lunedì 29 aprile 2013

Google Transparency Report, cresce il controllo dei governi sul Web


I governi sono sempre più rumorosi che mai, almeno se lo si domanda a Google. La società di ricerca ha già notato in rapido aumento la censura in questi ultimi mesi, ma il suo ultimo Transparency Report semetrale ha rivelato un aumento del 26 per cento delle richieste di takedown verso la fine del 2012, più del doppio rispetto al 2009. Gran parte del salto può essere attribuito al Brasile, le cui elezioni comunali hanno innescato un'ondata di richieste anti-diffamazione dei candidati, così come la blacklisting law russa che consente  il takedown dei siti.

Il Transparency report della società, pubblicato ormai da tre anni, segnala che tra luglio e dicembre 2012 ci sono state 2.285 richieste governative di rimozione, che hanno coinvolto 24.179 porzioni di contenuti, raggiungendo la cifra più alta mai registrata. Quasi il doppio rispetto al primo semestre del 2012, in cui Google ha contato 1.811 richieste di cancellare più di 18.000 elementi. Google sostiene che molte delle richieste pervenutele sono state ordinanze di tribunali che chiedevano la rimozione di opinioni negative su uomini e donne di governo.

"Appena abbiamo raccolto e pubblicato più dati nel tempo - scrive Google -, è diventato sempre più chiaro che l'ambito dei tentativi del governo di censurare i contenuti sui servizi di Google è cresciuto. In questo particolare periodo di tempo, abbiamo ricevuto mandati da diversi paesi per rimuovere post critici su funzionari di governo o loro collaboratori". Si può leggere di più su queste richieste, cercando al annotazioni sezione della Relazione sulla trasparenza.

Di particolare rilievo sono stati tre eventi che hanno avuto luogo nella seconda metà del 2012. C'è stato un forte aumento delle richieste da Brasile , dove Google ha ricevuto 697 richieste di rimozione di contenuti dalle sue piattaforme (di cui 640 gli ordini dei tribunali con una media di 3,5 court order al giorno durante questo periodo di tempo), fino a 191 nel corso della prima metà dell'anno. Il grande motivo per il picco sono state le elezioni comunali, che hanno avuto luogo lo scorso autunno.


Quasi la metà delle 316 richieste totali per l'esattezza hanno chiesto la rimozione di 756 pezzi di contenuti relativi a presunte violazioni del codice elettorale brasiliano, che vieta la diffamazione e il commento che offende i candidati. Google sta facendo appello a molti di questi casi, sulla base del fatto che il contenuto è protetto dalla libertà di espressione secondo la Costituzione brasiliana. Un altro posto dove Google ha visto un aumento è stata la Russia, dove una nuova legge entrata in vigore lo scorso autunno.

Nella prima metà del 2012, Google ha ricevuto sei richieste, mentre nella seconda metà dell'anno, ha ricevuto 114 richieste di rimozione di contenuti, delle quali 107 citando questa nuova legge. Durante questo periodo, Google ha ricevuto richieste di informazioni provenienti da 20 paesi per quanto riguarda i video di YouTube contenenti spezzoni del film "Innocenza dei musulmani". Google ha limitato la visualizzazione dei video in diversi paesi, in conformità con la legge locale, dopo aver ricevuto formali reclami legali.

Ha anche temporaneamente impedito la visualizzazione del video in Egitto e Libia, per le circostanze particolarmente difficili che ci sono, ma respingendo la richiesta di rimozione in Usa.  Il video, infatti, provocò l'assalto al consolato statunitense a Bengasi, in cui fu ucciso l'ambasciatore Cristopher Stevens, insieme a due marines e un funzionario. Google ha anche effettuato un paio di miglioramenti alla relazione di trasparenza rispetto al suo ultimo aggiornamento. È possibile visualizzare i dettagli scorrendo al fondo di ogni pagina specifica del paese.

Google ha anche rinfrescato l'aspetto della sezione traffico, rendendo più facile vedere dove e quando si sono verificate le  interruzioniai servizi di Google. È possibile visualizzare una mappa dei servizi di Google che sono attualmente interrotti, si può vedere una mappa di tutte le interruzioni conosciute dal 2009, e si può facilmente navigare tra i periodi e le regioni temporali. Nei limiti del possibile, inoltre, Google informa nei tempi opportuni gli utenti coinvolti dalla richiesta di rimozione, purché non ci siano ostacoli legali o manchino i contatti.


Fonte: Google
Via: Engadget

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...