lunedì 29 aprile 2013

Battleloot Adventure è miglior videogame indipendente italiano 2012


Battleloot Adventure, sviluppato da Digital Tales su Microsoft Windows Azure, si è aggiudicato il titolo di miglior videogioco indipendente italiano nella prima edizione del Drago d’Oro, il premio promosso da AESVI (Associazione Editori e Sviluppatori Videogiochi Italiani) per celebrare l’eccellenza della produzione videoludica. Unendo i generi strategico e RPG, ma strizzando l’occhio anche ai casual gamer, Battleloot Adventure conduce i giocatori in un viaggio memorabile attraverso le regioni più fantastiche e assurde del regno di Kameloot, ormai allo stremo per via dell’oppressiva pressione fiscale imposta dal sovrano.

I giocatori si ritrovano ad assoldare una squadra di bizzarri mercenari, disposti a servire una delle quattro maggiori città per farle ottenere un’esenzione dalle odiate tasse. Per riuscire nell’impresa e aggiudicarsi una fortuna in oro e un futuro esentasse, occorre vincere battaglie contro soldati rivali e superare incontri con entità magiche, banditi e creature straordinarie. Battleloot Adventure offre un intuitivo sistema di controllo “touch” e permette di divertirsi alternando o abbinando le abilità e gli incantesimi dei mercenari e sbloccando armi potenziate ed equipaggiamenti letali. 

Il buon esito delle sfide è legato anche alla scelta degli eroi, con peculiarità tali da dettare il risultato degli scontri e il destino di tutta la squadra. Anche dal punto di vista tecnologico Battleloot Adventure si rivela un videogioco innovativo e, per svilupparlo in tempi rapidi, Digital Tales ha potuto fare affidamento sulla solidità della piattaforma cloud di Microsoft Windows Azure. L’utilizzo di Windows Azure Web Roles, la migrazione verso un database SQL e in particolare l’adozione di Windows Azure Storage ha permesso di distribuire Battleloot Adventure a un minor costo e con maggior flessibilità rispetto alla precedente soluzione. 

I dati del gioco risiedono su Windows Azure Storage e sono resi accessibili via PHP attraverso Shared Access Signatures al fine di proteggere gli update del gioco dalla pirateria. Infine l’uso di un meccanismo di Autoscale ha permesso alla Digital Tales di far fronte ai picchi di download e, allo stesso tempo, di ridurre il costo di gestione dell’infrastruttura in caso di limitata richiesta di dati del gioco. 

“Siamo entusiasti del riconoscimento ottenuto in occasione delle prima edizione del premio Drago D’Oro promosso da AESVI e la tecnologia Microsoft si è rivelata un elemento strategico ai fini di questo importante risultato. Grazie a Windows Azure abbiamo potuto sviluppare Battleloot Adventure in tempi rapidi e possiamo gestire in modo sicuro e flessibile la distribuzione in base ai reali picchi di utilizzo. Ciò non solo ha migliorato l’esperienza di gioco offerta ai nostri utenti, ma ha anche ottimizzato i costi della nostra infrastruttura, consentendoci di ottenere un vantaggio competitivo in un mercato estremamente affollato”, ha dichiarato Giovanni Bazzoni, Amministratore Delegato di Digital Tales. 

“L’esperienza di Digital Tales è significativa in quanto dimostra la capacità di Windows Azure di rispondere in modo flessibile alle esigenze di qualsiasi azienda in qualunque settore. Offriamo l’affidabilità di 8 Datacenter a livello globale e funzionalità di business continuity e disaster recovery. La piattaforma è scalabile, interoperabile e aperta e consente di sviluppare siti web, servizi media e servizi mobili, cavalcando le opportunità offerte dai nuovi trend tecnologici. Quello dei videogiochi è in particolare un segmento in costante evoluzione, che può trarre chiaramente vantaggio dall’utilizzo strategico del Cloud Computing”, ha dichiarato Luca Venturelli, Direttore della Divisione Server & Cloud di Microsoft Italia. I coloratissimi fondali disegnati a mano e i personaggi in stile cartoon di Battleloot Adventure, già disponibili per giocatori di ogni età su iOS e Android, sbarcheranno entro l’estate anche su Windows Phone 8 e Windows 8.


Fonte: Microsoft

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...