mercoledì 23 gennaio 2013

Facebook rende gli utenti invidiosi e insoddisfatti secondo nuovo studio



In uno studio di ricerca congiunta condotta dal Dipartimento di Sistemi Informativi della TU Darmstadt (Prof. Dr. Peter Buxmann) e l'Istituto dei Sistemi Informativi della Zu Berlin Humboldt-Universität (Dr. Hanna Krasnova), i membri di Facebook sono stati intervistati in merito ai loro sentimenti dopo aver utilizzato la piattaforma. Più di un terzo degli intervistati ha riferito prevalentemente sentimenti negativi, come la frustrazione.

I ricercatori hanno rilevato che invidiare i loro "amici di Facebook" è la ragione principale di questo risultato. Il responsabile del progetto Dr. Hanna Krasnova, che attualmente è un ricercatore post-dottorato presso la Humboldt-Universität, ha spiegato che: "Sebbene gli intervistati fossero riluttanti ad ammettere di aver provato invidia, mentre erano collegati a Facebook, spesso si presume che l'invidia può essere la causa dietro la frustrazione di 'altri' su questa piattaforma, una chiara indicazione che l'invidia è un fenomeno saliente nel contesto di Facebook".

"Infatti, - prosegue la dottoressa Krasnova nel comunicato TUD - l'accesso alle copiose notizie positive e i profili di apparentemente successo di 'amici' promuove confronto sociale che possono facilmente provocare invidia. In generale, le reti sociali online permettono agli utenti un accesso senza precedenti alle informazioni rilevanti sugli altri - intuizioni che sarebbe molto più difficili da ottenere offline".

Coloro che sono impegnati in qualsiasi attività, comunicazioni interpersonali sui social network e soprattutto li utilizzano come fonti di informazioni, ad esempio la lettura di messaggi di amici, controllando i feed di notizie, o la navigazione attraverso le foto, sono particolarmente soggetti a queste esperienze dolorose. Invidiando gli amici di Facebook conduce ad un circolo vizioso detto "spirale invidia". 

Un altro risultato del sondaggio è stato che circa un quinto di tutti i più recenti eventi online/offline che avevano provocato l'invidia tra gli intervistati hanno avuto luogo in un contesto di Facebook. Questo rivela un ruolo colossale di questa piattaforma nella vita emotiva degli utenti. Paradossalmente, l'invidia può portare spesso gli utenti ad impreziosire i loro profili di Facebook, che, a sua volta, provoca l'invidia tra gli altri utenti, un fenomeno che i ricercatori hanno chiamato "spirale invidia".

Le cause principali di invidia online e offline in Germania sono correlate ai "viaggi e tempo libero". Come ha ammesso anche il dottor Thomas Widjaja della TU Darmstadt, coinvolto nel progetto: "Questo è il risultato di numerose foto delle vacanze pubblicate su Facebook, che sono particolarmente popolari tra gli utenti tedeschi". Sulla base dei dati dell'indagine, i ricercatori sono stati anche in grado di stabilire un nesso negativo tra l'invidia che nasce mentre si è Facebook e la soddisfazione di vita generale degli utenti.

In effetti, l'uso passivo di Facebook aumenta emozioni invidiose che, a sua volta, influenzano negativamente la soddisfazione degli utenti con le loro vite. Il coautore Helena Wenninger della TU Darmstadt sostiene: "In considerazione del fatto che l'uso di Facebook è un fenomeno mondiale e l'invidia è un sentimento universale, un sacco di persone sono soggette a queste conseguenze dolorose".

I risultati dell'indagine saranno presentati alla 11th International Conference Wirtschaftsinformatik - WI 2013 (Sistemi Informativi)" che si terrà a Lipsia, Germania, dal 27 febbraio all'1 marzo 2013. I ricercatori hanno in programma di effettuare una ulteriore indagine che esplorerà gli effetti dell'uso di Facebook sull'invidia e le sue conseguenze all'interno di varie culture.


Fonte: Hu Berlin

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...