domenica 16 giugno 2013

Nsa, Facebook e Microsoft: forniti a intelligence migliaia di dati utenti


Facebook e Microsoft riferiscono di avere ricevuto migliaia di richieste di dati dalle autorità statunitensi nella seconda metà del 2012, comprese richieste relative a questioni di sicurezza nazionale. Dopo aver confermato che la National Security Agency (NSA) non ha mai avuto accesso ai suoi database, in una dichiarazione ufficiale, il responsabile dell'ufficio legale di Facebook, Ted Ullyot, ha detto che il social network ha ricevuto tra le 9mila e le 10mila richieste nel secondo semestre dello scorso anno. 

Le richieste erano relative agli account di un numero di utenti compreso tra i 18mila e i 19mila e provenivano da organismi locali, statali e federali. In questo modo, Facebook intende contrastare le "iperboliche e false asserzioni contenute in alcuni recenti resoconti di stampa relative alla frequenza e alla portata delle richieste di dati", ha affermato il social network, sottolineando che il numero dei propri utenti attivi mensili è di 1,1 miliardi di persone. 

Questo significa che solo una piccola frazione di una percentuale dei suoi account utente sono stati oggetto di alcune tipologie di richieste (comprese quelle relative a criminali e sicurezza nazionale) negli ultimi sei mesi. Anche Microsoft ha svelato il numero di richieste ricevute nello stesso periodo di tempo. Si tratta di circa 6-7mila provvedimenti, secondo quanto riferito dal responsabile dell'ufficio legale, John Frank. Le richieste erano relative a un numero di utenti compreso tra i 31mila e i 32mila. 

Senza includere le questioni di sicurezza nazionale, in un "rapporto di trasparenza" Microsoft all'inizio di quest'anno ha detto di aver ricevuto richieste di penali che coinvolgono 24.565 utenti per tutto il 2012. Se la metà di tali richieste è arrivata nella seconda parte dell'anno, le richieste di informazione costituiscono il grosso delle indagini governative. Microsoft non ha contestato tale conclusione. 

Le informazioni riguardo al programma di sorveglianza Prism e le rivelazioni relative sulla grande raccolta di registrazioni telefoniche, hanno sollevato diffuse preoccupazioni e audizioni del Congresso circa la portata e l'estensione della raccolta di informazioni. Il programma di spionaggio domestico della NSA, conosciuto in documenti ufficiali del governo come il "Programma di sorveglianza del presidente", ("il programma") è stato realizzato dal presidente George W. Bush poco dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001. 

Il governo degli Stati Uniti considera ancora il Programma ufficialmente classificato, ma una enorme quantità di informazioni è stata esposta da vari informatori, ammessi dai funzionari del governo durante audizioni del Congresso e con dichiarazioni pubbliche, e riportate nelle indagini dai grandi quotidiani in tutto il paese. Nella "NSA Domestic Spying Timeline" della Electronic Frontier Foundation (EFF) è presente un elenco completo delle date importanti, gli eventi e le relazioni.

Nelle settimane dopo l'11/9, il presidente Bush ha autorizzato la NSA a condurre una serie di attività di sorveglianza all'interno degli Stati Uniti. Quando programma di spionaggio della NSA è stato rivelato per la prima volta nel 2005, il presidente Bush ha ammesso un piccolo aspetto del programma, quello che l'amministrazione ha etichettato il "Programma di sorveglianza del terrorista", in cui la NSA ha monitorato, senza mandato, le comunicazioni di tra 500-1000 persone all'interno degli Stati Uniti con i collegamenti sospetti con Al Qaeda. 

In una dichiarazione il veterano dell'agenzia William Binney stima che la "NSA ha installato non meno di dieci e forse più di una ventina di centri di intercettazione all'interno degli Stati Uniti". In Europa si registra anche la fibrillazione generata nel governo britannico dalla volontà dell'ex informatico NSA Edward Snowden, di passare ai media le informazioni riservate che hanno dato origine al Datagate. Gli Usa hanno accettato di informare le autorità europee riguardo importanti dettagli sul funzionamento di Prism.


Fonte: The Guardian
Via: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...