lunedì 17 giugno 2013

Foto pedopornografiche via dal Web con un nuovo sistema di Google


Google ha comunicato che i suoi ingegneri stanno lavorando su una nuova tecnologia che, per la prima volta, consentirà ai motori di ricerca internet e altre aziende di Internet di scambiare informazioni sulle immagini di bambini violentati e abusati. La nuova banca dati, che dovrebbe essere operativa entro un anno, consentirà alle immagini pedopornografiche che sono già state "contrassegnate" da parte delle organizzazioni di tutela dei minori, come la Internet Watch Foundation (IWF) di essere spazzate via dal web in un colpo solo.

"Internet è stata una forza enorme per il crescente accesso alle informazioni, migliorando la capacità delle persone di comunicare e guidare la crescita economica. Ma come il mondo fisico, ci sono angoli bui sul web dove esiste il comportamento criminale. Nel 2011, il Centro Nazionale per bambini scomparsi e sfruttati (NCMEC) di Cybertipline ha ricevuto 17,3 milioni di immagini e video di sospetti abusi", scrive Jacquelline Fuller, direttore di Google Giving

"Questo è quattro volte più di quello che l'Exploited Children's Division (ECD) ha visto nel 2007. E il numero è ancora in crescita. Dietro queste immagini vi sono reali, bambini vulnerabili che sono sessualmente vittimizzati e vittime ulteriormente attraverso la distribuzione delle loro immagini. E' fondamentale che agiamo come comunità, come i genitori interessati, tutori, insegnanti e società-per contribuire a combattere questo problema. Lo sfruttamento sessuale del bambino è un problema globale che richiede una soluzione globale". 

"Più della metà delle immagini e video riferiti a NCMEC sono al di fuori degli Stati Uniti. Con questo in mente, abbiamo bisogno di sostenere e incoraggiare la comunicazione senza confini tra le organizzazioni che combattono questo problema a terra. Ad esempio, CyberTipline di NCMEC è accessibile a 60 paesi, aiutando le forze dell'ordine locali ad eseguire efficacemente le loro indagini. Google lavora per combattere lo sfruttamento dei minori già dal 2006, quando ci siamo uniti alla coalizione tecnologia, collaborando con altre società del settore tecnologico per sviluppare soluzioni tecniche". 

"Da allora - spiega Fuller - abbiamo fornito software e hardware per aiutare le organizzazioni in tutto il mondo a combattere le immagini pedopornografiche sul web e aiutare a localizzare i bambini scomparsi. C'è molto di più che si può fare, e Google sta prendendo l'impegno per un altro passo avanti attraverso uno sforzo di 5000 mila dollari per sradicare le immagini di abuso di minori online. Parte di questo impegno andrà a partner globali di protezione dell'infanzia, come il Centro nazionale per bambini scomparsi e sfruttati e la Internet Watch Foundation ". 

"Stiamo fornendo un ulteriore sostegno a simili organizzazioni eroiche negli Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e America Latina. Dal 2008, abbiamo utilizzato la tecnologia 'hashing' per contrassegnare note immagini di abusi sessuali, che ci permette di identificare le immagini duplicate che possono esistere altrove. Ogni immagine incriminata in effetti ottiene un ID univoco che i nostri computer sono in grado di riconoscere gli esseri umani, senza dover visualizzarla nuovamente". 

"Recentemente, abbiamo iniziato a lavorare per incorporare criptate 'impronte digitali' di immagini di abusi sessuali in una base di dati cross-industry. Ciò consentirà alle società, forze dell'ordine e associazioni di beneficenza di collaborare meglio al rilevamento e la rimozione di queste immagini e di agire contro i criminali. Oggi abbiamo anche annunciato un 'Child Protection Technology Fund' di 2 milioni dollari per sviluppare una tecnologia che favorisca lo sviluppo di strumenti sempre più efficaci". 

"Il nostro business - conclude Fuller - è di rendere le informazioni universalmente disponibili, ma ci sono certe 'informazioni' che non dovrebbero mai essere create o trovate. Possiamo fare molto per assicurarci che non siano disponibili online e per far si che quando le persone condividono questo tipo di contenuti siano catturati e processati". Il nuovo progetto  arriva dopo che le società di ricerca Internet, tra cui la stessa Google, hanno subito forti pressioni politiche per reprimere la pedopornografia online.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...