mercoledì 6 marzo 2013

Ue, multa Microsoft per 561 milioni: mancato rispetto scelta browser


La Commissione europea ha imposto una multa 561.000.000 euro a Microsoft per non aver rispettato i suoi impegni di offrire agli utenti una schermata di scelta del browser che consente loro di scegliere facilmente il proprio browser web preferito. Nel 2009, la Commissione aveva fatto questi impegni giuridicamente vincolanti per Microsoft fino al 2014 (cfr. IP/09/1941). Nella decisione di oggi, la Commissione ritiene che Microsoft non è riuscito a tirare fuori la schermata di scelta del browser con il suo Windows 7 Service Pack 1 da maggio 2011 fino al luglio 2012. 

Quindici milioni di utenti Windows, nell'UE non hanno quindi visualizzatato la schermata di scelta in questo periodo. Microsoft ha riconosciuto che la schermata di scelta non è stata visualizzata in quel periodo. Il Vice presidente della Commissione responsabile della concorrenza, Joaquín Almunia, ha dichiarato:

"Nel 2009, abbiamo chiuso la nostra indagine su un presunto abuso di posizione dominante da parte di Microsoft a causa della vendita abbinata di Internet Explorer a Windows accettando gli impegni offerti dalla società. Impegni giuridicamente vincolanti raggiunti nelle decisioni antitrust giocano un ruolo molto importante nella nostra politica di esecuzione in quanto consentono soluzioni rapide ai problemi di concorrenza. Naturalmente, tali decisioni richiedono la stretta osservanza. L'inosservanza è una violazione molto grave che deve essere sanzionata di conseguenza". 

Nel dicembre 2009, la Commissione ha reso giuridicamente vincolanti gli impegni offerti dalla società statunitense di software Microsoft per risolvere problemi di concorrenza connessi alla vendita abbinata del browser Web di Microsoft, Internet Explorer, per la sua posizione dominante ai PC client del sistema operativo Windows (vedi IP/09/1941, MEMO/09/558 e MEMO/09/559).

In particolare, Microsoft si è impegnata a mettere a disposizione per cinque anni (cioè fino al 2014), nell'European Economic Area una "schermata di scelta" che permette agli utenti del sistema operativo Windows di scegliere in modo informato e imparziale quale browser web (s) volevano installare in aggiunta o al posto del browser web di Microsoft. La schermata di scelta è stata fornita a partire dal marzo 2010 agli utenti Windows europei che dispongono di serie Internet Explorer come browser Web predefinito.

Mentre è stato attuata, la "schermata di scelta" è stata un grande successo per gli utenti: ad esempio, fino a novembre 2010, 84 milioni di visitatori hanno effettuato il download attraverso di essa. Quando il mancato rispetto è stato rilevato e documentato nel luglio del 2012, la Commissione ha avviato un procedimento (cfr. IP/12/800 ) e prima di prendere una decisione ha notificato a Microsoft le sue obiezioni formali nel mese di ottobre 2012 (cfr. IP/12/1149 ).

Questa è la prima volta che la Commissione ha dovuto multare una società per il mancato rispetto di un impegno alla decisione. Nel calcolo dell'ammenda, la Commissione ha tenuto conto della gravità e della durata dell'infrazione, la necessità di garantire un effetto dissuasivo dell'ammenda e, come circostanza attenuante, il fatto che Microsoft ha collaborato con la Commissione e ha fornito informazioni che hanno contribuito alla Commissione di esaminare la questione in modo efficiente.

Quando la Commissione constata una violazione delle norme antitrust dell'Unione europea come un abuso di posizione dominante (articolo 102 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea), può adottare una decisione ai sensi dell'articolo 7 del regolamento antitrust dell'Unione europea (1/2003) che vieta tale comportamento e sanzioni. La Commissione può infliggere una multa fino al 10% del fatturato totale dell'impresa durante l'esercizio sociale precedente.

Tuttavia, a norma dell'articolo 9 del regolamento, la Commissione può anche concludere un'indagine antitrust, rendendo giuridicamente vincolanti gli impegni proposti dalle imprese interessate. "Ci assumiamo la piena responsabilità per l'errore tecnico che ha causato questo problema - ha detto la società di Redmond - e ci scusiamo. Abbiamo fornito alla Commissione una valutazione completa e franca della situazione e abbiamo preso provvedimenti per rafforzare lo sviluppo del nostro software e altri processi per contribuire ad evitare questo errore, o altri simili, in futuro".

Fonte: Commissione Europea
Via: Microsoft

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...