venerdì 3 maggio 2013

Sonda spaziale della Nasa visiterà asteroide con nuovo nome Bennu


Un asteroide che sarà esplorato da una sonda spaziale della NASA ha un nuovo nome, grazie a uno studente di terza elementare nella Carolina del Nord. Origins-Spectral Interpretation-Resource Identification-Security-regolite Explorer (OSIRIS-Rex) della NASA visiterà l'asteroide ora chiamato "Bennu", dal nome di un importante antica divinità egizia aviaria. OSIRIS-Rex è prevista per il lancio nel 2016, appuntamento con Bennu nel 2018 e restituirà un campione di asteroide sulla Terra nel 2023. 

Il nome per l'asteroide ricco di carbonio, designato nella comunità scientifica come (101955) 1999 RQ36, è il nome vincitore in un concorso internazionale di studenti. Michael Puzio, nove anni, ha suggerito il nome perché ha immaginato il modello meccanico touch-and-go (TAGSAM) con braccio e pannelli solari su OSIRIS-Rex che sembrano il collo e le ali nei disegni di Bennu, che gli egiziani di solito raffigurano come un airone grigio. Puzio ha adattato il nome dell'asteroide perché significa "l'ascendente uno", o "a brillare." 

TAGSAM raccoglierà un campione di Bennu e lo conserverà per il ritorno sulla Terra. Il campione potrebbe contenere indizi sull'origine del sistema solare e la fonte di acqua e molecole organiche che possono aver contribuito allo sviluppo della vita sulla Terra. La missione sarà una parte fondamentale dei piani della NASA per trovare, studiare, acquisire e trasferire gli astronauti su un asteroide per l'esplorazione. La NASA ha recentemente annunciato una iniziativa per sfruttare le attività umane e robotiche per la prima missione umana su un asteroide, mentre accelererà gli sforzi per migliorare l'individuazione e la caratterizzazione di asteroidi. 



"Ci fornirà un opportunità per educare il mondo sulla natura emozionante della nostra missione ", ha detto Dante Lauretta della University of Arizona a Tucson, un giudice del concorso e il ricercatore principale della missione OSIRIS-Rex. "Le informazioni sulla composizione del Bennu e la natura della sua orbita ci permetteranno di esplorare il nostro passato e comprendere meglio il nostro futuro". Più di 8.000 studenti, per lo più giovani di 18 anni, da più di 25 paesi in tutto il mondo hanno partecipato al concorso "Name that Asteroid!" l'anno scorso. 

Ogni concorrente ha presentato un nome con un massimo di 16 caratteri e una breve spiegazione del nome. La gara è stata una collaborazione con The Planetary Society a Pasadena, in California, il Massachusetts Institute of Technology Lincoln Laboratory a Lexington, Mass., e l'Università dell'Arizona. I partner hanno riunito un gruppo per rivedere le osservazioni e presentare la migliore alla commissione dell'Unione Astronomica Internazionale (UAI) Committee for Small Body Nomenclature. L'UAI è l'organo di governo che nomina ufficialmente un oggetto celeste.

"Il nome Bennu ci ha subito colpiti", ha detto Bruce Betts, direttore dei progetti per la Planetary Society e un giudice di gara. "Mentre ci sono stati molti grandi nomi, la somiglianza tra l'immagine dell'airone e il braccio TAGSAM di OSIRIS-Rex è stata una scelta intelligente. Un parallelo con gli asteroidi sia come portatori di vita e come le forze distruttive del sistema solare ha anche creato una grande possibilità di insegnamento". Il team del programma The Lincoln Near Earth Asteroid Research (LINEAR) ha scoperto l'asteroide nel 1999, all'inizio del Near-Earth Objects Observation Program  della NASA oggetti, che rileva e cataloga asteroidi vicini alla Terra e le comete. 



L'asteroide "Bennu" è stato classificato dall'agenzia aerospaziale statunitense come potenzialmente pericoloso per la Terra: secondo un studio, compiuto in Italia dall'università di Pisa, ci saranno otto possibili potenziali impatti col nostro pianeta nell'arco di tempo compreso tra il 2169 e il 2199. La percentuale è bassa, nell'ordine dello 0,07% per ogni singolo impatto, ma al momento non si conoscono ancora bene le proprietà fisiche dell'asteroide. Per questo motivo nel 2020, quando atterrerà su "Bennu", la sonda OSIRIS-Rex preleverà campioni e compirà studi accurati per permettere agli scienziati di tracciare un profilo dettagliato e ricalcolare con più precisione la traiettoria dell'asteroide.

La missione, dal costo di 800 milioni di euro, permetterà alla Nasa di raccogliere importanti informazioni sulla materia che compone l'universo e i suoi corpi, stelle, pianeti e galassie. Questo perché gli asteoridi hanno una composiizione definita "primitiva" e che risale a circa 4,5 miliardi di anni fa. "I campioni di Bennu restituiti da OSIRIS- REx permetteranno agli scienziati di scrutare l'origine del sistema solare e di acquisire conoscenze all'origine della vita", ha detto Jason Dworkin, uno scienziato del progetto OSIRIS-Rex al NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland.

Goddard fornirà la gestione generale della missione, ingegneria dei sistemi, e la sicurezza e la garanzia della missione. L'Università di Arizona è l'istituzione principale del ricercatore. Il Lockheed Martin Space Systems di Denver costruirà la navicella. OSIRIS-Rex è la terza missione al New Frontiers Program della NASA. Il NASA Marshall Space Flight Center di Huntsville, Alabama, gestisce New Frontiers per il Science Mission Directorate della NASA a Washington. Per maggiori informazioni su OSIRIS-Rex, visitare: http://osiris-rex.lpl.arizona.edu/


Fonte: NASA
Via: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...