dare e riprendere il controllo della LIM a uno o più studenti garantendo quindi una partecipazione in classe veramente interattiva. Un’altra importante novità del nuovo MimioPad è che la stilo fornita con il dispositivo non necessità di batterie, mentre il tablet è dotato di una batteria ricaricabile. Questi accorgimenti eliminano quindi il problema della sostituzione delle batterie e rendono minimo l’impatto ambientale. 

“La ricerca ha dimostrato che quando gli studenti partecipano a un apprendimento collaborativo, lo scambio attivo di idee stimola il loro pensiero critico e permette loro di trattenere più a lungo le informazioni rispetto a quando si lavora per conto proprio” afferma Manny Perez, cofondatore e oggi General Manager di Mimio.

“Inoltre i professionisti del 21° secolo si troveranno sempre più a dover risolvere problemi e a prendere decisioni in gruppo. Il nuovo tablet MimioPad rappresenta pertanto un ulteriore strumento da noi pensato per aiutare gli studenti a creare o a rafforzare il proprio gruppo di lavoro e a sviluppare abilità di pensiero di più alto livello”. Il nuovo MimioPad sarà disponibile in Italia a partire dalla seconda metà di aprile. 


Informazioni su Mimio
Mimio Mimio è leader globale di tecnologie interattive per la didattica e offre un nuovo modo per imparare e un metodo più efficace per l’insegnamento. Mimio, parte integrante del portafoglio globale di Newell Rubbermaid, progetta tecnologie e soluzioni didattiche innovative e vantaggiose per incrementare l’efficacia e il coinvolgimento delle classi nelle scuole di ogni ordine e grado. Per maggiori informazioni visitate il sito mimio.com, seguite Mimio su Twitter@MimioTechnology e cliccate “Mi piace ” sulla pagina Facebook Mimio.Italia

Fonte: Communication Juice

Telecom Italia: parte nuova campagna istituzionale, in tv da domenica


“Comunicare, connettersi, vivere” è il claim della nuova campagna istituzionale di Telecom Italia che vede protagonista Martin Luther King e il celebre discorso che pronunciò nel 1963 a Washington scandito dalle parole “I have a dream”, diventate simbolo della lotta per l’uguaglianza e le opportunità. I valori che lo ispirarono sono ancora profondamente attuali, e oggi il sogno di un mondo dove non ci siano “esclusi” può essere realizzato grazie alle possibilità offerte dalle nuove forme di comunicazione.

Ora legale: Terna, in prossimi 7 mesi risparmi per oltre 90 mln euro


Durante il periodo di ora legale, che partirà nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo, con lo spostamento delle lancette degli orologi un'ora in avanti, Terna prevede, nei prossimi 7 mesi, un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica pari a 543,8 milioni di kilowattora. Si tratta di una quantità di energia, si legge nella nota rilasciata dalla società, corrispondente al fabbisogno annuo medio di 180 mila famiglie. 

In termini di costi, considerando che un kilowattora costa in media al cliente finale circa 16,6 centesimi di euro al netto delle imposte, la stima del risparmio economico relativo all'ora legale per il 2013 è pari a oltre 90 milioni di euro. Dal 2004 al 2012 l'Italia ha risparmiato complessivamente oltre 6,1 miliardi di kilowattora, corrispondenti a circa 900 milioni di euro di minor costo. 

Nel periodo primavera-estate, il mese che segna il maggior risparmio energetico stimato è Aprile, con 125,8 milioni di kilowattora (pari al 23,1% del totale). In autunno, invece, il primato va al mese di Ottobre con 157,4 milioni di kilowattora risparmiati. Ciò è dovuto al fatto che Aprile ha giornate più"corte" in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell'intero periodo.

Spostando in avanti le lancette di un'ora, quindi, si ritarda l'utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi, da giugno ad agosto, invece, poichè le giornate sono già più "lunghe" rispetto ad aprile, l'effetto "ritardo" nell'accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità. 

Va inoltre ricordato che la maggiore richiesta di energia elettrica nei mesi estivi più caldi è dovuta all'utilizzo dei condizionatori d'aria, ed è quindi indipendente dall'ora legale, poichè legata esclusivamente a fattori climatici e di temperatura e non al maggior numero di ore di luce naturale. Dalla homepage del sito Terna, www.terna.it, è visibile la "curva di carico", che rappresenta l'andamento del consumo di energia elettrica in Italia in tempo reale. L'ora solare verrà ripristinata nella notte tra il 26 e il 27 ottobre 2013.


Informazioni su Terna
Terna è un grande operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica guidato da Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato, e presieduto da Luigi Roth. Terna è il primo operatore indipendente in Europa e sesto al mondo per chilometri di linee elettriche gestiti. L'assetto societario di Gruppo è costituito dalla holding, Terna Spa, da cui dipendono due società operative interamente controllate: Terna Rete Italia e Terna Plus, ciascuna con un proprio Consiglio di Amministrazione. Il servizio svolto da Terna in Italia è indispensabile per il funzionamento dell’intero sistema elettrico e per assicurare l’energia elettrica a tutti, cittadini e imprese.

Foto credit: Terna

Cambridge English, imparare l'inglese con game per giovani studenti


Il team di esperti dell’Università di Cambridge ha ideato tre nuovi giochi online per ragazzi: Monkey Puzzles, Funland e Academy Island, giochi interattivi che permettono agli studenti di inglese più giovani di migliorare la comprensione della lingua in un contesto innovativo come il web e i social network. Dopo Cambridge English Penfriends, ideato per far comunicare i ragazzi che studiano l’inglese in tutto il mondo, Cambridge si apre al mondo del game.

NAB 2013: in mostra tante novità per il broadcast firmate Panasonic


Panasonic Pro Camera Solutions sarà presente con un proprio stand alla Convention internazionale della National Association of Broadcaster, che si terrà dall’8 all’11 aprile 2013 a Las Vegas per presentare gli ultimi ritrovati della sua ricerca tecnologica e delle partnership sviluppate con importanti aziende del settore AV. Tra le principali novità presentate, le nuove card microP2 Panasonic, più veloci, performanti, ed economiche, rappresentano la migliore soluzione UHS-II MEMORY CARD sul mercato e, grazie al nuovo microP2 Card Adapter, sono totalmente compatibili con l’hardware P2 attualmente in vendita. 

Panasonic ha annunciato inoltre un drive microP2 da due slot che permetterà di scaricare contenuti in modalità “plug-and-play”. Le nuove memory card assicurano una registrazione video, audio e metadata notevolmente efficace, soprattutto in condizioni critiche, consentendo agli operatori un flusso di lavoro veloce, facile, basato su file ed estremamente efficiente. Le nuove microP2 card saranno disponibili il mese prossimo al prezzo consigliato di € 300 (32GB) e € 200 (64GB), IVA esclusa. 


Panasonic annuncerà durante il NAB anche due nuove soluzioni broadcast compatibili con la nuova serie di schede microP2: la telecamera AJ-PX5000G e il registratore AJ-PD500. La nuova telecamera AJ-PX5000G AVC-ULTRA P2 HD, con 3 CHIP di tipo 2/3 e AVC-LONG G RECORDING, è la prima camera P2 HD con plug-in AVC-ULTRA e slot microP2 integrati. Un camcorder da 2/3 pollici e 2.2 M 3MOS combina immagini superbe, peso ridotto e un’innovativa espandibilità. La nuova PX5000G assicura registrazione 720P e 1080p/i e registrazione 1080/50p per telecamere P2HD. 

L'AJ-PX5000G sarà disponibile dal prossimo autunno al prezzo consigliato di € 25.000 (IVA esclusa). Il nuovo registratore AJ-PD500 P2 HALF-RACK, con slot microP2 e plug-in AVC-ULTRA, è dotato di un vasto range di opzioni e di input/output professionali che lo rendono ideale per l’utilizzo nella realizzazione di reality, documentari, eventi live, riprese satellitari, reportage e per la registrazione in modalità playback. Il PD500 sarà disponibile il prossimo autunno a un prezzo suggerito inferiore a € 13.000, IVA esclusa. 


Inoltre, Panasonic annuncerà significative innovazioni per espandere la connettività attraverso il flusso di lavoro, frutto della collaborazione sinergica con numerosi partner commerciali, che includono: nuovi plug-in AVC-ULTRA per AVID, innovative funzionalità di wireless playlist editing e soluzioni di live uplink. Grazie alla collaborazione con AVID, Panasonic è lieta di presentare l’evoluzione del formato P2 solid-state. 

Il nuovo software AVID prevede una notevole semplificazione dei tool per tutta la famiglia di codec AVC-ULTRA, inclusi AVC Proxy, AVC intra e AVC LongG. Per quanto riguarda le funzionalità di wireless editing, Panasonic renderà disponibile la nuova opzione playlist AG-SFU604 per la sua telecamera di successo AG-HPX600, grazie alla quale sarà ancora più facile trasferire direttamente dalla fotocamera solo la selezione di contenuti si cui si necessita, selezionando singole parti di un filmato e riordinandole per creare nuove sequenze. 


AG-SFU604 sarà disponibile dalla fine di aprile 2013 al prezzo consigliato di € 270. Anche nello sviluppo di soluzioni di live video uplink Panasonic è all’avanguardia e presenterà, in aggiunta a LiveU, un nuovo dispositivo di trasferimento dati per la telecamera AG-HPX600 P2 HD, frutto della collaborazione con i partner AVIWEST, Streambox e TVU Networks. Quest’aggiornamento consentirà un funzionamento più semplice dei popolari trasmettitori video bonded cellular che utilizzano diversi collegamenti dati wireless, per fornire un uplink remoto a costi notevolmente ridotti rispetto alle attuali tecnologie. 

La nuova feature potrà essere attivata sulla HPX600 con il semplice upgrade del firmware AG-SFU603G. Panasonic invita tutti gli interessati a visitare il proprio stand C3607 nella Central Hall durante il NAB di Las Vegas dall’8 all’11 aprile 2013. Maggiori informazioni su tutte le novità presentate saranno disponibili all’interno del press kit che sarà distribuito in occasione della fiera.


Fonte: BPress

giovedì 28 marzo 2013

Kingston Technology, kit HyperX hanno adesso PBC in versione Black


Kingston Technology Europe Ltd, affiliata di Kingston Technology Company, Inc., il principale produttore indipendente di memorie del mondo, prosegue con i festeggiamenti del decimo anniversario del marchio HyperX con un nuovo PBC (circuito stampato) in versione “black” per due delle sue linee di prodotto. Così, i moduli super performanti HyperX Beast e le memorie entry-level di color nero, verranno dotati di un PBC di colore nero in linea con il design e il colore del dissipatore. 

Le HyperX Beast, che fanno parte della famiglia Predator, offrono svariate capacità e frequenze per garantire il massimo delle performance. Adesso, con il PBC in versione “black”, sono disponibili in kit dual e quad channel con capacità da 8 a 64GB, e con frequenza fino a 2400MHz. Questo modello è perfetto per hardcore gamers, PC modder, content creator e overclocker.


Le memorie 2133MHz da 64GB e 2400MHz da 32GB rappresentano i kit certificati Intel-XMP più veloci e con le più alte capacità disponibili ora sul mercato. HyperX black è disponibile come modulo singolo da 4GB e 8GB, in kit dual channel da 8GB e 16GB, in kit con frequenza da 1333 e 1600MHz. HyperX black è la memoria ideale per chi vuole un upgrade economico per aumentare la velocità generale della propria macchina, o per accrescere il rapporto FPS (frames-per-second). 

“I nostri clienti affezionati hanno manifestato l’interesse nei confronti di un PBC versione black da abbinare al design dei loro PC”, ha dichiarato Cristian Riolo, Business Development Manager di Kingston Technology in Italia. “In questo modo siamo riusciti a combinare performance ed estetica. L’accostamento “nero su nero” è più semplice da accostare ai più svariati colori dei componenti della macchina”.


Caratteristiche tecniche di Kingston HyperX Beast e memorie di color nero: 
• Unico: nuovo dissipatore per massimizzare il raffreddamento 
• Profili XMP: Facile da attivare, configurato per garantire le migliori performance 
• Sicuro: testato al 100% 
• Garanzia: a vita e supporto tecnico gratuito 
• Facile da installare 
• Capacità: 4GB, 8GB, 16GB e 32GB in kit da 2, 4 e 8 moduli 
• Velocità di frequenza: 1333MHz−2400MHz 
• Temperatura di funzionamento: da 0°C a 85°C 
• Temperatura di storage: da -55°C a 100°C 
• Dimensioni: 132mm X 41,4mm (Beast),133,35mm X 30mm (black) 
• Disponibile in diverse varianti di latenza CAS 
• Voltaggio: 1.5V-1.65V 
• Compatibile: testato con tutte le principali marche di schede madre 
• Disponibile solo in versione DDR3


Kingston celebra i 25 anni di successi nel mercato delle memorie. L’azienda fu fondata il 17 ottobre 1987 ed è cresciuta fino a diventare il principale produttore indipendente di memorie al mondo. Il video dell’anniversario dei 25 anni, ulteriori informazioni sulla storia di Kingston possono essere trovati qui. Inoltre le memorie HyperX festeggiano i loro decimo anniversario: il primo modulo ad elevate prestazioni HyperX infatti, è stato lanciato nel novembre 2002.


Kingston Technology Company, Inc.
Kingston Technology Company, Inc. è il più grande produttore indipendente al mondo nel settore dei moduli di memoria. Kingston progetta, produce e distribuisce prodotti di memoria per desktop, laptop, server e stampanti, oltre a prodotti di memoria Flash per PDA, telefoni cellulari, fotocamere digitali e lettori MP3. Tramite la propria rete globale di consociate e società affiliate, Kingston gestisce impianti di produzione in California, Taiwan e Cina, oltre a uffici commerciali in USA, Europa, Russia, Turchia, Ucraina, Australia, India, Taiwan, Cina e America Latina. Per ulteriori informazioni, chiamare +44 (0)1932 738888 o visitare il sito www.kingston.it.

Kingston e il logo Kingston sono marchi registrati di Kingston Technology Corporation.
Tutti i diritti riservati. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi detentori.

mercoledì 27 marzo 2013

Supercomputer Gordon finanziato da NSF aiuta la lotta contro autismo


Quando è entrato ufficialmente online al San Diego Supercomputer Center (SDSC) all'inizio di gennaio 2012, Gordon fu subito impressionante. In una dimostrazione, ha sostenuto oltre 35 milioni di operazioni input/output per secondo - poi, un record mondiale. Input/output sono una misura importante per l'elaborazione di dati intensiva, che indica la capacità di un sistema di stoccaggio di comunicare rapidamente tra un sistema di elaborazione di informazioni, ad esempio un computer, e il mondo esterno.

ENI-ENEL: firmata intesa su mobilità elettrica per la ricarica dei veicoli


Ricaricare rapidamente l'auto elettrica nelle stazioni di servizio dell'Eni, anche fuori città, in 20-30 minuti con un risparmio energetico di oltre il 40%. L’amministratore delegato e direttore generale di Enel, Fulvio Conti, e l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, hanno firmato oggi a Roma una lettera d'intenti per la collaborazione sulla mobilità elettrica dal punto di vista strategico, tecnologico, logistico e commerciale.

Con questo accordo, Eni ed Enel realizzeranno un programma sperimentale per la ricarica di veicoli elettrici attraverso l'attivazione di colonnine con tecnologia Enel che verranno installate nelle stazioni di servizio e in alcuni siti di Eni, come la sede direzionale di San Donato Milanese e la sede della Divisione Refining & Marketing in via Laurentina, a Roma. 

L'obiettivo è di identificare, in un periodo di circa sei mesi, la soluzione migliore per le attività di ricarica dei veicoli elettrici nelle stazioni di servizio e di definirne, entro il 2013, la sperimentazione in alcune aree geografiche selezionate. Tale sperimentazione avverrà attraverso l’installazione - in alcune Eni Station - di colonnine di ricarica con tecnologia Enel per veicoli elettrici del tipo “a ricarica veloce” (“fast recharge”), in corrente continua e in corrente alternata, capaci di garantire in 20-30 minuti un rifornimento di energia in tempi compatibili con una normale sosta “caffè’” o un “lunch” presso le stazioni di servizio Eni.

Con la "ricarica veloce” e la sua diffusione anche in aree extraurbane, sarà dunque possibile per gli eco-automobilisti utilizzare il proprio veicolo elettrico anche fuori dalle città. La sperimentazione consentirà anche lo studio di soluzioni integrate che offrano ai clienti della mobilità elettrica, grazie a una più capillare diffusione dei punti di ricarica, l’opportunità di ricaricare i propri veicoli sia attraverso la rete Enel già esistente pubblica e privata, sia in stazioni di ricarica veloce in aree pubbliche quali le eni station. 

L’accordo prevede, inoltre, nell’ambito delle eni station dotate di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili (per esempio, i pannelli fotovoltaici), lo studio di possibili applicazioni della tecnologia Enel utilizzata nell’ambito delle reti intelligenti (smart grids), al fine di massimizzare l’utilizzo di energia prodotta da fonti rinnovabili. Simulazione in computer graphic della ricarica veloce di un'auto elettrica, con tecnologie Enel, presso un distributore Eni. 



Via: ENI

Flickr accoglie hashtag di Twitter e rinnova app per sfidare Instagram


Flickr adotta l'hashtag di Twitter e Google Plus inseguendo il social Instagram: il simbolo "#" che precede la parola chiave del cinguettio o della foto pubblicata sarà utilizzato anche per caricare i propri scatti sulla popolare piattaforma di condivisione foto di proprietà di Yahoo!. Questo fine settimana Flickr (che oltre alle foto consente di caricare brevi video) ha rilasciato un aggiornamento della sua applicazione per dispositivi iOS aggiungendo il supporto "hashtag" per caricare foto con l'iPhone o con l'iPad. 

Con lo stesso aggiornamento gli utenti sono anche invitati ad aggiungere l'hashtag #FlickrFriday alla foto caricata per partecipare al concorso settimanale del sito (www.flickr.com/groups/flickrfriday/). Flickr da tempo utilizza un proprio sistema per "etichettare" e quindi catalogare le immagini sul web ma il termine tag viene ora ribattezzato in hashtag (e reso cliccabile per le ricerche) per seguire il fortunato trend di Twitter, ma non solo. 

La prassi è stata già introdotta da Instagram e secondo indiscrezioni di qualche giorno fa anche Facebook starebbe pensando di riorganizzare i propri contenuti utilizzando l'hashtag. Su Flickr vengono caricate oltre 8 miliardi di foto da 80 milioni di utenti con una media di 3,5 milioni di nuove immagini ogni giorno. Visto che con l'acquisizione di Instagram da parte di Facebook la concorrenza si fa agguerrita, Yahoo!, che è il proprietario di Flickr, ha lanciato una nuova app.

Disponibile oggi solo per iPhone (https://itunes.apple.com/app/id328407587), ma presto accessibile anche sulle piattaforme Android. L'aggiornamento della prima applicazione, datata 2009, comprende molte delle funzionalità che gli utenti si aspettano oggi sugli smartphone. Prima di tutto, i filtri: sedici, con effetti monocromatici e a colori che è possibile applicare durante lo scatto o comunque prima di caricare la foto sul sito.

Tra le funzionalità il classico ritaglio della foto, la saturazione dei colori, e tanti altri effetti, compresa la rimozione degli occhi rossi, un pò insomma come un versione più semplice e portatile di photo editor quali Photoshop. Tra le utility anche un cursore che permette di misurare la luce nei diversi punti dell'inquadratura. Ma la vera forza della app, che poi è sempre stata quella di Flickr, è il mondo della condivisione, con la sua immensa community, cui si aggiunge la sempre più forte integrazione con i social network.



Vie: ANSA | TMNews

Fs/ pronto Frecciarossa 1000 Mennea, treno da 400 km/h: test al via


E' uscito ieri dallo stabilimento AnsaldoBreda di Pistoia il primo esemplare del supertreno da 360 km/h (400 km/h velocità di punta) che le Ferrovie dello Stato Italiane hanno voluto dedicare a Pietro Mennea, scomparso la scorsa settimana. Celebrerà e continuerà a far correre, in Italia e in Europa, il nome dell'italiano più veloce di sempre. Il supertreno - spiega una nota - inizia il suo iter di test e prove tecniche in vista dell'omologazione. Entro il 2014 sarà pronto per sfrecciare sulle linee AV con a bordo i primi passeggeri.

martedì 26 marzo 2013

Apple, data center adesso alimentati al 100% da energia rinnovabile


Un'immensa distesa di celle solari e fotovoltaiche, su una superficie di oltre 400mila metri quadri, la più grande nel suo genere degli Stati Uniti, che fornisce 42 milioni di kWh di energia pulita e rinnovabile: è l'impianto da 20 megawatt che alimenta il data center Apple di Maiden, in Carolina del nord, che permette di raggiungere il 100% di utilizzo di energia rinnovabile. Parte da qui l'approccio del colosso di Cupertino alla responsabilità ambientale, che include anche l'aggiornamento del sito www.apple.com/environment

L'impianto di Maiden, completato nel 2012, ha conquistato la certificazione LEED Platinum del Green Building Council e sarà affiancato da un secondo entro il 2013 e da un altro a biogas: alla fine il complesso fornirà l'energia necessaria per alimentare 17.600 abitazioni per un anno.È uno dei segnali dell'approccio della società verso l'ambiente che calcola l'impatto totale della produzione, dal design dei prodotti al riciclo, passando per trasporto e utilizzo. 

Un anno fa, Apple è stato preso di mira da Greenpeace International, che ha classificato la "Mela" 12 su 14 grandi aziende tecnologiche in un report intitolato "How Clean Is Your Cloud?" Il gruppo ambientalista  tenne una protesta presso la sede di Apple a Cupertino, in California. "Aumentare il nostro uso di energia rinnovabile è il nostro obiettivo primario", ha detto in un'intervista Peter Oppenheimer, Chief Financial Officer di Apple. "Pensiamo che questo impegno si tradurrà in apprendimenti da cui le altre società e le comunità possono pure beneficiarne".


"L'aumento di Apple del livello di divulgazione sulle sue fonti di energia aiuta i clienti che sanno cos che la loro iCloud sarà alimentata da fonti di energia pulita, non carbone", ha scritto in una e-mail informativa a Bloomber Gary Cook, analista di Greenpeace. Oppenheimer ha detto che Apple potrebbe raddoppiare la sua capacità solare a Maiden dopo la costruzione di un altra solar farm nelle vicinanze da 100 acri entro quest'anno.

Apple ha anche detto che un data center è in costruzione a Prineville, Oregon, girerà anche su fonti energetiche rinnovabili locali, quali l'energia eolica, energia idroelettrica, energia solare e geotermica. Gli uffici della Apple in tutto il mondo sono alimentati al 75% da energia rinnovabile, con un incremento più che doppio in un anno. L'utilizzo di queste fonti di energia come alternativa ai combustibili fossili equivale a togliere 24 mila auto dalla strada ogni anno. Nel 2012 Apple ha generato emissioni di gas serra per 30,9 milioni di tonnellate.

Apple ottiene il 75 per cento della sua potenza totale da fonti rinnovabili, rispetto al 35 per cento di un anno fa. La società ha quattro sedi con più grandi uffici, in Irlanda, in Germania e due in California, che ora utilizzano 100 per cento fonti di energia rinnovabili, secondo Oppenheimer. Oppenheimer ha rifiutato di rivelare quanto di Apple speso per l'apparecchiatura per generare il proprio potere. Ha detto che Apple continuarà a investire nelle tecnologie verdi e non è focalizzata sulla guadagno un ritorno economico degli investimenti.



Fonte: TMNews
Via: Bloomberg

Politica, Grillo si sente sotto attacco spam: bande troll contro mio blog


Belle Grillo si sente sotto attacco... Informatico. "Da mesi orde di trolls, di fake, di multinick scrivono con regolarità dai due ai tremila commenti al giorno sul blog. Qualcuno evidentemente li paga per spammare dalla mattina alla sera. Questi schizzi di merda digitali si possono suddividere in alcune grandi categorie". Beppe Grillo, in un nuovo post sul suo blog, 'denuncia' le 'infiltrazioni' sul suo sito e attacca "i telegiornali e i talk show" che "colgono fior da fiore, con lerci e studiati "copia e incolla" per spiegare che Grillo è un eversivo, che il MoVimento 5 Stelle è spaccato". 

Le categorie degli 'infiltrati' sul suo blog, secondo Grillo sono così suddivise: "Quella degli 'appellanti' per la governabilita' per il bene del Paese, del 'votaBersani, votaBersani', o del 'votaGrasso, votaGrasso' (l'unico procuratore antimafia estimatore di Berlusconi). Quella dei 'divisori', venuti per separare ciò che per loro è oscenamente unito, che chiedono a Grillo di mollare Casaleggio, al M5S di mollare Grillo e a tutti gli elettori del M5S di mollare il M5S per passare al sol dell'avvenire delle notti polari del pdmenoelle". 

"Quindi arrivano, di solito nel tardo pomeriggio, i cosiddetti 'ex', 'Grillo ti ho votato ma dopo che sei passato con il rosso con sprezzo delle istituzioni non ti voto più", oppure "Beppe, ti ho seguito dal primo Vday, ma il tuo autista, si legge in giro, è un narcotrafficante. Addio al mio voto". Gli 'ex' si presentano anche con tutta la famiglia e persino con gli amici "Grillo, siamo un un gruppo di tuoi estimatori, io, mia moglie, le nostre due figlie e i loro fidanzati. Non ci rispecchiamo più nel tuo comportamento antidemocratico. Il voto la prossima volta lo daremo al pdmenoelle che è più serio". 

"Non mancano - aggiunge il comico genovese - gli 'accusatori' che si attaccano alle fortune che io e Casaleggio staremmo accumulando alle spalle del M5S. Ci sono poi i 'critici di giornata' che arrivano in massa come le locuste. Qualunque cosa tu abbia appena detto o fatto viene ferocemente attaccata, spesso con lunghe e articolate argomentazioni di 2.000 caratteri. Da questa brodaglia i telegiornali e i talk show colgono fior da fiore, con lerci e studiati 'copia e incolla' per spiegare che Grillo è un eversivo, che il MoVimento 5 Stelle è spaccato. Dato che nel blog chiunque può commentare questo non vuol dire nulla. Prima vomitano i commenti sul blog e poi li rivomitano nelle televisioni", conclude Grillo.


Fonte: Beppe Grillo
Via: AGI

lunedì 25 marzo 2013

Codemotion 2013, cosa è successo al grande evento technology a Roma


Anche quest’anno 3700 persone al Codemotion del 22 e 23 marzo a Roma. Lo sciopero dei mezzi pubblici non ha fermato gli sviluppatori, gli studenti e gli appassionati di tecnologia che hanno assistito alle due giornate di conferenza organizzate con più di 100 talk, 14 parallele tematiche, laboratori, aree espositive, workshop e Hackathon. Un presagio della forte affluenza di pubblico si era già rivelato la sera prima, 21 marzo, durante l’Opening Codemotion che ha visto la presenza di oltre 500 persone. 

All’Opening Riccardo Luna ha condotto Meet the innovative CEOs, un dinamico botta e risposta sull’innovazione con tre CEO d’eccezione: Carlo Purassanta CEO Microsoft e Davide Gomba CEO Officine Arduino e Arianna Bassoli CEO Frestyl. Inoltre durante l’Opening è stata annunciata la Maker Faire Rome e il barcamper tour da Stefano Venditti (Presidente Asset Camera), Gianluca Dettori (DPixel) e Massimo Borio (Citroen). 

Nelle due giornate di Codemotion (venerdì 22 e sabato 23 marzo) le sale colme di partecipante sono state per gli interventi su: HTML5, programmazione funzionale, Realtà Aumentata, Javascript, mobile, in generale molto successo hanno avuto le sessioni tecniche dedicate ai linguaggi di programmazione e metodologie. Molto seguiti gli interventi a zero code, cioè talk dove gli speaker, professionisti del mondo dello sviluppo software, raccontano le proprie esperienze dando ai partecipanti input e suggerimenti per approcciare in maniera più efficace ed innovativa la gestione dello sviluppo software.


Apprezzatissimi i talk su argomenti più specifici ma molto hot, come le sessioni nelle parallele sui Big Data, Cloud e Sviluppo Game. Le super star del Codemotion sono stati i Maker sia nel loro corridoio espositivo che nella parallela di talk dedicata. Oltre il 35% dei talk è stato in lingua inglese con guro provenienti da tutto il mondo. Gli speaker stranieri o provenivano da realtà molto conosciute (Facebook, Opera, Google, SoundCloud, Vaadin) o sono state personalità molto conosciute nei campi della creatività, linguaggi di programmazione, application performance, metodologie.

Ottimo riscontro per i 10 pitch delle startup vincitrici del contest Startup In Action: Buzzoole, Energie Etiche, GamePix, invite2Watch, Iquestio, Rollnext, Styloola, Teech, Wanderio, Zing. Sempre dedicato al mondo Startup è stato organizzato “Come orientarsi nel panorama delle startup” dove Marco Zamperini con i rappresentanti di Asset Camera, Filas, DPixel, Microsoft, Roma Startup e InnovActionLab hanno fatto il punto sull’ ecosistema romano delle startup. A seguire c’è stata anche occasione di networking grazie all’aperitivo offerto da Startup Roma


Dopo la fine degli interventi della prima giornata, il Codemotion è divento occasione di networking e ha aperto le porte alle community che hanno potuto organizzare i propri meetup per incontrarsi, parlare di temi particolarmente caldi e scambiare esperienze. I Meetup ospitati da Codemotion sono stati: Woman @ Codemotion (Google Developers Group L-Ab e dalle Girl Geek Dinners Roma) , Digital Divide (Informatici senza Frontiere), Stato Stato del mondo linux ed open in Italia (by ILDN), Back to Agile (by XP-Roma).

La partecipazione da parte degli sponsor multinazionali è stata molto attiva, presenti con talk infatti evangelisti tecnologici della Microsoft, BlackBerry, PayPal, Oracle, Google. Il colorato camper di StartupItalia! è stato al Codemotion per entrambe le giornate per sancire il lancio della prima piattaforma dedicata all’innovazione italiana. Il Codemotion è stato anche l’occasione per annunciare la Maker Faire Rome (dal 3 al 6 ottobre).

La Maker Faire è l’evento di riferimento mondiale del movimento maker. L’edizione di Roma avrà 4 giorni dedicati all’inventiva, alla creatività e all’intraprendenza, per famiglie e amanti del “fai da te” tecnologico. Il Codemotion non si ferma con l’edizione romana. Adesso inizia la sfida europea: Codemotion sarà per la prima volta a Berlino a maggio e per la seconda volta a Madrid a ottobre. Per ogni informazione http://rome.codemotionworld.com/ email: info@codemotion.it



Fonte: Codemotion

Internet veloce, nuovo record in Australia: mille miliardi di bit al secondo


È stato battuto il record mondiale di velocità su Internet, con la trasmissione di dati al ritmo di mille miliardi di bit (un terabit) al secondo. Il test è avvenuto in Australia, con il gestore Telstra, nel collegamento ottico di 995 km fra Sydney e Melbourne, e la tecnologia che lo ha reso possibile è italiana, nata della collaborazione fra Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (Cnit) e l'azienda Ericsson. Nel test è stato raddoppiato il record precedente, di 448 milioni di bit al secondo, raggiungendo una velocità oggi impensabile, se non in laboratorio. 

Il risultato viene presentato oggi a Pisa dagli autori del test, appena rientrati dall'Australia, dove hanno lavorato un mese fra calcoli, sperimentazioni e misure. Del gruppo di ricerca fanno parte l'Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione e della Percezione (Tecip) della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e del Laboratorio Nazionale di Reti Fotoniche del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (Cnit). 

La ricerca è stata condotta in collaborazione con Ericsson e con la compagnia telefonica australiana Telstra. "Lo studio ha dimostrato che il nostro impianto di cavo ottico esistente è in grado di supportare i canali Tbps insieme a 40 Gbps e canali a 100 Gbps contemporaneamente sulla stessa fibra, verificando che abbiamo la capacità di aumentare la capacità dei nostri cavi in ​​fibra già esistenti, se necessario", dice Alessandro Pane, capo della Ericsson R & trasmissione S ottica.

"Come i tanti paesi sviluppati, l'Australia è un mercato tecnologicamente molto avanzato e gli australiani sono gli utenti più sofisticati della banda larga e tecnologia mobile, inoltre, sono diffusi smartphone, tablet, adozione IPTV e HDTV. Sostenere tutti questi servizi richiede una sempre maggiore capacità di backhaul e trasmissione inter-city. Telstra è un key account per Ericsson e abbiamo partner della tecnologia  per il test di nuovi prodotti. Questo studio fornisce spunti che sono preziosi per il mercato australiano e gli operatori in tutto il mondo", conclude Pane. 

"Impieghiamo tecnologie sviluppate da noi per aumentare la velocità senza aumentare l’utilizzo della banda", spiega all’ANSA il ricercatore che ha sviluppato la tecnica, Luca Potì, dell'istituto Tecip. La nuoca tecnologia consiste in un sistema di compressione che permette di aumentare moltissimo la quantità dei dati trasmessi nelle attuali reti in fibra ottica, senza modificarle in alcun modo. Sia i ricercatori sia le aziende sono convinti che entro 4 anni la velocità record sperimentata in Australia potrà essere una realtà. 

Sarà cioè possibile aumentare fino a 10 volte i livelli di navigabilità dei migliori impianti attuali. Per esempio in un secondo potranno essere trasmessi 200 milioni di chiamate voip, 15 milioni di videochiamate, e sempre in un secondo potranno essere scaricati 25 Dvd multimediali, garantire 50.000 connessioni Adsl a 20 milioni di bit al secondo e trasmettere in simultanea 300.000 video ad alta definizione. "Il nostro prossimo obiettivo - ha detto Potì - è riuscire a raddoppiare la velocità, arrivando a 2 terabit nel prossimo dicembre".


Fonte: La Stampa
Via: Ericsson
Foto credit: Google Maps

Logitech presenta la nuova linea di periferiche gaming Serie G per PC


Logitech (SIX: LOGN) (NASDAQ: LOGI) annuncia la linea Logitech® G, un moderno approccio verso il mondo gaming per PC. La gamma è caratterizzata da due cuffie innovative e da cinque prodotti che, includono i mouse e le tastiere più amate dagli appassionati di videogiochi per PC, con un design completamente nuovo.

“Con Logitech G abbiamo messo la nostra passione per la scienza a disposizione dei gamers”, dichiara Ehtisham Rabbani, General Manager della divisione gaming di Logitech. “Per quasi 20 anni il nostro obiettivo è stato di capire e anticipare le tendenze future e siamo sempre stati bravi in questo. Con la linea G continueremo a oltrepassare il limite della velocità, della precisione, dell’affidabilità e anche dell’intuitività. Ogni scelta di design e di sviluppo ingegneristico è stato effettuato per aiutare gli appassionati a giocare al massimo. Se la scienza vince, vincono anche gli appassionati di videogame”.


Utilizzando la tecnologia a infrarossi, Logitech ha analizzato l’interazione tra la mano e la periferica in fase di gioco. I videogiocatori potranno verificare direttamente i risultati di questo studio applicato alla nuova linea di periferiche G. Per migliorare la robustezza e il comfort, sono stati impiegati materiali innovativi nelle aree tattili strategiche rilevate in fase di test.

Per le zone di contatto più ampie, Logitech ha integrato una copertura resistente alle impronte digitali, mentre la sezione dedicata per il palmo della mano include una copertura che previene che le mani sudate rimangano a contatto il mouse. In base al modello, i mouse possono essere dotati di un’impugnatura morbida o dura per un miglior controllo e un maggiore comfort. Le tastiere invece includono una doppia protezione UV sui tasti e un rivestimento contro le impronte digitali per una maggiore resistenza della superficie.


Inoltre, Logitech G100s Optical Gaming Mouse e G400s Optical Gaming Mouse integrano un esclusivo sensore Delta Zero ottimizzato per il controllo del cursore ad alta precisione. La nuova tecnologia del sensore risponde in modo puntuale ai movimenti della mano. In più tutti i mouse della linea G dispongono di una superficie di appoggio (in Politetrafluoroetilene - PTFE) a ridotto frizionamento che riduce l’attrito nei movimenti rapidi, permette uno spostamento fluido del cursore e un puntamento più accurato. La line-up include:

Logitech® G700s Rechargeable Gaming Mouse è un mouse wireless che ha la stessa capacità di risposta di un mouse con filo. In realtà, il nuovo dispositivo mantiene un polling rate costante, sia che si tratti di una connessione wireless a 2,4 GHz o di un collegamento USB, fino a otto volte superiore rispetto a un mouse USB standard. In sessioni di gioco molto lunghe è possibile continuare a giocare e ricaricare il mouse contemporaneamente attraverso un cavo di connessione rapida per eseguire le attività desiderate senza interrompere l'azione.


Il mouse integra un rivestimento resistente all’acqua e al sudore che si adatta perfettamente alla mano per una perfetta aderenza ai lati evitando così di perdere aderenza. Inoltre, dopo aver installato il software Logitech Gaming (LGS), è possibile migliorare le prestazioni di gioco con 13 controlli programmabili per effettuare singole operazioni o complesse combinazioni multi-tasto complete di ripetizioni e ritardi predefiniti dai giocatori. Logitech G700s Rechargeable Gaming Mouse sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 99,99 euro Iva inclusa.

Per il genere sparatutto (First Person Shooter), Logitech® G500s Laser Gaming Mouse è dotato di un laser di ultima generazione per un controllo ottimale su un vasta gamma di superfici e assicura, inoltre, uno scorrimento di precisione ultrarapido senza frizione. Il nuovo G500s è caratterizzato da un rivestimento resistente all’acqua e al sudore che garantisce una perfetta aderenza della mano. La presenza di un sistema per il bilanciamento del peso permette di personalizzare il mouse con un massimo di 27 grammi extra per ottenere un maggiore controllo.


La risoluzione dpi regolabile permette di passare da un livello di precisione a livello di singolo pixel (200 dpi) a movimenti rapidissimi (fino a 8200 dpi) senza interrompere l'azione grazie ai due tasti posizionati vicino al dito indice. G500s Laser Gaming Mouse dispone di 10 controlli programmabili dopo l’installazione del software LGS. Il software (opzionale) può essere utilizzato anche per riassegnare i comandi di gioco o le macro. Logitech G500s Laser Gaming Mouse sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 69,99 euro Iva inclusa.


Mouse supera i limiti definiti dai modelli Logitech® MX518 Gaming Mouse e Logitech Optical Gaming Mouse G400. Le innovative caratteristiche di questo mouse Logitech sono realizzate appositamente per gli sparatutto; inoltre, G400s è dotato dell’esclusivo sensore tecnologico Delta Zero per un puntamento di precisione. Come gli altri mouse, G400s integra una superficie resistente all’acqua e al sudore per la massima aderenza della mano e una zona soft-touch e un rivestimento che previene lo sbiadimento dei tasti principali. Grazie al software LGS è possibile personalizzare gli 8 pulsanti programmabili.

Il mouse dispone anche di micro-interruttori meccanici che assicurano una durata di 20 milioni di click. I pulsanti programmabili, posizionati nella parte superiore o inferiore della rotellina, permettono di passare a risoluzioni diverse per selezionare rapidamente le opzioni sullo schermo, visualizzare la mappa di gioco, effettuare inversioni di 180° gradi fino a 4000 DPI oppure diminuire la risoluzione per i giochi che richiedono grande controllo a livello di pixel come FPS or RTS. Logitech® G400s Optical Gaming Mouse sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 59,99 euro Iva inclusa.


Logitech® G100s Optical Gaming Mouse è semplice da usare e ideale per i titoli RTS e MOBA. Realizzato per aumentare le potenzialità del modello Logitech® Mouse G1, Logitech® Gaming Mouse G100 è dotato di pulsanti in grado di resistere a forti pressioni e integra l’esclusivo sensore Delta Zero per la massima precisione. Mentre un mouse con rotella classica non può sopportare intense sessioni di gioco, l'ultra-resistente Logitech G100s Gaming Mouse dispone di micro-interruttori meccanici avanzati per una durata fino a 20 milioni di click.

Inoltre, il nuovo mouse Logitech è dotato di una superficie resistente all’acqua e al sudore per la massima aderenza della mano e integra una zona soft-touch e un rivestimento che previene lo sbiadimento dei tasti principali. Sia che si utilizzi un’impugnatura convenzionale o claw, con mani piccole o grandi, la forma trapezoidale rovesciata ambidestra del mouse favorisce una presa sicura anche nelle lunghe sessioni di gioco. Logitech G100s Optical Gaming Mouse sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 39,99 euro Iva inclusa.


Logitech® G19s Gaming Keyboard fornisce informazioni costanti sul gioco come le statistiche vitali, app specifiche e notizie personalizzabili visibili a colori sul pannello LCD integrato e inclinabile. Con una retroilluminazione a colori è possibile scegliere tra 16 milioni di tonalità e assegnare un colore specifico per ogni profilo e modalità per lo stesso gioco. La tastiera è composta da materiali avanzati per una maggiore durata e un comfort superiore. La superficie idrorepellente sul poggia polsi aiuta a mantenere le mani perfettamente aderenti, mentre il rivestimento resistente ai raggi ultravioletti garantisce una lunga durata.

Con il software gaming di Logitech è possibile configurare i 12 tasti programmabili - tasti G - con tre macro per tasto per un totale di 36 pulsanti programmabili per gioco. Le due porte USB 2.0 high-speed consentono di trasferire i dati per e dagli accessori, come lettori MP3 e unità flash, caricando contemporaneamente la batteria dei dispositivi. La tastiera include anche anti-ghosting su 26 tasti per eseguire più azioni complesse senza interferenze. Logitech G19s Gaming Keyboard sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 199,00 euro Iva inclusa.


Logitech® G430 Surround Sound Gaming Headset integra la tecnologia Dolby® Headphone per ricreare un ambiente sonoro immersivo a 360° che permette di percepire suoni che non si possono vedere nel vivo del gioco, dal rumore dei passi a quello delle sirene. Con Dolby Headphone 7.1 sorround sound, i videogiocatori avranno a disposizione sette canali audio e un canale per gli effetti a bassa frequenza.

Come per le Logitech G230 Sorround Sound Gaming Headset, questo modello offre una copertura delle cuffie lavabile e un comfort per sessioni di gioco prolungate. Quando si vuole essere ascoltati, il microfono a cancellazione di rumore può essere adattato per trasmettere solo la voce e quando non è in uso può essere comodamente ripiegato. Logitech G430 Sorround Sound Gaming Headset sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 79,99 euro Iva inclusa.


Logitech® G230 Stereo Gaming Headset offre un’alta qualità audio stereo, utilizzando driver al neodimio da 40 mm per garantire un’esperienza di gioco immersiva per titoli FPS, MMO o giochi di avventura. Giochi atletici possono generare calore e sudore e per evitare questi inconvenienti, le nuove cuffie di Logitech dispongono di auricolari rivestiti con una stoffa impermeabile che oltre ad assicurare performance sportive eccellenti, garantiscono il massimo comfort anche dopo molte ore di utilizzo.

Anche per questo modello, quando si vuole essere ascoltati, il microfono a cancellazione di rumore può essere adattato per trasmettere solo la voce e quando non è in uso può essere comodamente ripiegato. Le funzionalità audio, la regolazione del volume e l’attivazione del microfono possono essere controllati direttamente dai pulsanti presenti sul cavo di connessione. Logitech G230 Stereo Gaming Headset sarà disponibile a un prezzo suggerito al pubblico di 59,99 euro Iva inclusa.

Tutti i prodotti saranno disponibili in Europa a partire da maggio 2013. Per maggiori informazioni è possibile visitare www.logitech.com o il blog.

Via: Imageware
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...