domenica 12 maggio 2013

Strategia, videogiocare per vincere: 6 consigli degli esperti di gaming


Chi non vorrebbe essere pagato per divertirsi? Rassegniamoci, probabilmente al mondo esiste una sola categoria di persone che fa carriera… giocando. Sono i Pro Gamers, i giocatori professionisti che grazie alla loro passione irrefrenabile riescono a mantenersi videogiocando. Non sono molti quelli che hanno la fortuna e la capacità di trasformare questo hobby in un lavoro, ma la community degli appassionati del gioco digitale è in continua crescita, basti pensare che il mercato del divertimento interattivo, uno dei pochi a non essere in crisi, ha superato di gran lunga quello del cinema. 

Esattamente a un anno dall’accordo di sponsorizzazione del team Inferno eSports da parte di Kingston Technology, l’associazione sportiva leader in Italia nella gestione e promozione dei più talentuosi videogiocatori svela a tutti i gamers alcuni consigli utili per coltivare la propria passione e perché no, per vincere. E forse, i suggerimenti di Paolo Crispino, vicepresidente di Inferno eSports, ci aiutano a capire ed accettare meglio che il divertimento può realmente trasformarsi in un vero e proprio lavoro, fatto di 10/12 ore al giorno di allenamento, di studio “della concorrenza”, di analisi delle difficoltà, delle debolezze e dei punti di forza per migliorarsi, proprio come avviene in qualsiasi tipo di professione. 


Imparare dagli errori. Perdere in allenamento non è un problema, l’importante è studiare e memorizzare le mosse vincenti e quelle perdenti. Di fronte a un game over non ci si deve arrendere, ma bisogna capire il motivo della sconfitta per non ripetere più lo stesso errore. 
Al bando le statistiche! Ci sono molti giocatori incredibilmente validi che fermano il proprio allenamento, per esempio, perchè la percentuale di vittoria sta salendo o sta scendendo troppo. Le classifiche, i numeri e le statistiche non devono influire sul rendimento. La cosa più importante è giocare. Ecco l’unico modo per diventare dei veri campioni. 
Circondatevi di persone positive, questo vale nel gioco come nella vita. Come possiamo pensare di raggiungere i nostri obiettivi se accanto abbiamo persone che non ci supportano e non credono in noi? 
Procurarsi gli strumenti giusti. Come può un alpinista scalare una cima innevata con ai piedi un paio di mocassini? All’inizio non davo molta importanza all’attrezzatura che utilizzavo per allenarmi. Ma solo quando ho iniziato a valutare tutti i componenti in modo minuzioso, in base alle mie esigenze e alle esigenze di gioco, sono riuscito a fare la differenza. Un buon drive SSD di Kingston Technology, per esempio, è in grado di influire notevolmente sull’esito della gara. 
Prepararsi a 360°. Un modo per migliorare il vostro rendimento è allenare le skill che esso richiede anche al di fuori della disciplina stessa. Faccio un esempio: un calciatore, per aumentare la potenza della gamba, eseguirà in palestra esercizi di potenziamento slegati dal suo sport. Così avviene nel gaming: un buon modo che per esempio mi aiuta ad allenare riflessi e concentrazione è utilizzare simulatori di giochi musicali come Stepmania o DWI, in grado di aumentare la mia concentrazione. 
• Anche i gamer hanno una vita privata e sociale. Se, tra una partita e l’altra, vi siete scordati che oltre al PC e alla consolle c’è anche una vita da vivere, saranno le urla della vostra fidanzata e di vostra madre a farvelo ricordare. Il mio consiglio è di evitare di arrivare a questo punto di non ritorno, anche se sono perfettamente consapevole del fatto che, per gli appassionati come noi, è quasi impossibile staccarsi dal monitor. 


“Esattamente un anno fa abbiamo deciso di sponsorizzare una delle principali squadre italiane di videogiocatori. E proprio per suggellare questo nostro accordo per tutto il prossimo anno, abbiamo voluto svelare qualche trucchetto a tutti gli appassionati di gaming. Siamo da sempre molto vicini a questa categoria, e lo dimostra il nostro impegno continuo nella progettazione di prodotti della gamma HyperX, sempre più perfomanti e vicini alle esigenze dei gamer”, ha dichiarato Cristian Riolo, Business Development Manager di Kingston Technology Italia. 

“Noi del team InFerno eSports siamo soddisfatti e onorati che Kingston abbia deciso di rinnovare la partnership per il secondo anno, confermando la fiducia che già aveva riposto nel nostro team. Abbiamo voluto festeggiare questo momento avvicinandoci alla community di videogiocatori dando qualche piccolo suggerimento dettato dalla nostra esperienza”, ha dichiarato Paolo Crispino, vicepresidente di inFerno eSports. Kingston Technology Company, Inc. è il più grande produttore indipendente al mondo nel settore dei moduli di memoria. Per ulteriori informazioni, chiamare +44 (0)1932 738888 o visitare il sito www.kingston.it.


Fonte: LEWIS PR

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...