mercoledì 18 dicembre 2013

Spazio, nuovo studio ristabilisce forma Via Lattea con quattro bracci


Uno studio di stelle massicce durato 12 anni ha ribadito che la nostra galassia ha quattro bracci a spirale, dopo anni di dibattito suscitato da immagini riprese dal telescopio spaziale Spitzer della Nasa che hanno mostrato solo due bracci. La nuova ricerca, pubblicata online dalla rivista "Monthly Notices of the Royal Astronomical Society", fa parte dell'indagine RMS, che è stato lanciato dagli accademici presso l'Università di Leeds. Per dedurre indirettamente la forma della Via Lattea si osserva la disposizione delle stelle. 

Dalla posizione in cui si trova la Terra non è semplice avere uno sguardo d'insieme della nostra galassia, tuttavia la forma della galassia si può dedurre da un'attenta osservazione delle sue stelle e delle loro distanze dal nostro pianeta. "La Via Lattea è la nostra casa galattica e studiando la sua struttura ci offre una opportunità unica per capire come funziona una tipica galassia a spirale in termini di dove le stelle nascono e perché", ha detto il professor Melvin Hoare, un membro dell'indagine RMS a Leeds e un co-autore del documento di ricerca. 

Nel 1950 gli astronomi hanno utilizzato radiotelescopi per mappare la nostra galassia. Le loro osservazioni si sono concentrate sulle nuvole di gas nella Via Lattea in cui nascono nuove stelle, rivelando quattro grandi braccia. Lo Spitzer Space Telescope (SST) della Nasa, invece, ha perlustrato la galassia basandosi sulla luce infrarossa emessa dalle stelle. Nel 2008 è stato annunciato che Spitzer aveva trovato circa 110 milioni di stelle, ma solo la prova di due bracci di spirale .


Le ricerche svolte nel 1950 hanno concluso che la nostra galassia ha quattro bracci a spirale, sulla base delle nubi di gas in cui si formano nuove stelle. Gli astronomi dietro il nuovo studio hanno utilizzato diversi radiotelescopi in Australia, Stati Uniti e Cina per osservare individualmente circa 1650 stelle massicce che erano state individuate dall'indagine Red MSX Source (RMS). Dalle loro osservazioni, sono state calcolate distanze e luminosità delle stelle massicce, rivelando una distribuzione attraverso quattro bracci a spirale.


"Non è un caso che i nostri risultati erano giusti e quelli di Spitzer sbagliati - entrambe le indagini stavano cercando cose diverse", ha detto il professor Hoare. "Spitzer vede solo molto più fresco, stelle di piccola massa - stelle come il nostro Sole - che sono molto più numerose delle stelle massicce che avevamo come target". Le stelle massicce sono molto meno comuni rispetto ai loro omologhi di massa inferiore perché vivono solo per un breve periodo di tempo - circa 10 milioni di anni. 

"Stelle di massa minore vivono molto più a lungo delle stelle massicce e ruotano intorno alla nostra galassia molte volte, diffondendosi nel disco. L'attrazione gravitazionale nei due bracci stellari che Spitzer ha rivelato è sufficiente per accumulare la maggior parte delle stelle in quelle braccia, ma non negli altri due", spiega il Professor Hoare. "Tuttavia, il gas viene compresso a sufficienza in tutti e quattro i bracci per portare alla formazione di stelle massicce". 

Il dottor James Urquhart dell'Istituto Max Planck per la Radio Astronomia di Bonn, in Germania, e autore principale dello studio, ha dichiarato: "E 'eccitante che siamo in grado di usare la distribuzione di giovani stelle massicce per sondare la struttura della Via Lattea e abbinare alla regione più intensa della formazione stellare, con un modello con quattro bracci a spirale". Il documento di ricerca può essere trovato qui http://mnras.oxfordjournals.org/content/437/2/1791




Foto credit: J. Urquhart et al. Background image by Robert Hurt of the Spitzer Science

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...