venerdì 3 maggio 2013

Miliardario russo trasformerà umani in cyborg immortali entro il 2045


Dmitry Itskov ha un piano per salvare l'umanità dalla distruzione imminente. Il 32enne miliardario russo sogna l'immortalità per l'uomo e ne fa la sua personale causa di vita: così come i suoi pari investono in squadre di calcio, yacht o gallerie d'arte, la sua idea è invece quella di impiantare entro il 2048 il cervello, la coscienza e la personalità, di un homo sapiens in un robot. Secondo Itskov, l'attuale piano per salvare l'umanità e l'ambiente dalla distruzione completa - noto come lo sviluppo sostenibile - non è da solo sufficiente.

''Ero seduto alla mia scrivania quando ho realizzato di aver voglia di dedicarmi a qualcosa di più che agli affari. Guadagnare e spendere soldi aveva cominciato ad annoiarmi, volevo essere parte di un progetto di più vasta portata'', ha spiegato Itskov, a capo della società di portali e media web New Media Stars. Da questo suo "ennui" è nata l'Iniziativa strategico sociale 2045, il programma che si propone di "riunire l'umanità intorno a una nuova idea globale, raggiungere l'immortalità cibernetica".

Il prossimo mese di giugno, il 15 e il 16, Itskov ha organizzato a New York un congresso, il secondo della sue fondazione, per annunciare i nomi degli scienziati di tutto il mondo che hanno accettato la sfida. Ai lavori parteciperanno come sostenitori della prima ora del progetto Kay Kurzwell, direttore del settore ingegneristico di Google, Hiroshi Ishiguro e l'esperto di robot dell'università di Osaka che ha creato il suo gemello meccanico di silicone ed elettronico, l'esperto di robotica David Hanson e l'antropologo delle religioni "affiliato" all'Mit William Bushell. Itskov assicura di aver già affrontato le implicazioni spirituali del suo progetto con il Dalai Lama.



Ecco le tappe del programma, così come le ha illustrate il miliardario in una lettera indirizzata al segretario generale delle Nazioni Unite Ban ki-moon: la prima è fissata per il 2020, quando dovrà essere pronto un robot antropomorfo, l'avatar di una persona, un corpo artificiale, controllato da interfacce neurali, che potranno essere usate per la riabilitazione dei disabili, precisa. Si arriverà poi a impiantare il cervello di una persona in fase terminale, estendendone così la vita di 200-300 anni, a impiantare la personalità e e a studiare la coscienza per incarnarla in supporti non biologici da trasferire nell'avatar.

Con un diploma in management delle corporation all'Accademia russa dell'economia, Itskov ha iniziato a interessarsi alla scienza solo nel 2005: "In passato il motore dell'evoluzione è stata la selezione naturale. Ora sempre più scienziati sostengono che la selezione naturale non funziona più. La specie umana andrà in contro a un degrado significativo, per questo lanciamo un appello, l'uomo deve salvare la sua specie", ha detto dopo aver lanciato lo scorso anno un appello a tutti i suoi colleghi miliardari per contribuire al progetto.

Itskov si inserisce in una florida tradizione russa per la ricerca dell'immortalità: negli anni venti del novecento, il medico Alexandr Bodganov aveva teorizzato la sconfitta dell'invecchiamento attraverso trasfusioni di sangue da soggetti giovani a quelli più anziani. Il trattamento riservato ai leader bolscevichi avrebbe consentito anche il loro contatto con le masse. Per tre anni, come direttore del nuovo Istituto per la trasfusione di sangue, ha condotto centinaia di esperimenti prima di morire per le conseguenze non previste delle undici trasfusioni che si era prescritto.



Negli stessi anni un suo collega, Sergei Bryukhonenko aveva creato il primo sistema circolatorio artificiale con cui era riuscito a mantenere viva la testa di un cane per quasi due ore. Negli anni settanta, Viktor Sarayev aveva estratto una sostanza dal tessuto di cuccioli di animali domestici che gli consentiva di aumentare la vita e la fertilità degli adulti. Nella lettera si legge: "Noi, scienziati, personaggi pubblici e imprenditori provenienti da Russia, Stati Uniti, Regno Unito, e  Canada così come i partecipanti della Secondo Congresso Internazionale Globale Future 2045 vorremmo portare alla vostra attenzione un numero di problemi seri. Il mondo è sulla soglia del cambiamento globale".

"Ecologia, politica, antropologica, economia e altre crisi si stanno intensificando. Le guerre si combattono, risorse sprecate senza senso, e il pianeta viene inquinato. La società sta vivendo una crisi di obiettivi e valori, mentre la scienza e la tecnologia stanno fornendo un'opportunità senza precedenti per l'avanzamento. I leader nazionali rimangono concentrati sulla stabilità interna  a breve termine, senza prestare sufficiente attenzione alle opportunità per il futuro della civiltà".

"L'umanità si trova di fronte essenzialmente a questa scelta: scivolare nel baratro di degrado globale, o di trovare e realizzare un nuovo modello di sviluppo, un modello capace di cambiare la coscienza umana e dare un nuovo significato alla vita. Noi crediamo che per passare a una nuova fase dell'evoluzione umana, la vita umana ha bisogno di una rivoluzione scientifica accoppiata a cambiamenti spirituali significativi, indissolubilmente legati, ad integrazione e supporto di ogni altro".



"Il vettore di sviluppo futuro previsto dal progresso tecnologico dovrebbe aiutare l'evoluzione della coscienza umana, l'individuo e la società, ed essere il passaggio alla neo-umanità. Questo tipo di ricerca sarà discussa al congresso globale Future 2045. Saranno esposte tecnologie all'avanguardia, molti delle quali sono già state sviluppate e migliorate, ma non ancora disponibili per le persone che ne hanno bisogno (...) I partecipanti al congresso Global Future 2045 includono scienziati, filosofi, rappresentanti di diverse religioni, personaggi pubblici, imprenditori e filantropi".

"Dimostreremo la natura realistica delle tecnologie Avatar e lanceremo un nuovo megaprogetto scientifico che costituirà la base di una nuova strategia evolutiva per l'umanità. Questa realizzazione permetterà di risolvere molti dei problemi della società una volta per tutte, superare i limiti biologici degli esseri umani, e di creare una nuova civiltà con alta etica, cultura, spiritualità, alta tecnologia e scienza. Questa nuova strategia dovrebbe diventare un'alternativa alle ideologie focalizzate a livello nazionale, trasformando gli abitanti del nostro pianeta in cittadini della Terra, e che riunisce le nazioni, il che rende il senso della vita di ogni cittadino per servire alti ideali e principi, e perseguire il costante auto-sviluppo".

"Per lo svolgimento di questa importante missione, il vostro sostegno è fondamentale per noi. Vi invitiamo a prendere parte al congresso personalmente, o inviare un appello registrato o scritto ai partecipanti. Noi crediamo che in un prossimo futuro, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite si riunirà  non per regolamentare i conflitti militari, ma per raccomandare che capi di stato e leader di organizzazioni nazionali e transnazionali si incaricano di realizzare la strategia per il passaggio alla neo-umanità".


Fonte: Adnkronos
Via: Digital Trends

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...