martedì 19 febbraio 2013

Google si prepara a lanciare propri store fisici come Apple e Microsoft


Entro la fine dell’anno Google potrebbe lanciare i suoi primi negozi "fisici", simili a quelli di Apple. Lo afferma il sito 9To5Google, che cita fonti interne alla compagnia, secondo cui i "Google store" venderanno tutti i prodotti di Big G, dai Chromebook agli smartphone della serie Nexus. "Google pensa che molti potenziali compratori dei prodotti abbiano bisogno di provare prima di decidersi a comprare - scrive il sito - i competitori, sia Apple che Microsoft, hanno già degli outlet dove i consumatori possono testare i dispositivi". 

I negozi non sarebbero un’esperienza completamente nuova per Google, che ha già dei piccoli "Chrome corner" in alcuni centri commerciali e aeroporti negli Usa specializzati nei notebook con il sistema operativo della casa di Mountain View. Questi negozi hanno dipendenti Google dipendenti addestrati per dimostrare il valore dei Chromebook e rispondono alla moltitudine di domande che hanno da porre le persone prima di effettuare un acquisto.


La fonte di 9To5Google ha detto che i nuovi negozi di Google saranno un sistema molto più ampio. Nei "Chorme Corner" i dipendenti non hanno obiettivi di vendita, e sono lì per lo più per educare. Google ha capito che se vuole lanciare una nuova categoria di prodotto come Google Glass, è costretta a tuffarsi nella vendita al dettaglio. Insieme a Glass, Google avrà la possibilità di dimostrare altri progetti imminenti di Google X come le auto senza conducente .



La Google driverless car è un progetto di Google che coinvolge la tecnologia per lo sviluppo di auto senza conducente. Il progetto è attualmente condotto dall'ingegnere di Google Sebastian Thrun, direttore del laboratorio di intelligenza artificiale di Stanford e co-inventore di Google Street View. Il team di Thrun presso Stanford ha creato il veicolo robot Stanley che ha vinto il DARPA 2005 Grand Challenge e il premio di 2 milioni di dollari del Dipartimento della Difesa Usa.

Il team del progetto è dotato di una flotta di almeno dieci veicoli, composta da sei Toyota Prius, una Audi TT, e tre Lexus RX450h. Le auto hanno attraversato la Lombard Street di San Francisco, famosa per i suoi ripidi tornanti. Gli store Google potrebbero inoltre commercializzare prodotti legati al brand, dalle magliette agli accessori per l'ufficio. La strada per raggiungere gli altri due big è comunque ancora lunga: Apple ha appena superato i 400 store nel mondo, mentre Microsoft ne ha 64 negli Usa, anche se la strategia annunciata nel 2007 ne prevede anche nel resto del mondo.





Fonte: 9To5Goolge
Via: La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...