mercoledì 25 dicembre 2013

Apple sigla accordo con China Mobile, iPhone per 763 milioni di utenti


Apple ha raggiunto un accordo con China Mobile, il maggiore operatore telefonico al mondo con 763 milioni di abbonati, per la vendita degli iPhone 5s e iPhone 5c. Un mercato molto importante dominato dagli smartphone Android. I termini finanziari dell'accordo non sono stati resi noti. L'Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) ha accettato la proposta di Cupertino per chiudere una vertenza su garanzie e modalità di assistenza offerte dall'azienda ai consumatori del continente.

La corte ACCC ha accettato l'impegno esecutivo di Apple dopo avere indagato su garanzie, politiche e pratiche aziendali sulla scia delle preoccupazioni per una serie di dichiarazioni false e fuorvianti che ha fatto Apple, compresa quella in cui dichiarava che non era tenuta a fornire rimborsi, sostituzione o riparazione per i consumatori, nonostante i consumatori siano legittimati sotto l'Australian Christian Lobby (ACL). 

Secondo l'ACL i difetti gravi riscontrati in un prodotto vanno risolti con la sostituzione del bene o un rimborso, mentre negli Apple Store tale pratica sembrava fosse consentita solo nei primi 14 giorni dopo l'acquisto. Apple ha confermato le preoccupazioni della ACCC, e che alcune di queste rappresentazioni per i consumatori potrebbero aver violato l'ACL. Apple ha lavorato con la ACCC per risolvere questi problemi, ed è ora impegnata a prendere una serie di misure di conformità.  

"La ACCC era preoccupata che Apple ha applicato le proprie garanzie e le politiche di rimborso escludendo le garanzie dei consumatori contenute nella legge Consumer australiana", ha detto Ros Sims, presidente di ACCC. "Questo impegno serve come un richiamo importante per le imprese che, mentre le garanzie volontarie o espresse sono in grado di fornire servizi in aggiunta ai diritti di garanzia del consumatore di ACL, non possono sostituire o rimuovere tali diritti di garanzia ACL". 

Nello svolgimento Apple ha pubblicamente riconosciuto che, senza limitare i diritti dei consumatori, Apple fornirà i propri rimedi equivalenti a quei rimedi nelle disposizioni di garanzia del consumatore di ACL in qualsiasi momento entro 24 mesi dalla data di acquisto. Per evitare qualsiasi dubbio, Apple ha anche riconosciuto che il Diritto del consumatore australiano può prevedere rimedi oltre i 24 mesi per un certo numero di suoi prodotti.

"Le garanzie ACL ai consumatori non hanno alcuna data di scadenza. Le garanzie valgono per la quantità di tempo che è ragionevole aspettarsi dato il costo e la qualità della voce o delle osservazioni formulate circa l'articolo", ha detto Sims. In base all'accordo, gli iPhone 5s e 5c saranno disponibili in tutta la Cina dal prossimo 17 gennaio sia attraverso i punti vendita di China Mobile sia negli Apple Store.

"Apple rispetta China Mobile e siamo contenti di iniziare a lavorare insieme. La Cina è un mercato molto importante per Apple e la nostra partnership con China Mobile ci offre l'occasione di portare l'iPhone ai clienti del maggior operatore al mondo", ha detto l'Ad di Apple, Tim Cook. L'ACL è entrato in vigore il 1° gennaio 2011 e fornisce ai consumatori i diritti fondamentali in relazione ai beni di consumo venduti in Australia.

Questi diritti fondamentali operano in aggiunta a qualsiasi garanzia, espressa o volontariamente offerta da imprese e non possono essere esclusi da termini business e condizioni di vendita. Dopo gli accordi già siglati con altri due operatori cinesi, China Unicom e China Telecom, Apple aggiunge un altro partner strategico, che gli permetterà di fronteggiare con maggiore efficacia la concorrenza di produttori quali Samsung, Huawei, Lenovo, Zte e Coolpad, finora avanti sul mercato cinese degli smartphone. 


Fonte: ACCC
Via: Euronews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...