lunedì 28 ottobre 2013

Datagate, in Italia spiate 46 mln telefonate ma smentisce intelligence


Sono 46 milioni le telefonate spiate in Italia in un mese dalla National Security Agency (Nsa). Lo rivela il sito web "Cryptome", considerato una sorta di precursore di Wikileaks, che ha pubblicato le medie mensili dei dati relativi al periodo compreso tra il 10 dicembre 2012 e l'8 gennaio del 2013. In Germania, nello stesso arco di tempo sono stati tracciati 361 milioni di "metadati" in 30 giorni. Nel mondo, Stati Uniti compresi, le telefonate spiate in un mese dalla Nsa sono state 124,8 miliardi. Ma la nostra intelligence chiarisce: un conto è lo spionaggio, altra cosa è il monitoraggio

Gli 007 italiani gettano acqua sul fuoco e invitano a prendere con le molle la notizia lanciata dal sito www.cryptome.org di 46 milioni di telefonate intercettate in Italia. Molto probabilmente, spiegano all'Intelligence italiana, ci si trova di fronte a dati, diffusi tra l'altro da un sito non ufficiale, che fa confusione tra intercettazioni di colloqui telefonici e attività di monitoraggio sulle quali, infatti, potrebbe essere esercitata un'attività di controllo che scatta, quando, ad esempio comunicando su Facebook o altri canali online, si utilizzano parole sospette per la sicurezza. 

In questo senso ci sono accordi tra Italia e Usa che certo non prevedono attività di spionaggio ma di prevenzione per la sicurezza nazionale o internazionale . Questa attività di controllo, inoltre, non è detto che avvengano sul territorio nazionale. Ma, ripetono gli 007, non si tratta di spionaggio. Intanto una delegazione di nove componenti del Parlamento europeo si è imbarcata alla volta di Washington per fare luce sul presunto spionaggio. In Francia le telefonate finite nelle maglie degli 007 Usa sono state 70 milioni, in Spagna 61 milioni e in Olanda 1,8 milioni.


I dati pubblicati da Cryptome riguardano il programma della Nsa denominato "Boundless Information" (Informazioni senza limiti - PRISM) e coincidono con le cifre relative alla Francia già rivelate dal quotidiano "Le Monde" e con i dati sulla Spagna pubblicati dal "El Mundo". Il quotidiano spagnolo ha stretto un accordo con il giornalista Glenn Greenwald (il depositario dei segreti di Edward Snowden la talpa del Nsagate) che ha firmato l'articolo relativo alla Spagna da Rio de Janeiro insieme a German Aranda. Prima di diventare giornalista Greenwald è stato un avvocato.

I metadati tracciati riguardano soltanto i numeri di telefono e la durata delle chiamate: ma in Spagna si tratta di un delitto di carattere penale. Il documento sulle telefonate spiate di Cryptome contiene una serie di grafici, con colonne che indicano i flussi intercettati. In Italia il giorno di picco, con oltre 4 milioni di telefonate spiate, è il 13 dicembre del 2012. In Pakistan le telefonate intercettate in un mese risultano 12.76 miliardi, in Afghanistan 21,98 miliardi, in India 6,28 miliardi, in Iraq 7,8 miliardi, in Arabia Saudita 7,8 miliardi, negli Usa 3 miliardi, in Egitto 1,9 miliardi, in Iran 1,73 miliardi e in Giordania 1,6 miliardi. 

Intanto la National Security Agency americana "ha posto fine al programma avviato per spiare il cancelliere tedesco Angela Merkel e un certo numero di altri leader del mondo". Lo scrive il Wall Street Journal, precisando che il programma è stato sospeso in seguito "ad un esame interno all'amministrazione Obama avviato la scorsa estate che ha rivelato alla Casa Bianca l'esistenza dell'operazione". Intanto, la questura di Roma ha intensificato la vigilanza nei pressi di sedi diplomatiche ed ambasciate e in particolare del'Ambasciata Usa. Questo in seguito alla rilevanza mediatica suscitata dal caso Datagate.


Via: AGI
Foto: iStockphoto

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...