domenica 17 novembre 2013

Spazio: sonda Cassini della Nasa fotografa la Terra vista da Saturno


Nuove spettacolari foto che mostrano in primo piano Saturno, il 6° pianeta del Sistema solare. La NASA ha rilasciato una immagine del naturale colore di Saturno dallo spazio, il primo in cui Saturno, le lune e gli anelli, la Terra, Venere e Marte, sono tutti visibili. Il nuovo panoramico mosaico del maestoso sistema di Saturno ripreso dalla sonda Cassini della NASA, che mostra la visuale di come sarebbe vista da occhi umani, è stato presentato martedì scorso al Newseum di Washington.

Il team di imaging di Cassini ha elaborato 141 immagini grandangolari per creare il panorama. L'immagine si estende 404,88 mila miglia (651,591 mila km) attraverso Saturno e del suo sistema di anello interno, tra cui tutti gli anelli di Saturno verso l'anello E, che è il secondo anello più esterno di Saturno. Per la prospettiva, la distanza tra la Terra e la nostra luna sarebbe starebbe comodamente dentro l'arco dell'anello E

"In questa magnifica visuale, Cassini ha consegnato a noi un universo di meraviglie", ha detto Carolyn Porco, imaging team di Cassini presso lo Space Science Institute di Boulder, Colorado. "E lo ha fatto in un giorno in cui moltissime persone, in tutto il mondo e all'unisono, hanno sorriso per la pura gioia di essere vivi su un pallido punto blu". Il mosaico è parte della campagna Cassini "Wave at Saturn", in cui il 19 luglio, la prima volta le persone sulla Terra sapevano in anticipo che il ritratto del loro pianeta stava per essere preso da distanze planetarie. 


La NASA ha invitato il pubblico a festeggiare trovando Saturno in una parte del loro cielo, salutando il pianeta degli anelli e condividendo le immagini su Internet. Una versione annotata dei punti di interesse del mosaico del sistema di Saturno. La Terra è un brillante punto blu in basso a destra di Saturno. Venere è un punto luminoso in alto a sinistra di Saturno. Appare anche Marte, come un punto rosso debole, sopra e alla sinistra di Venere. Sono visibili sette lune di Saturno, tra cui Encelado sul lato sinistro dell'immagine. 

Lo zoom dell'immagine rivela la luna e il pennacchio di ghiaccio che emana dal suo polo sud, la fornitura di particelle di ghiaccio fine, polveri di dimensioni che compongono l'anello E. L'anello E brilla come un alone intorno a Saturno e gli anelli interni. Perché è così tenue, che si vede meglio con la luce che splende da dietro, quando le particelle minuscole sono delineate con la luce a causa del fenomeno della diffrazione. Gli scienziati che si concentrano sugli anelli di Saturno cercano modelli ottici produttivi come questi. 


Essi usano il computer per aumentare drammaticamente il contrasto delle immagini e modificare il bilanciamento del colore, per esempio, per vedere le prove che il materiale traccia le orbite complete delle piccole lune Anthe e Metone per la prima volta. "Questo mosaico fornisce una notevole quantità di dati di alta qualità sugli anelli diffusi di Saturno, rivelando tutti i tipi di strutture intriganti che stiamo cercando di capire", ha detto Matt Hedman, uno scienziato della missione Cassini presso l'Università di Idaho a Mosca. 

"L'anello E in particolare, mostra i modelli che probabilmente riflettono disturbi da fonti diverse come la luce solare e la gravità di Encelado". Cassini non fornisce molte immagini della Terra, perché il Sole è così vicino al nostro pianeta che una visuale libera danneggerebbe i sensibili rivelatori del veicolo spaziale. I membri del team di Cassini hanno cercato l'occasione quando il Sole è scivolato dietro Saturno dal punto di vista di Cassini, oscurando così la parte non esposta ai raggi e fornendo maggiori dettagli sugli anelli. 


Una buona occasione è arrivata il 19 luglio, quando Cassini è stato in grado di catturare una foto della Terra e la sua luna, e questa multi-immagine panoramica retroilluminata del sistema di Saturno. Con una lunga, intricata danza attorno al sistema di Saturno, Cassini propone di studiare il sistema di Saturno da tanti punti di vista possibili", ha detto Linda Spilker, scienziato del progetto Cassini presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL) di Pasadena, in California. 

"Al di là ci mostra la bellezza del pianeta con gli anelli, i dati come questi migliorano anche la nostra comprensione della storia dei deboli anelli intorno a Saturno e il modo in cui i dischi intorno pianeti si formano - indizi su come il nostro sistema solare si formò intorno al sole". Lanciato nel 1997, Cassini ha esplorato il sistema di Saturno per più di nove anni. La NASA prevede di continuare la missione fino al 2017, con l'anticipazione di molte più immagini di Saturno, i suoi anelli e le lune, così come altri dati scientifici. 

La missione Cassini-Huygens è un progetto di cooperazione della NASA, l'Agenzia spaziale europea e l'Agenzia Spaziale Italiana. JPL gestisce la missione per il Science Mission Directorate della NASA a Washington. Il JPL ha progettato, sviluppato e assemblato l'orbiter Cassini e le sue due macchine fotografiche a bordo. Il team di imaging ha sede presso lo Space Science Institute, Boulder, Colorado. Maggiori informazioni su Cassini sono disponibili all'indirizzo: http://www.nasa.gov/cassini


La missione Cassini-Huygens è un progetto di cooperazione della NASA, l'Agenzia spaziale europea e l'Agenzia Spaziale Italiana. Per visualizzare le immagini in alta risoluzione, visitare il sito: http://1.usa.gov/1a14bB7. Una nuova versione del collage di foto condivise dal pubblico, con il sistema di Saturno come sfondo, è disponibile all'indirizzo: http://1.usa.gov/1bPwdhZ Questo collage comprende circa 1.600 immagini presentate dai membri del pubblico come parte del "Wave at Saturn" della NASA campagna missione Cassini.

Fonte: NASA
Foto credit: NASA/JPL-Caltech/SSI

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...