giovedì 31 ottobre 2013

Spazio: scoperto esopianeta Kepler 78b con massa simile alla Terra


Gli astronomi hanno scoperto il primo pianeta delle dimensioni della Terra al di fuori del sistema solare che ha una composizione rocciosa come quella della Terra. Kepler-78b sfreccia intorno alla sua stella ogni 8,5 ore, il che rende un inferno di fiamme e non adatto per la vita come noi la conosciamo. I risultati sono pubblicati in due articoli sulla rivista Nature. Alla scoperta di Kepler-78b ha collaborato anche HARPS-N, lo spettrometro installato al Telescopio Nazionale Galileo (TNG), alle Canarie, gemello del cacciatore HARPS all'osservatorio dell'Eso di La Silla in Cile.

E infatti il pianeta del sistema di Kepler-78 è uno dei tanti candidati individuati dal satellite americani prima che il malfunzionamento dei suoi giroscopi lo mettessero fuori uso. La notizia è arrivata in grande stile con il messaggio: "Kepler-10b ha un fratellino", ha detto Natalie Batalha, scienziata della missione Kepler presso l'Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California. Batalha ha guidato il team che ha scoperto Kepler-10b, un pianeta più grande, ma anche roccioso identificato dalla sonda spaziale Kepler.   


"Il messaggio esprime la gioia di sapere che la famiglia di Kepler di esopianeti è in crescita", riflette Batalha. "Si parla anche del progresso. I due team stanno raggiungendo una maggiore precisione, misurando masse dei pianeti più piccoli ad ogni giro. Ciò fa ben sperare per l'obiettivo più ampio di un giorno di trovare prove della vita oltre la Terra". "È un risultato straordinario - dice Giovanni Bignami presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica a cui fa capo il TNG - mai si era arrivati così vicini ad individuare un pianeta di massa e densità simili a quelli della Terra".

"Una dimostrazione di come la caccia agli esopianeti si stia affinando e di quanto sia stata corretta la scelta di installare lo spettrometro Harps al Telescopio Nazionale Galileo, mettendolo nelle condizioni di guardare lo stesso emisfero del satellite Kepler, usando sinergicamente due tecniche per rilevare pianeti extra solari. Le mie vive congratulazioni a tutta la squadra INAF coinvolta e in particolare a Giusi Micela, direttore dell’Osservatorio Astronomico di Palermo, che ha fortemente voluto questo strumento", conclude il presidente dell'INAF.

"Kepler-78b è un pianeta di classe extrasolare con periodi orbitali molto più brevi di un giorno", dice l'astronomo Francesco Pepe dell'Università di Ginevra in Svizzera, che ha guidato una delle squadre che hanno calcolato la massa del pianeta. "Si può immaginare come un pianeta di lava piuttosto che un pianeta simile alla Terra," dice. Kepler-78b è stato scoperto lo scorso agosto, utilizzando i dati del telescopio spaziale della NASA Kepler, che per 4 anni ha monitorato simultaneamente e continuamente più di 150.000 stelle alla ricerca di rivelatori di buchi luminosi provocate dal transito dei pianeti. 


Due gruppi di ricerca indipendenti hanno quindo utilizzato telescopi terrestri per confermare e caratterizzare Kepler-78b. Per determinare la massa del pianeta, le squadre hanno impiegato il metodo della velocità radiale per misurare quanto il rimorchiatore gravitazionale di un pianeta orbitante provoca il traballo della sua stella (le cosidette perturbazioni gravitazionali). Sono stati scoperti una manciata di pianeti delle dimensioni o della massa simili alla Terra, ma Kepler-78b è il primo pianeta extrasolare a possedere sia una massa che le dimensioni condivise con quelle del nostro pianeta. 

Con entrambe le quantità note, gli scienziati possono calcolare una densità e determinare ciò di cui è fatto il pianeta. Kepler-78b è 1,2 volte le dimensioni della Terra e 1,7 volte più massiccio, risultando in una densità che è la stessa di quella della Terra. Questo suggerisce che Kepler-78b è anche fatto principalmente di roccia e ferro. La sua stella è leggermente più piccola e meno massiccia del Sole e si trova a circa 400 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Cigno. Tuttavia, a causa della sua estrema vicinanza alla sua stella è molto probabile che le temperature del pianeta siano troppo elevate per sostenere la vita.



Fonte: NASA
Via: INAF
Foto credit: David A. Aguilar (CfA) | Kepler/Nasa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...